·Toulà, touqua, Papi e papesse·

Ci sono foto che raccontano più di cento articoli. E anche foto semplicemente divertenti (ma sempre utili). Maperò ne ha selezionate un bel po’, come fa spesso, per cui alcune sono un po’ datate e altre più recenti. 

Ecco qui uno spaccato della visita di Mattarella in Abruzzo per l’inaugurazione dell’elettrodotto Terna.

Mattarella conteso

L’ex governatore della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, tanto ha fatto tanto ha detto, tra piroette e aggiramenti della scorta, è riuscito ad agguantare il presidente della Repubblica, che conosce dai tempi della Dc, e a scambiare due inevitabili battute con risata (di cortesia) annessa, guardato di sbieco e da lontano da Giovanni Legnini. Non proprio uno sguardo benevolo, il suo.

Prime e seconde file

La legge del potere e della vita ha le sue regole: così in prima fila accanto a Mattarella troviamo il governatore Marco Marsilio, Lorenzo Sospiri un po’ oscurato, e dietro tutti gli altri.

Dal Toulà al Touqua

Invece, inaspettatamente, e proprio accanto e poi di fronte al presidente della Repubblica, mentre saluta il vescovo di Pescara, c’è il parlamentare Antonio Martino, pronto a rilanciare il suo Toulà portato da Cortina a Cepagatti (sic!).

Tampinamenti

Ma ecco qui sempre Dalfy in versione peperoncino con la bella ambasciatrice del Montenegro. Tampinamento riuscito.

Grazie Papi

Attivissimo sui social, l’ex governatore ora senatore da un po’ di tempo sta tallonando il presidente Marsilio ricordandogli che molte delle opere che va sbandierando si devono a lui. L’ultimo slogan è ispirato a Berlusconi: “E’ bello prendere meriti con fondi e progettazione del Papi”. Dove Papi sta per D’Alfonso

Amici più di prima

E quando tutti sono tornati a casa, sfumate le competizioni politiche e le risse, svaniti gli insulti, volersi bene è più semplice. Ecco che Giuliano Diodati e l’ex sindaco Marco Alessandrini si incontrano per strada per caso e si baciano e abbracciano, con tanto di foto su Facebook. Apparentemente sorridenti, ma tutti e due con occhiali scuri (e si sa, gli occhi non tradiscono mai).

Capiton Findus

Poi, in finale, dopo la figuraccia che ha rimediato grazie alla consigliera Marinella Sclocco (che gli ha fatto sentire in aula le sue parole registrate di qualche tempo prima, quando diceva che all’ex Cofa ci sarebbe andato solo il Politecnico, smentito dal rettore Caputi), eccolo in versione Silvio Garattini, presidente del Mario Negri sudo o di Capitan Findus. Fate voi.

Silvio Garattini

Capitan Findus




Articoli correlati

  • Vacanze di Natale2 Gennaio 2016 Vacanze di Natale E insomma, un sacco di sorprese. Sarà che dicembre, il Natale (o quello che si beve), il clima di festa liberano i freni inibitori, sarà che alla fine i politici fanno i salti mortali per […]
  • Di Matteo, il retroscena su Diodati9 Novembre 2018 Di Matteo, il retroscena su Diodati Di Matteo a testa bassa. Accuse alla gestione accentratrice di Luciano D’Alfonso alla Regione, alla visione anti-democratica dell’ex governatore, all’assenza di politiche sociali e per […]
  • La lunga notte di Roccamorice13 Agosto 2017 La lunga notte di Roccamorice “Se devo morire, preferisco morire in battaglia”: dice così Giuliano Diodati, mezz'ora prima del vertice della corrente convocato ieri sera a Roccamorice, con l’assessore regionale Donato […]
  • Biancaneve e i sette nani abruzzesi7 Agosto 2018 Biancaneve e i sette nani abruzzesi E’ dal 4 marzo scorso che il Pd abruzzese non dà segni di vita: è morto o in catalessi come Biancaneve perché ha mangiato la mela avvelenata che gli ha offerto la Strega cattiva, dopo aver […]