·Bocciato pure il Volto santo·

Imbufalito così non l’aveva mai visto nessuno. Se c’è qualcuno che ha tolto il sonno al governatore abruzzese Luciano D’Alfonso, quella è la sovrintendente Maria Giulia Picchione. Per lui è il fumo negli occhi, il nemico da distruggere, e adesso anche per il sindaco di Pescara Marco Alessandrini. Il ponte del cielo bocciato non è solo il ponte del cielo bocciato, è l’orgoglio ferito è il dispetto è la resa al nemico è come il bicchiere di Toyo Ito finito in mille pezzi. Perchè non c’è mica soltanto il no al ponte del cielo, e magari. C’è molto altro: il museo negato all’imprenditore Di Persio a Pescara, il rischio di un altro schiaffo macroscopico sullo stadio di Pescara, e c’è soprattutto la Casa del pellegrino dei frati di Lettomanoppello. Un’altra porta chiusa clamorosamente in faccia al governatore, e questa è una sconfitta che brucia ancora di più.

Maria Giulia Picchione

Maria Giulia Picchione

Il no definitivo al ponte del cielo arriva ieri mattina. Il preavviso di diniego c’era già stato, e quindi sia Alessandrini che D’Alfonso se lo sentivano per le ossa che quel no in fondo era già scritto. E comunque. Le osservazioni del Comune non servono a niente e la Sovrintendenza ribadisce che quell’opera non è compatibile col paesaggio e soprattutto con quello marino.

“E’ chiaramente visibile nella foto simulazione dalla nave verso il bagnasciuga – scrive la Sovrintendenza nelle motivazioni – una sostanziale interferenza visiva verso il mare, con la passerella che per tutta la sua notevole estensione orizzontale, intercetta l’orizzonte marino, celandone la veduta”.

Alessandrini accoglie i passeggeri del volo di Parigi

Alessandrini accoglie i passeggeri del volo di Parigi

E non solo: se il Comune obietta che il ponte del cielo è il naturale completamento della passeggiata, la Sovrintendenza ribatte che quello è uno dei pochi tratti liberi dell’arenile.

“Paesaggio che non può accettare ulteriori saturazioni”. Il ponte, con la sua forma circolare, “più che richiamare la funzione di una tradizionale passerella, quale promenade protesa verso il mare, rimanda piuttosto ad un elemento di chiusura fine a se stesso”.

Il ponte del cielo

Il ponte del cielo

Poi la Sovrintendenza conclude precisando che lo spazio che ospita la Nave di Cascella è diventato luogo identitario per i pescaresi, tanto da indurre l’amministrazione all’avvio di una procedura di dichiarazione di interesse culturale. Ce n’è abbastanza: bocciato.

E adesso rischia grosso anche la Casa del pellegrino di Manoppello. A giugno scorso Luciano D’Alfonso assegna un finanziamento di 900 mila euro al santuario del Volto Santo. O almeno l’annuncio dice esattamente così: santuario.

La casa del pellegrino

La casa del pellegrino

Fondi Par-Fas 2007-2013, che servono a elevare il grado di attrattività turistico-religiosa mediante la valorizzazione di hub culturali. Il fatto è che quei soldi non servono al santuario ma alla Casa del pellegrino, che è una struttura ricettiva, e quindi niente da fare. La Sovrintendenza, interpellata informalmente, ha fatto sapere che non se ne parla, a meno che l’albergo non diventi corpo unico col santuario. Ma così non è, e i soldi, tanti soldi non possono andare, soprattutto senza bando di gara, a un albergo.

Luciano D'Alfonso

Luciano D’Alfonso

E, alla fine, anche i soldi del ponte del cielo rischiano di finire ai bagni. Alessandrini dice che tenteranno di recuperarli per il teatro Michetti, in attesa che si sappia l’esito del parere-ricorso sul ponte del cielo inviato alla direzione generale per il patrimonio paesaggistico del ministero. Ma che corsa: il 31 dicembre è il limite di tempo massimo, in quaranta giorni il Comune dovrebbe fare il bando di gara e assegnare i lavori. Insomma, per fare a tempo dovrebbero diventare dei fulmini. Difficile, eh.




Articoli correlati

  • Un piano per il ponteGennaio 28, 2016 Un piano per il ponte Smentiti. Non dall'opposizione, e ci starebbe pure. Non solo da Maurizio Acerbo di Rifondazione che si sta sgolando da un mese. Smentiti da un alleato, sbugiardati con cifre e documenti […]
  • Bocciato il ponte del cieloNovembre 5, 2015 Bocciato il ponte del cielo Bocciato il ponte del cielo. Non si farà, non davanti alla Nave di Cascella sul lungomare di Pescara. E' arrivato ora il preavviso di diniego da parte della Sovrintendenza. Il motivo è […]
  • Ponte del cielo, ecco perché noNovembre 5, 2015 Ponte del cielo, ecco perché no No. Perchè quello davanti alla nave di Cascella è uno dei luoghi “più significativi della città di Pescara”. No perchè “costituisce il terminale di un percorso che dalla stazione […]
  • Ponte, il progetto è CanonicoOttobre 11, 2015 Ponte, il progetto è Canonico Detto fatto: mica stanno a pettinare le bambole. Quando si tratta di ponti, partono lancia in resta. La delibera è di ieri: il Comune di Pescara ha affidato l'incarico di progettazione per […]