·Roba da Matteo·

E’ ben triste la vita (politica) di un premier che per passare un pomeriggio in una città di provincia deve far blindare le strade e le piazze. E’ come chiudersi in casa, mettersi davanti allo specchio e giocare alla regina di Biancaneve: ieri Matteo Renzi ha fatto così. E non è stato certo il corteo annunciato a mettergli paura e ad allertare le forze dell’ordine, proprio no. Quello ci sta. E’ il dissenso occasionale o la freddezza o la pernacchia, è la signora che lo ferma per strada e gli dice non si vergogna, il ragazzo che lo fischia ciò che fa più paura a un politico che fa della comunicazione e della simpatia le sue armi più forti.

image

Selfie e proteste per Renzi

E se guardiamo l’Aurum e il Circus e Palazzo di città con le sale piene come uova, il ristorante zeppo gli imprenditori in prima fila gli applausi e le bandierine, la festa è riuscita. Ma lì dentro non c’era la gente, non c’era l’Abruzzo, non c’erano i problemi della città e della Regione. C’erano le solite comparse richiamate dagli sms del governatore, gli inviti pressanti, la chiamata alle armi.
La visita di Renzi Maperò ve la racconta con un po’ di foto, perchè il resto tanto si sa.
E allora eccolo qua, appena arrivato al Porto turistico, accolto dal governatore Luciano D’Alfonso e dalla sottosegretaria Federica Chiavaroli in camicetta fiorata (l’emozione deve averle fatto sentire caldo). Il pranzo è pronto, da Franco (antipasto, risotto, coda di rospo).

Selfie e proteste per Renzi

Renzi all’arrivo (Dezio di spalle un po’ distante)

I parlamentari vengono fatti accomodare in veranda, non proprio il posto più pregiato. A tavola con Renzi ci sono Dalfy e la Chiavaroli, che ormai vanno d’amore e d’accordo. E sfilano Carlo Toto, Agostino Ballone con figlia, Barbara Morgante ad di Trenitalia, Fabio Maresca, Piero Faraone, Luca Tosto. Il governatore regala a Renzi lo stemma di Firenze scolpito nella pietra della Maiella, fatto da uno scalpellino di Lettomanoppello (i regali in pietra di Lettomanoppello sono un must per Dalfy).

Dalfy, Renzi, Chiavaroli, Sottanelli e nascosta, la D'Incecco

Dalfy, Renzi, Chiavaroli, Sottanelli e nascosta, la D’Incecco

Mica potevano mancare i selfie, si può dire che li ha inventati lui: e allora eccolo con i ragazzi del villaggio della Comunicazione e con la lanciatissima Cristiana Canosa, neo candidata sindaco a Ortona. Si selfie chi può.

oggi2

img_3980

Certo, c’è chi a Matteo Renzi preferisce Renzi punto e basta, e la pasticceria di via Roma val bene un bignè. Guerino Testa celebra così l’arrivo a Pescara del premier. E chi può dargli torto.

oggi

A Spoltore i giornalisti che aspettano l’arrivo del presidente del Consiglio vengono chiusi in gabbia, tenuti a distanza mentre la festa ha inizio. E c’erano davvero i bimbi con le bandierine, vestiti tutti uguali con le felpe bianche e i cori di benvenuto. E sembra di fare un salto indietro di sessant’anni.

Giornalisti ingabbiati

Giornalisti ingabbiati

oggi4

oggi5

Poi all’Aurum discorsi seri: si parla di Masterplan e di cantieri, nelle prime file le solite facce. E chi ha scommesso sul fatto che mai e poi mai Renzi avrebbe parlato di referendum al Circus durante l’intervista di Luca Sofri, è rimasto proprio deluso: alla fine ha parlato di referendum, una toccata e fuga, così per la gioia degli studenti che hanno risposto all’invito dell’Ufficio scolastico regionale e si sono presentati lì per beccarsi i crediti formativi.

img_3975

Alle 18.30 si riunisce il corteo che sfilerà per le vie del centro. Tantissimi, sono in centinaia, dicono no alle grandi opere che piuttosto c’è bisogno di lavoro, e dicono no al referendum, e cantano Bella ciao e davanti al cinema Circus urlano “vergogna vergogna”. Vergogna che in periodo elettorale il Festival delle letterature inviti  il premier. E che lo intervisti Luca Sofri, il marito di Daria Bignardi appena nominata da Renzi direttrice di Rai3, fa montare la polemica. Che razza di intervista sarà.

img_3977

img_3978

Alla fine, eccoci in Comune. Senza freni qui, qui è previsto che si parli liberamente di referendum. In platea, persino Donato Di Matteo. In una foto, Camillo D’Alessandro, Marco Alessandrini e Luciano D’Alfonso esibiscono identiche pose e anche una identica e allarmante pancia.

img_3979

In alcune foto, Dalfy arringa la folla da un palco addobbato con un rivestimento nero. Mentre Di Matteo si gira di lato e fa finta di leggere un sms sul telefono.

img_3973

img_3974

A fine comizio, siparietto familiare: i tempi sono maturi per presentare ufficialmente Renzi in famiglia (lui è già venuto tre volte a trovarlo). Ed eccolo qua Luciano D’Alfonso in posa con la moglie Livia, il figlio Luca e Matteo in maniche di camicia.

oggi6

oggi7

Poi di corsa a casa. Non di corsa per la verità: l’aereo Renzi lo riprende verso le 22.15, e forse il tempo per una cenetta volante o almeno un aperitivo privatissimo c’è stato. Via Regina Margherita viene chiusa al traffico proprio in quei momenti. C’è chi è sicurissimo che Dalfy trova il modo di portare il premier a casa di Carlo Toto. Sarebbe stato un bel colpo per lui, visto che l’ampliamento dell’autostrada è ancora appeso negli uffici del ministero dei Trasporti. Una parola buona di Renzi sai che effetto.
Ma nessuno conferma, e le luci alle dieci di sera a casa Toto sono quasi tutte spente.

 





Articoli correlati

  • I guastafesteNovembre 10, 2016 I guastafeste E alla fine se proprio deve essere crisi, almeno rinviatela, diamine. L’ultima preghiera rivolta dal presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso ai tre ribelli quando ha capito che […]
  • Donato il guastafesteNovembre 8, 2016 Donato il guastafeste Due sorprese di troppo rischia di trovarsi di fronte Matteo Renzi giovedì al suo arrivo a Pescara. Eppure il governatore Luciano D’Alfonso gli aveva preparato tutto al centimetro, anzi al […]
  • Saccomandi: ecco com’è andataNovembre 12, 2016 Saccomandi: ecco com’è andata E adesso la dirigente scolastica che ha fatto circolare la mail con l’invito a partecipare al Fla per assistere all’intervista di Luca Sofri a Matteo Renzi passerà i guai. “La dirigente è […]
  • Consiglieri senza portafoglioOttobre 16, 2015 Consiglieri senza portafoglio Si sono impanicati tutti. Telefonate, proteste, qualche vaffa. La senatrice Federica Chiavaroli di Ncd non fa che rispondere al telefono, e non sono belle telefonate. Gli insulti si […]