·Una favola per Natale·

Andre Giroux – Santa Trinita dei Monti in the Snow, 1828

Ho cercato una storia, o meglio una favola per Natale, ma non l’ho trovata. Ho pensato allora di provare a immaginarla. Non tanto una favola con un inizio e una fine. Più una breve lista di desideri. La mia letterina a Babbo Natale.

Vorrei ci fosse la neve, innanzi tutto. Non ho mai passato un Natale con la neve, nemmeno quell’anno in cui andai con gli amici in settimana bianca, perché mi pare partimmo il 27 dicembre, a Natale e Santo Stefano già fatti. Sarebbe bello, invece, affacciarsi alla solita finestra, la mattina del 25 dicembre, e trovare le case, le strade e le macchine coperte di bianco. E’ capitato qui a Roma, un anno, nel giorno dell’Epifania, e fu bellissimo. Sarebbe ora che accadesse anche a Natale, per giocare a palle di neve, scivolare per le discese innevate, bagnarsi e poi riscaldarsi. 

Vorrei ricostruire quella casa diroccata, vuota e abbandonata da troppo tempo. Per far rivivere chi la abitò. 

Vorrei poter vedere di nuovo le persone alle quali ho voluto bene. Parlare, ballare, brindare, ridere e piangere anche con loro. 

Vorrei incontrare le persone che ancora non ci sono e che verranno. 

Vorrei che ogni bambino venisse esaudito nel suo desiderio più grande. Ma pure i ragazzi. E anche noi adulti, perché no?

Vorrei che gli ospedali si svuotassero. Che ci fosse la pace in ogni angolo della terra, in tutte le case e in ogni momento della vita di ciascuno. E con la pace, anche amore, prosperità e salute. Che nessuno debba sentirsi solo. Che nessuno debba morire per sperare di vivere. Che il mondo, questo mondo, fosse un luogo in grado di accogliere tutti, uno per uno, senza distinzioni di razza, sesso, religione. Che ognuno possa trovare e poi essere sempre se stesso, insieme agli altri. 

Vorrei, poi, che il tempo fermasse i suoi rintocchi su un momento eternamente felice. 

Qualcuno deve avermi detto, quando ero bambino, che per avere quello che vuoi è sufficiente chiudere gli occhi e immaginarlo. Perché è una cosa che faccio, ogni tanto, soprattutto quando sento che qualcosa, o molto, non va. Quindi ora chiudo gli occhi, e quello che ho scritto prima è davanti a me.

Grazie Babbo Natale.




Articoli correlati

  • San Lollo23 Gennaio 2022 San Lollo Dopo molti anni sono tornato nel quartiere San Lorenzo, per accompagnare mia figlia e una sua amica a passare una serata con dei loro amici. Personalmente frequentavo San Lorenzo, che […]
  • Passeggiando in bicicletta5 Dicembre 2021 Passeggiando in bicicletta La vita è spesso un cerchio. Anzi molti cerchi. In questa mia fase di mezza età, un cerchio è rappresentato dalla bicicletta.  L’ho riscoperta l’estate scorsa.. Forse è stato […]
  • Ricorrenze14 Novembre 2021 Ricorrenze Ognuno ha le proprie ricorrenze. Come tutti, anche io ho le mie ed è proprio dei giorni scorsi quella della mia laurea. Quest'anno, non so perché, ci ho pensato più delle altre volte. […]
  • Nel sangue, nelle vene1 Novembre 2021 Nel sangue, nelle vene Circondato dall’umidità che prepotente, in questo lembo superstite di agro romano, irrompe in una notte di fine ottobre, aspetto che mio figlio percorra il viottolo che da una […]