·Un sindaco (Oxy) strong·

E adesso che finalmente Carlo Masci corona il suo sogno, un sogno che insegue da quasi vent’anni, indossando la fascia da primo cittadino che gli cede con gentilezza il sindaco uscente Marco Alessandrini, dimostra tutta la sua scarsa dimestichezza con le fasce: già la sera della vittoria si era intrecciato con lo striscione del Pescara, e ci vollero tre minuti buoni perché riuscisse a esibirla nel verso giusto, in modo che la scritta risultasse leggibile alle telecamere; e anche ieri alla fine, nel gran giorno, quello della sua incoronazione, se l’è messa storta, col colore rosso vicino al volto, mentre la regola stabilisce che il verde debba essere accostato al volto del pubblico ufficiale. E il bello è che Alessandrini gliel’aveva fatta indossare nel verso giusto ma poi lui quando si è fatto fotografare da solo, se l’è rimessa nel verso sbagliato. 

Sarà stata l’emozione.

Adesso però basta parlare di di fasce e di gaffe. Meglio i programmi. Il primo impegno di Masci è la bandiera blu e il mare pulito. E siccome la stagione balneare è finalmente arrivata, è proprio l’argomento che sta più a cuore ai pescaresi.

C’è da dire che Masci trova un mare e un fiume già risanati un bel po’ dalle opere realizzate in questi ultimi anni, ampiamento del depuratore e opere di riqualificazione ambientale, ma col caldo e il raddoppio della popolazione, l’acqua diventerà inevitabilmente più sporca. E un allarme batteri è già scoppiato in diversi punti della riviera cittadina. 

E allora? Quale sarà l’asso nella manica di Masci, a cosa pensava quando prometteva la bandiera blu e l’annunciava con tanta sicurezza, perché ce l’avrà un asso nella manica, vero? Mica potevano essere palle da distribuire ai cittadini in campagna elettorale, di quelle che si dicono così tanto per dire?

Niente affatto. 

In realtà Carlo Masci è quello che da assessore al Turismo del Comune di Pescara introdusse ufficialmente l’Oxystrong. Che è, per chi non lo ricordasse, acido peracetico, un antimicrobico altamente corrosivo, che viene spesso utilizzato anche per la disinfezione di forniture mediche. Nel 1999, seconda giunta a guida Carlo Pace, l’allora assessore Masci propose di versare un corposo quantitativo di Oxystrong direttamente nelle fognature dei Comuni che si affacciano sul fiume Pescara.

“ Il fiume arriva a Pescara già inquinato – dichiarò Masci – i problemi vanno risolti a monte, in quei comuni che ancora non sono dotati di un impianto di depurazione. Tutti siamo a conoscenza di dove si trovano quei quattro, cinque grandi scarichi che vanno direttamente nel fiume bypassando ogni sistema di depurazione e che creano una situazione insostenibile a Pescara. L’ oxystrong potrebbe essere una soluzione”.

Poi sappiamo com’è andata a finire. Un po’ di disinfettante che dia un effetto pulito giusto il tempo delle analisi dell’Arta. Per il resto, batteri sotto la sabbia.

ps: Ma almeno adesso sappiamo con certezza che no, non erano lusinghe elettorali quelle usate da Masci in campagna elettorale: il mare pulito con lui lo avremo davvero. A che prezzo lo scopriremo solo nuotando.




Articoli correlati

  • Di Matteo, il retroscena su Diodati9 Novembre 2018 Di Matteo, il retroscena su Diodati Di Matteo a testa bassa. Accuse alla gestione accentratrice di Luciano D’Alfonso alla Regione, alla visione anti-democratica dell’ex governatore, all’assenza di politiche sociali e per […]
  • Caputi va, Dezio raddoppia5 Ottobre 2018 Caputi va, Dezio raddoppia Il giorno del passaggio delle consegne è lunedì 8 ottobre: per quella data il direttore generale del Comune di Pescara Pierluigi Caputi andrà in pensione. Approdato nel capoluogo adriatico […]
  • Strappo con Forza Italia, Antonelli verso la Lega19 Marzo 2019 Strappo con Forza Italia, Antonelli verso la Lega Ma quale sondaggio. Non ci sta Marcello Antonelli, e lo dice con una letteraccia ai coordinatori di Forza Italia, e per far vedere che non scherza allega le sue dimissioni da capogruppo […]
  • Lega contro azzurri, sul piatto c’è Pescara27 Marzo 2019 Lega contro azzurri, sul piatto c’è Pescara Matteo Salvini non mollerà Pescara: ci rimetterebbe la faccia, dicono fonti bene informate della Lega. Anche se alla fine Pescara è solo una pedina, una delle tante che verrà valutata al […]