·Vademecum natalizio con penniche·

Eccezionalmente su queste tastiere di lunedì la vostra Greta dai cui polpastrelli scalpitava, da qualche giorno per la verità, una irrefrenabile voglia di condividere con voi una sorta di vademecum del bon ton natalizio…alla maniera nostra ovviamente e, quindi, bando a fiadoni e ciance e stylettiamo. Anzi, stringiamo un patto? Se io comincio buttandone giù i classici 10 poi voi mi aiutate a tagliare il traguardo ( un tantino ambizioso in effetti) dei “100 mai sia”? Magari per Capodanno!

Cartolina seriale di auguri

1- Non vi azzardate a rispuntare dal silenzio di 364 giorni con un anonimo o peggio ancora messaggio seriale il cui unico effetto nel vostro destinatario sarà quello di maledirvi per non essere rimasti nell’ignoto che vi ha ingoiati per un anno intero.

2- Se nessuno vi ha insignito del riconoscimento di “cavaliere al riciclo del regalo di Natale” non ci provate a far tornare in circolo pacchetti semi ricomposti e profumi diventati alcool etilico, vi sgameranno a due rampe dal pianerottolo.

3- Intolleranti a glutini, accidenti che vi pigliano e genere umano? State a casa vostra ed evitate di portarvi dietro stagnole da riscaldare e pappette che difenderete a costo della vita da eventuali contaminazioni anche di sguardi altrui. I dopo pranzo sono egualmente affettuosi e nel vostro caso generano meno feriti e ambulanze.

4- Se siete tentati di cedere anche quest’anno al richiamo della sirena strennata che vi sussurra ” sciarpeeeeee e cappellinooooo” sbattete due volte gli occhi, prendete fiato e optate per #qualsiasialtracosa.

5- Falangi spezzate a chi tenta di argomentare il buono regalo mentre lo stende al parente di turno. Almeno per un regalo la faccia ce la potete mettere no? Non sapevo cosa fare, non ti piace mai nulla, non ho avuto tempo quindi beccati sto buono.

6- Non torturate i vostri gentili ospiti commensali con un sottofondo musicale solo natalizio o peggio ancora jazzistico. Esattamente come a Ferragosto vi vieterò trenini in collane di fiori sulle spiagge pescaresi. Ricordatemelo, ma tanto non me lo dimentico!!!

7- Tassativamente da evitare domande su fidanzati delle cugine conosciuti 6-7 anni fa e sulle carriere folgoranti di cugini persi di vista.Le prime potrebbero non aver voglia di raccontarvi la tragedia della loro vita oppure di essere felicemente single o semplicemente conviventi con la collega d’ufficio. I secondi potrebbero non avere più un lavoro e voi, statene certi, siete gli ultimi ai quali l’avrebbero detto se non fosse che glielo state chiedendo da due primi e quattro bicchieri di vino.

8-  Questo punto è per zie, nonne e mamme : le tende non andavano fritte!!! Stavano bene appese!!

9- Chi s’azzarda a parlare di politica ed economia merita di tenere il cartellone della tombola fino alla Befana e soprattutto merita una tavolata di ultracentenari che richiamano i numeri sei volte ogni volta così che una giocata dura sette ore.

10-Punto pennica panza piena. Illegale. La pennica è illegale. Salvo essere a casa propria soli con 3 e dico 3 parenti ossia mamma, papà e fratello o sorella. Già se avete il gatto, o il cane, scatta la pennica illegale. Sia chiaro che di contro è egualmente illegale la camminata per smaltire. Lo zio che la propone è lo stesso che poi alle 19 si mette alla brace ad arrostire quintali di carne con la scusa che il pranzo ” lo abbiamo smaltito”. Quello di Natale in Abruzzo si ripropone alla gola almeno fino al 29.

Sospiri (appennicato) e Febbo

Dalfy appennicato (recidivo)

E a proposito di penniche illegali, ancor più delle nostre ( innocue, panciute e familiari) ci sono quelle di chi chiamato a votare il bilancio di una Regione ( il documento di sopravvivenza finanziaria più importante per una comunità) abbiamo beccato a russare persino. Pennichelle ovviamente bipartisan. Dalfy da un lato (tra l’altro recidivo) e Sospiri dall’altro. Guardare per credere. E non ci provasse nessuno a dire che era notte fonda: i netturbini che ci puliscono le strade alle 4 di mattina, a meno 2 gradi e a 1100 euro al mese li avete mai visti a schiacciare pisolini su cassonetti e campane del vetro?





Articoli correlati

  • Aridateci il congiuntivoDic 24, 2017 Aridateci il congiuntivo E niente, al Caffè Carducci di Pescara hanno mandato in vacanza un congiuntivo da...vetrina! Speriamo che???? Che "ritorni" e non "che ritorna"!!! Vi prego no! Vada Berlusconi (chiaramente […]
  • L’Enrico porta a portaGen 13, 2018 L’Enrico porta a porta Promessa o minaccia ? Lo ha annunciato in allegra compagnia della befana (la foto campeggia ancora sul suo profilo Face) "promettendo" di materializzarsi nelle case dei suoi cittadini di […]
  • Gi-Rotondi sgrammaticatiFeb 11, 2018 Gi-Rotondi sgrammaticati Non gli è bastato il putiferio scatenato dal suo cinguettio ad alto tasso alcolico quando se ne uscì con "Il principale mio merito verso il collegio abruzzese è di aver imposto l’amaro […]
  • Siparietto (poco) dannunzianoMar 3, 2018 Siparietto (poco) dannunziano Più che seduti stradaiati. Più che concentrati immedesimati. Un siparietto decisamente poco dannunziano quello offerto dal sindaco di Pescara Alessandrini e da Paola Marchegiani. […]