·Una feluca per Monticelli·

Non ce ne siamo accorti, ma da due giorni l’Abruzzo ha anche un ministro degli Esteri. E’ Luciano Monticelli, il consigliere regionale che da un po’ di mesi è l’ombra del presidente, insieme a Moreno Di Pierantonio.

Luciano Monticelli

Luciano Monticelli

Lui, che è presidente della quarta commissione, da alcuni mesi è stato anche elevato al rango di risponditore automatico (uno dei pochi che hanno l’onere e l’onore di firmare le risposte all’opposizione o di alzare le palle a Dalfy, come ha fatto due giorni fa con l’interrogazione postuma sul caso Bracco), e adesso è praticamente ministro. Come Moreno era uno degli scontenti e perdipiù anche fedelissimo di un nemico giurato di D’Alfonso, il parlamentare Tommaso Ginoble.

Tanto ha fatto tanto ha detto tanto ha ricamato e incoronato che alla fine, ecco fatto: con la delega ai Rapporti internazionali, Cooperazione internazionale e Progetti speciali, Monticelli ha saltato il fosso: da Ginoble a D’Alfonso nella buona e nella cattiva sorte (si vedrà).
Il siparietto andato in onda su Facebook tra Dalfy e il consigliere lo vedete nella foto qui sotto.

IMG_3551

Il presidente scrive che Monticelli i complimenti se li merita tutti, perchè fa “straordinariamente” il suo dovere. E lui risponde ringraziando per la fiducia.

La lettera di incarico

La lettera di incarico

E insomma: è la seconda delega, a costo zero per la verità, che Dalfy distribuisce in poco tempo. La prima a Di Pietrantonio, delega doppione ai grandi eventi e ora a Monticelli. Taglia gli assessori e moltiplica le deleghe.

ps: e che diamine, un pat-pat non si nega a nessuno.





Articoli correlati

  • Gatti da pelareNovembre 18, 2015 Gatti da pelare Forse è molto conteso, o forse no. Forse giocano su più tavoli, il conteso e il contendente, o forse è una partita più complessa. Tipo: vediamo chi la spunta, io o Tommaso Ginoble. Paolo […]
  • OpperBraccoMaggio 28, 2016 OpperBracco Come quelli che si svegliano dal coma ascoltando un disco o la voce del cantante preferito. Aprono gli occhi, ed è come se non fosse accaduto niente, come se fosse il giorno dopo: è […]
  • La lunga notte di RoccamoriceAgosto 13, 2017 La lunga notte di Roccamorice “Se devo morire, preferisco morire in battaglia”: dice così Giuliano Diodati, mezz'ora prima del vertice della corrente convocato ieri sera a Roccamorice, con l’assessore regionale Donato […]
  • Val Fino giustifica i mezziLuglio 27, 2016 Val Fino giustifica i mezzi E’ uno dei nuovissimi ingaggi nella squadra dei fedelissimi. Conquistato a colpi di incarichi, viaggi, adulazioni, poltrone e poltronissime: insomma grazie alla ruota che il governatore fa […]