·Staffista di Dalfy all’Arap·

Lui è un altro ex staffista. Ma mica uno qualsiasi. Uno di quelli che aveva una mission particolare, ai tempi del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso: Antonio Santozzi, da tutti all’epoca chiamato il deejay, doveva gestire la filodiffusione degli uffici della Regione, regolarne i toni e il volume, in modo da distendere i nervi del governatore e, a volte, anche per un altro scopo: occultare le conversazioni che si svolgevano nei sacri uffici alle orecchie indiscrete.

Adesso Antonio Santozzi, in pieno spirito bipartisan, è stato assunto all’Arap, azienda regionale per le attività produttive, avamposto ancora dalfonsiano visto che il presidente è Giampiero Leombroni e il direttore generale è il suo testimone di nozze Antonio Sutti. E nel cda ci sono Carmen Ranalli, altra sua fedelissima e Giuseppe Savini.

In ogni caso l’ex deejay è stato assunto nelle categorie protette, ebbene sì, come disegnatore Cad civile, area funzionale tecnica categoria B con contratto part time a 20 ore settimanali.

All’epoca aveva fatto scalpore: negli uffici regionali in cui Dalfy aveva fatto piazzare lastre di pietra di Lettomanoppello che raccomandavano di abbassare i toni, all’improvviso aveva fatto il suo ingresso anche la filodiffusione. Ora, la musica e’ vero che distende i nervi aiuta la creatività stimola le energie. Ma per lui niente di tutto questo: Dalfy l’ha sempre odiata e le sue conoscenze sono tuttora ferme a Gianni Morandi, non quello di oggi ma quello di fatti mandare dalla mamma. E invece, da governatore, gli uscì fuori la vena romantica. 

Luciano D’Alfonso

E cosi proprio Santozzi era stato utilizzato anche per gestire la filodiffusione. Una specie di dj, insomma. Che alza e abbassa a comando. Tanto che in molti sospettarono che la musica servisse anche a disturbare le cimici, semmai a qualcuno fosse venuto in mente di piazzarle alla Regione. E, col senno di poi, ci avevano visto giusto.

ps: adesso Santozzi lavorerà all’Arap come disegnatore. E chissà se anche lì pensano di fare uso della filodiffusione, non si sa mai.




Articoli correlati

  • Giuliante a testa bassa: vogliono solo spendere e assumere5 Ottobre 2019 Giuliante a testa bassa: vogliono solo spendere e assumere E’ un attacco senza precedenti quello che firma il presidente della Tua Gianfranco Giuliante: contro l’opposizione che lo attacca un giorno sì e l’altro pure ma che era saldamente al […]
  • Maxi infornata alla Regione2 Novembre 2018 Maxi infornata alla Regione Saldi di fine stagione: li chiama così il presidente della Commissione di vigilanza Mauro Febbo di Forza Italia. Ecco pronta la nuova infornata di 64 dipendenti regionali disposta dall’ex […]
  • La carica delle Dalfonsine8 Maggio 2018 La carica delle Dalfonsine La figlia dell’ingegnere suo compaesano, la figlia di un vecchio amico defunto, e poi la figlia dell’ex poliziotto ora suo fac totum. E poi l’ombrellina, e la solerte segretaria del suo […]
  • E Dalfy assume l’Ombrellina27 Aprile 2018 E Dalfy assume l’Ombrellina E’ una delle sei ragazze che reggeva l’ombrellino, quella che riparava la testa, ora dal sole ora dalla pioggia, al docente di Sociologia economica dell’Università delle Marche Carlo […]