·La collaboratrice fa carriera·

La sua collaboratrice diventa direttrice della scuola penitenziaria di Sulmona: chiede le dimissioni del sottosegretario Federica Chiavaroli il consigliere regionale abruzzese di Sinistra Italiana Leandro Bracco dopo le polemiche che si sono scatenate in seguito alla nomina di Annamaria Raciti. Era stato il sindacato autonomo di polizia a indirizzare parole durissime nei confronti dell’esponente politico di Alternativa popolare. “Vergognoso”, aveva commentato così la nomina il segretario del Sappe Donato Capece.

Annamaria Raciti

Il consigliere Bracco oggi chiede

“quali sono, sempre che ci siano, i punti di convergenza tra il curriculum di Annamaria Raciti e il ruolo per il quale è stata nominata? Non sarebbe stato più opportuno ma soprattutto improntato a logica e buonsenso nominare una persona già appartenente al Corpo della Polizia penitenziaria e dunque con esperienza maturata sul campo?. E’ stato un comportamento improntato alla disciplina e all’onore quello di Chiavaroli di nominare una sua stretta collaboratrice nel delicatissimo ruolo di direttore della scuola di formazione del personale penitenziario di Sulmona?”, si chiede ancora Bracco, “Avendo una formazione di matrice giuridico-pedagogica, cosa c’entra il curriculum di Raciti con il ruolo ma soprattutto le competenze che le saranno richieste nell’espletamento del ruolo per il quale è stata nominata? Federica Chiavaroli ha commesso un errore politico che non può passare sottotraccia».

ps: la lettera è stata indirizzata a Gentiloni. Magari risponderà.




Articoli correlati

  • L’importanza dei cognati6 Aprile 2017 L’importanza dei cognati Parentopoli a Celano. Il cognato del vice sindaco Filippo Piccone (ex Forza Italia ora Ap) ottiene un incarico niente male. La denuncia è del consigliere regionale Leandro Bracco: “Ci […]
  • Salvagente Chiavaroli9 Novembre 2016 Salvagente Chiavaroli Non è finita a tarallucci e vino: la cena di lunedì sera a Pescara vecchia, ristorante Taverna 58, tra Luciano D’Alfonso e l’assessore ribelle Donato Di Matteo non si conclude a pacche […]
  • Tutti appesi a D’Ignazio15 Novembre 2016 Tutti appesi a D’Ignazio In mezzo al guado. I tre ribelli si trovano adesso di fronte a una scelta che non è per niente facile: innanzitutto perché la saldatura tra il presidente della Regione Luciano D’Alfonso […]
  • Gero anch’io21 Giugno 2016 Gero anch’io E alla fine ci ha messo il cappello sopra. Mancava Sulmona all’appello del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, dove il Pd non ha corso con una sua lista, dove non si è […]