·Un po’ meno dottorissimi·

Un ripensamento. Di quelli che ti vengono all’improvviso, magari leggendo Maperò magari no, ti sarebbe venuto lo stesso. Il concorso per i dottorati di ricerca, quello aperto ai dipendenti regionali, talmente aperto che sarebbero stati ammessi anche in sovrannumero, talmente ambito che la Regione Abruzzo aveva sottoscritto una convenzione con l’Università di Teramo, è stato prima bloccato e poi, dopo una riflessione di una decina di giorni, riaperto.

Luciano D'Alfonso e Luciano D'Amico

Luciano D’Alfonso e Luciano D’Amico

Lo ricordate, no? I link dei post di Maperò li trovate qui. E anche qui.

Un mare di polemiche. Facile intuirlo: i dirigenti regionali, anche quelli assunti senza concorso, insomma i dottorissimi di Luciano D’Alfonso avrebbero avuto un privilegio in più. Il titolo pesa nelle graduatorie e nei concorsi, apre le porte della carriera universitaria e per tanti è difficilissimo da conquistare. Per carità, il dottorato è aperto per legge ai dipendenti pubblici e, lo sanno tutti, tra Università di Teramo e Regione Abruzzo c’è una fitta collaborazione: non solo il rettore Luciano D’Amico è presidente di Tua, la neonata società di trasporti abruzzesi, ma persino nello staff del presidente Luciano D’Alfonso lavorano dipendenti di Unite, come Sabrina Saccomandi. Quindi il dottorato ci stava come la ciliegina sulla torta.

Luciano D'Amico

Luciano D’Amico

Maperò. Qualche tempo fa l’Università stoppa tutto.

<Al fine di approfondire alcuni aspetti di carattere gestionale, si comunica che le prove di ammissione al corso di dottorato “Processi di armonizzazione del diritto tra storia e sistema” sono state rinviate a data da destinarsi>. Le nuove date saranno rese note con avviso pubblicato sul sito web dell’ateneo, aggiungeva la nota, unitamente all’elenco degli ammessi.

Ecco, la novità rispetto alla prima versione è proprio l’ultima: “unitamente all’elenco degli ammessi”, che prima mancava. Sarà per questo, o per le proteste di molti dipendenti che non avevano saputo nulla (la notizia circolava invece proprio nello staff del presidente), oppure perchè l’ammissione in sovrannumero aveva provocato tantissime polemiche, che alla fine questo assalto della dirigenza al dottorato teramano non c’è stato. In ogni caso tra gli ammessi alla prova scritta che si terrà il prossimo 21 ottobre c’è un solo dipendente regionale: Leo Grassi, dirigente distaccato nella sede di Bruxelles.

Gli altri? Forse aspettano tempi migliori.





Articoli correlati

  • I dottorissimi di D’AlfonsoSettembre 16, 2015 I dottorissimi di D’Alfonso E adesso avranno un privilegio in più. Certo dovranno fare il concorso, e superare le prove, che saranno dure e serissime come per tutti gli altri comuni mortali. Ma intanto, alla fine […]
  • Gatti da pelareNovembre 18, 2015 Gatti da pelare Forse è molto conteso, o forse no. Forse giocano su più tavoli, il conteso e il contendente, o forse è una partita più complessa. Tipo: vediamo chi la spunta, io o Tommaso Ginoble. Paolo […]
  • Dottorandi a spese nostreLuglio 29, 2016 Dottorandi a spese nostre Sono nove i posti riservati ai fedelissimi di D’Alfonso. La convenzione della Regione Abruzzo con l’Università di Teramo per ammettere ai dottorati di ricerca i dipendenti regionali, è […]
  • Fedelissimi e dottorissimiSettembre 17, 2015 Fedelissimi e dottorissimi Soldi. Quelli delle famiglie che mantengono i figli. Sacrifici. Non solo quelli delle famiglie, ma anche quelli dei figli, che studiano e studiano. E poi se ce la fai, a prenderlo. E se ce […]