·Rivera mazzolato·

Carlo Massacesi ha diritto al risarcimento del danno per perdita di chance. La Corte d’Appello dell’Aquila ha bocciato il ricorso presentato dalla Regione Abruzzo e conferma quanto aveva stabilito il giudice del lavoro dell’Aquila: Vincenzo Rivera, l’attuale direttore generale della Regione Abruzzo, non aveva i titoli per essere nominato Direttore del Dipartimento della Presidenza e dei Rapporti con l’Europa. Il dirigente regionale Carlo Massacesi, difeso dall’avvocato aquilano Fausto Corti, aveva quindi ragione, su tutta la linea. 

Rivera non solo non aveva mai svolto incarichi di natura dirigenziale per i cinque anni previsti dalla legge, ma non aveva neppure il requisito alternativo della “particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e post universitaria, da pubblicazioni scientifiche o da concrete esperienze di lavoro”. Requisito quest’ultimo che secondo la Regione, che aveva appellato la sentenza del giudice del lavoro, non era stato contestato da Massacesi nel suo ricorso.

In realtà la Corte d’Appello ribadisce che

“non è possibile comprendere quali sono gli elementi che hanno consentito l’individuazione del Rivera quale soggetto più idoneo alla copertura dell’incarico, stante che, per stessa ammissione della Regione, egli non ha ricoperto incarichi dirigenziali né in Regione, né presso altre amministrazioni pubbliche o private, mentre la particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica deve essere comprovata sia dalla formazione universitaria e post universitaria (che non si limita al conseguimento della laurea), sia da pubblicazioni scientifiche, sia da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio”.

L’avvocato Fausto Corti

Requisiti che devono concorrere cumulativamente “e non alternativamente”. Inoltre, aggiungono i giudici, il requisito della particolare specializzazione professionale comprende

“non solo la concreta esperienza di lavoro, ma anche una particolare formazione universitaria e post-universitaria e le pubblicazioni scientifiche, requisiti non rinvenibili nel curriculum del dr. Rivera”.

No,  non possono essere considerati di particolare interesse scientifico le pubblicazioni che Rivera allega nel suo curriculum e cioè “Profili essenziali dell’emigrazione abruzzese dall’Unità ad oggi” e “La montagna italiana tra marginalità e sviluppo”, di 15 anni fa. Il tribunale del lavoro, sul punto, era stato lapidario: queste pubblicazioni “non sembrano dare riscontro di alcuna specialistica competenza riconducibile alla figura del dipartimento della Presidenza e dei rapporti con l’Europa”.

Vincenzo Rivera

Rivera viene nominato dalla Regione in era D’Alfonso dopo aver scartato 4 domande sulle 21 presentate: “Il candidato vanta titoli e una pluriennale esperienza in posizione dirigenziale”, scrivono nella delibera di incarico. Ma i famosi cinque anni richiesti, Rivera non li ha mai fatti. Perché non è ruolo da dirigente quello del coordinamento e raccordo del presidente dal 2006 al 2008 né quello più recente di coordinamento della struttura di raccordo istituzionale del presidente del gennaio 2015 (presidente D’Alfonso). Intanto perché sono incarichi fiduciari e poi perché l’equiparazione dell’incarico “Gabinetto della presidenza “ e “Segreteria del presidente” a quello dei dirigenti previsto dalla legge regionale 17 del 2001 è stata abrogata dopo l’impugnazione da parte del governo perché violava “i principi di uguaglianza, buon andamento e imparzialità e in particolare il principio costituzionale del pubblico concorso, che offre le migliori garanzie di selezione dei più capaci”. Insomma, non possono fare i dirigenti gli uomini o le donne che vengono chiamati dal presidente su base fiduciaria e quindi senza concorso. 

Che poi lui sia stato pagato come dirigente, come sostiene la Regione nel suo ricorso, poco importa. 

Luciano D’Alfonso

Non solo: censurabile anche il fatto che la Regione non avesse predeterminato i criteri per la scelta del vincitore. Il ricorso presentato dall’ex governatore Luciano D’Alfonso è stato così respinto, Massacesi ha diritto al risarcimento del danno mentre la Regione dovrà pagare anche le spese di giudizio, 6.615 euro oltre le spese generali.

ps: Ma a questo punto sorge un’altra domanda: se Rivera non aveva i titoli per fare il Direttore della Presidenza e dei rapporti con l’Europa, come può averli per fare il direttore generale? 




Articoli correlati

  • Bussi, trasferito RomandiniGiugno 2, 2017 Bussi, trasferito Romandini Trasferito in Corte d’Appello a Roma come consigliere: il Csm ha accolto la richiesta del presidente della Corte d’Assise di Chieti Camillo Romandini. Una decisione che neutralizza l’esito […]
  • Il duchino non ha i titoli, la Regione pagaMarzo 30, 2018 Il duchino non ha i titoli, la Regione paga La Regione Abruzzo non poteva nominare Vincenzo Rivera direttore di dipartimento della Presidenza e dei rapporti con l’Europa: non aveva i requisiti. E la giunta guidata da Luciano […]
  • Monia, per il killer pena dimezzataMaggio 17, 2019 Monia, per il killer pena dimezzata Non c’è stata l’aggravante della crudeltà, secondo i giudici di Appello: è stata ridotta da 30 a 17 anni di reclusione la pena per Giovanni Iacone, l'uomo di 49 anni che l'11 gennaio del […]
  • Maio mi sentoMaggio 10, 2016 Maio mi sento A dimettersi si era dimessa subito da vice presidente di Abruzzo sviluppo: una condanna è una condanna e lei non voleva rischiare di essere fatta fuori dalla legge Severino. E aveva […]