·Stipendiopoli all’Aric·

Continua la Stipendiopoli d’Abruzzo. Il governatore Marco Marsilio, dopo aver aumentato gli stipendi ai manager Asl, continua a testa bassa nella sua opera di distribuzione di pani e di pesci (a spese nostre). Questa volta ha raddoppiato gli stipendi all’Aric, la centrale degli acquisti. Così, prima ha aggiunto il compenso per il commissario Aric (Daniela Valenza), pari al 50 per cento di quello del direttore generale (svolto però finora gratuitamente da Fabrizio Bernardini, dirigente interno della Regione), e poi ha nominato ben due sub commissari, che saranno retribuiti col 40 per cento del compenso previsto per il direttore generale.

Prima D’Alfonso
Poi la giunta Marsilio

La denuncia è del vice presidente del Consiglio regionale, il pentastellato Domenico Pettinari. Insomma, Marsilio ha sorpassato a destra D’Alfonso, istituendo tre nuove posizioni a pagamento, in questo caso tutte concentrate all’Aric. 

ps: Deve aver preso alla lettera quanto ha scritto il Tavolo di monitoraggio della Sanità a pagina 75, dove si chiedeva di “potenziare l’organico del soggetto aggregatore regionale”: solo che il Tavolo si riferiva agli organici di lavoro, mentre sia D’Alfonso che Marsilio hanno aumentato sempre e soltanto i posti di vertice, e lo hanno considerato solo un poltronificio, da Menduni in poi.




Articoli correlati

  • La Fira taglia tutto: morte annunciataGiugno 9, 2017 La Fira taglia tutto: morte annunciata Tagli del sessanta per cento ai compensi del Cda, contratti di solidarietà ai dipendenti a partire da settembre. Riduzione di affitti, consulenze, benefit: è pronta a chiudere i battenti […]
  • All’Aric un’altra dalfonsianaOttobre 5, 2019 All’Aric un’altra dalfonsiana Un’altra dalfonsiana di ferro alla corte di Marsilio. Che, per la verità, le aveva già concesso una proroga come dirigente del servizio assistenza atti al Presidente e alla Giunta […]
  • Portaborse, c’è chi dice sìSettembre 27, 2016 Portaborse, c’è chi dice sì E’ il giorno delle polemiche, e degli imbarazzi, e delle bocche cucite e dei telefoni che squillano a vuoto. Dopo la parentesi di Palermo, tutti uniti tutti contenti tutti zitti, il caso […]
  • Task force d’oro, marcia indietroMaggio 17, 2017 Task force d’oro, marcia indietro Marcia indietro. Ma ci sono voluti la messa in mora della Corte dei Conti e la lettera del direttore generale Cristina Gerardis perchè si rimangiassero tutto. E anche sei mesi di […]