·Razzi loro·

Alla fine gli azzurri quelli nostrani non ci sono andati. Chi con una scusa chi con l’altra. Raffreddori, sinusiti e appuntamenti dal dentista, la capsula dolorante è un classico, si sono sprecati. Ma Antonio Razzi ha fatto comunque il pienone. Il suo aperitivo al Grand Hotel Adriatico di Montesilvano, venerdi sera è andato alla grande, alla faccia di chi gli vuole male. Magari pochi forzisti, tipo l’ex sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e Eugenio Seccia un tempo fedelissimo di Pagano, e Giuseppe Stanziale ma gli altri nisba.

razzi

razzi1

Nazario Pagano ormai arroccato a difendere una poltrona sotto la quale rischia di crollare il pavimento. Se almeno leggesse i giornali scoprirebbe: che Forza Italia ormai ha fatto l’ammainabandiera, che alle prossime politiche correrà col listone a imprinting leghista e addio poltrone per tutti, che i colonnelli romani sono tutti in fuga, che lo stesso Berlusconi è ormai arroccato ad Arcore. Che, importantissimo, Forza Italia il 31 gennaio chiuderà la sede del partito con licenziamento annesso di 80 dipendenti, e che si tratta di smantellamento non l’hanno capito soltanto in Abruzzo. Insomma, questo è l’anno dell’uscita di scena del Cavaliere, scommettono tutti.

razzi3

E non c’è da stare tranquilli per niente, visto che i coordinatori regionali, che ormai non coordinano più nulla, hanno ricevuto prima di Natale una letterina che gli ha fatto andare di traverso le feste. Berlusconi ha dato incarico al deputato Sestino Giacomoni di inviare una lettera ai referenti regionali per avere una specie di report o bilancio sulla propria attività. L’obiettivo dell’iniziativa è ottenere <spunti di riflessione e una relazione dettagliata su quanto fatto e sui programmi futuri per rilanciare il partito sul territorio in vista delle amministrative, visto che il Cavaliere intende lanciare la cosiddetta “crociata per la libertà” per riconquistare l’Italia del non voto, cioè i 26 milioni di elettori astenuti, delusi o indecisi>. E poi i coordinatori dovranno indicare i “sindaci-pilota” in grado di rilanciare il partito.

E ieri al Grand Hotel, da Roma è venuta un’amica di Francesca Pascale, la conduttrice tv Mara Keplero e per il resto i cento posti della platea sono stati occupati dalla gente comune, divanetti  strapieni e tutti gli altri in piedi.

Mara Keplero con Francesca Pascale

Mara Keplero con Francesca Pascale

Che si è esibito col suo solito repertorio, soprattutto la Corea del nord particolarmente di moda ora con la vicenda della bomba all’idrogeno. Anzi, ha chiesto un incontro al dittatore coreano, perchè con lui pappa e ciccia.

Razzi in Corea (dietro di lui si vede Gianni Melilla

Razzi in Corea (dietro di lui si vede Gianni Melilla

corea2

Durante la serata, Razzi ha ricevuto la telefonata del finto papa Francesco, cioè di Andro Merkù della Zanzara, e ha rilasciato un’intervista a “Un giorno  da Pecora” . Insomma, si sono divertiti tutti, almeno quello.




Articoli correlati

  • Camere con svista26 Novembre 2015 Camere con svista Sognavano la Camera, sono inciampati nelle camere (d'albergo). Tutti e due. Apoteosi di una disfatta, e pure doppia. Uno, Gianni Chiodi, ex governatore dell'Abruzzo, battuto alle elezioni […]
  • Operazione San Gennaro26 Maggio 2015 Operazione San Gennaro C'era chi lo aveva messo in dubbio, che quelle nomine le avesse concordate con Berlusconi. Addirittura c'era chi dubitava che ci fosse, Berlusconi, quando Nazario Pagano andò a Roma con la […]
  • Partenza a Razzi20 Novembre 2015 Partenza a Razzi Chiaro che abbiano cominciato a fibrillare tutti: non bastava l'abolizione del Senato, adesso ci si mette pure il listone Salvini-Berlusconi-Meloni. Meno poltrone per tutti, è chiaro, e […]
  • Affanni azzurri12 Dicembre 2015 Affanni azzurri Lui ha già dato incarico all'Immobiliare di fiducia per trovare una sede in piazza Salotto, tanto per dimostrare chi comanda. L'altro trama nell'ombra, perchè dopo il rinvio a giudizio […]