·Regione, mance a più non posso·

C’è chi non ha un lavoro. C’è chi non arriva a fine mese. Chi per fare una Tac deve aspettare due anni perché non ha i soldi per rivolgersi al privato. C’è chi muore di fame. E la Regione Abruzzo distribuisce mance. Per il festival del cioccolato e la fiera dell’artigianato di Vacri. Con tutto il rispetto, ma anche no.

Non bastava il milione di euro alla Rai per il “Cartoon on the bay”, festival dedicato all’animazione televisiva e cross-mediale che sta tanto a cuore al presidente Marco Marsilio e sicuramente anche a Massimo Liofredi, ex direttore Rai ragazzi e attuale direttore di sede in Abruzzo, finanziamento tolto dai Trasporti ed elargito alla Rai sotto mentite spoglie, ben nascosto tra le pieghe del provvedimento sulle mareggiate. C’è di peggio, molto peggio.  Il caso è scoppiato in Consiglio regionale, ha provocato un durissimo scontro tra Lorenzo Sospiri e Marianna Scoccia, Udc, e ha fatto imbufalire anche parte della Lega che teme, come al solito, di rimetterci una faccia già abbondantemente compromessa.

La maggioranza di centrodestra di nuovo, ben camuffato nel progetto di legge sulle tasse automobilistiche, ha tentato di infilare un finanziamento di 150 mila euro, mica bruscolini, per i 50 anni del Consiglio regionale. Una cifra enorme, che non si sa a cosa dovrebbe servire, in che modo dovrà essere utilizzata, a chi dovrebbe essere affidata e per fare cosa.

Marianna Scoccia
Lorenzo Sospiri

Così, a parte i 2 milioni di euro per le mareggiate, sono piovuti una serie di altri finanziamenti: 125 mila euro per la messa in sicurezza della Chiesa di Pietranico, 10 mila a Francavilla sempre per una Chiesa, alla fiera dell’artigianato di Vacri altri 10 mila euro, al Chocofestival dell’Aquila altri 10 mila euro, a Maiella 2016 altri 10 mila, 5 mila all’associazione Theate musica Antiqua.

Congelati per il momento i soldi per finanziare la video sorveglianza degli edifici di culto. Ma solo per il momento.

Un putiferio, con l’opposizione che gridava “Marchette, marchette”.

ps: Come chiamarle, sennò?




Articoli correlati

  • Marche & marchette13 Febbraio 2017 Marche & marchette Qui gli Open day e la politica delle mance, mille euro a te e mille a quell’altro. Lì gli spot di Sanremo, una vetrina internazionale, Neri Marcorè e i fuochi di artificio, e tutti i […]
  • Regione ostaggio della Lega25 Settembre 2019 Regione ostaggio della Lega La maggioranza con le spalle al muro. Dopo sei mesi la giunta di centrodestra è già in bilico e la Lega minaccia di mandare tutto all’aria, di far dimettere i suoi assessori e di […]
  • Con l’Udc è già burrasca13 Gennaio 2019 Con l’Udc è già burrasca Non hanno aspettato manco il finale per fare il botto. La rottura si è consumata subito,  poco dopo mezzogiorno di ieri: l’Udc è fuori dal centrodestra, l’ha detto chiaro e tondo il […]
  • La riffa delle candidature9 Gennaio 2018 La riffa delle candidature Eccoli di nuovo i 6 per 3. Il grande baraccone della pubblicità in formato elezioni è partito, il Pd in prima linea: ieri hanno fatto la loro comparsa in vari angoli di Pescara, e anche a […]