·Vivere, e sorridere dei guai·

#Fortunata (Regia: Sergio Castellitto. Con: Jasmine Trinca, Stefano Accorsi, Alessandro Borghi, Edoardo Pesce, Hanna Schygulla. Genere: Drammatico)

Questo film non tradisce le aspettative degli appassionati lettori della Mazzantini e di chi ha apprezzato la trasposizione cinematografica di romanzi come Non ti muovere e Venuti al mondo. Vi dirò che il primo è, di fondo, continuamente citato nella pur diversissima protagonista femminile. Anche qui Jasmine, come Penelope, è una ragazza che lotta quotidianamente per fare quadrare il cerchio della vita, tradita da un nome che avrebbe dovuto promettere strade in discesa e che invece non le ha portato che sventure. L’ambiente è ancora una volta la periferia della capitale, Torpignattara: casermoni e antenne “tagliati” dall’acquedotto romano. Chi conosce Roma sa quanto sia tipico di questa inafferrabile metropoli fondere inarrivabile bellezza e brutture urbane in un mescolamento dove gli uomini adattano le loro esistenze, non vedendo più né la bellezza né le brutture. In questo mondo ai margini, Fortunata fa la parrucchiera “a domicilio”, tentando con i guadagni in nero di acquistare un salone da chiamare Lucky, appunto. Corre dietro alle difficoltà, malferma sui tacchi, in un richiamo frequente al passo oscillante della protagonista di Non ti muovere. Cerca di fare la mamma, ma ha tutti contro, a partire dall’ex marito che la continua possessivamente, in pubblico, quasi come una vendetta, a chiamare “mia moglie”. Barbara, la sua bambina, è chiaramente a disagio, ne ha viste troppe di violenze e cattiverie tra le mura della casa dove sta crescendo: per curare questo disagio, Fortunata la porta in analisi. L’incontro con lo psicologo (Accorsi) cambierà ogni cosa: mai prima d’ora qualcuno le aveva parlato della “forza interiore” che ciascuno ha dentro, nella testa e nel cuore. Quella che ci deve impedire di cadere nella disperazione, di sputare per terra per ribellarci alle difficoltà, di tirare un calcio anziché ragionare se troviamo un muro davanti a noi. È molto bello il modo in cui i due si innamorano, Trinca e Accorsi sono bravissimi ad esprimere il sentimento che si fa strada tra tutte quelle sterpaglie. Sono pochi i momenti in cui si respira, guardando il film. I migliori sono girati in una città “intestinale e magica” come Genova (la citazione è ovviamente di Gino Paoli). C’è spazio per un amore così improvviso e dirompete in una esistenza che sembra irrimediabilmente destinata a tradire il nome Fortunata? C’è spazio per una inversione a U della sorte? Ciascuno si farà la sua idea, concluderà per una vittoria o una sconfitta. Ma la chiave di lettura, come era stato per Un senso in Non ti muovere, è una canzone di Vasco: Vivere, “è un po’ come perder tempo, vivere e sorridere dei guai, così come non hai fatto mai. E poi pensare che domani sarà sempre meglio”. Eccola, se non la ricordate:

(Qui sotto il trailer del film)





Articoli correlati

  • Sincerità?Novembre 22, 2015 Sincerità? #dobbiamoParlare (Di Sergio Rubini. Con Sergio Rubini, Isabella Ragonese, Fabrizio Bentivoglio, Maria Pia Calzone. Genere: commedia) Il film, con il suo titolo già di per sè […]
  • La giustizia di KatjaAprile 2, 2018 La giustizia di Katja #OltreLaNotte (Regia: Fatih Akin. Con: Diane Kruger, Johannes Krisch, Numan Acar, Denis Moschitto, Ulrich Tukur, Samia Muriel Chancrin, Ulrich Brandhoff, Hanna Hilsdorf, Rafael Santana, […]
  • Crescere prima di invecchiareMarzo 10, 2019 Crescere prima di invecchiare #CroceeDelizia (Regia: Simone Godano. Con: Alessandro Gassmann, Fabrizio Bentivoglio, Jasmine Trinca, Filippo Scicchitano, Rosa Diletta Rossi, Lunetta Savino. Genere: […]
  • Brava Valeria!Novembre 3, 2018 Brava Valeria! #Euforia (Regia: Valeria Golino. Con: Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea, Isabella Ferrari, Valentina Cervi, Jasmine Trinca, Andrea Germani, Marzia Ubaldi. Genere: […]