·Più benzina per tutti·

Manca la benzina e non ci sono più soldi per comprarla. La Regione è a secco, i serbatoi segnano rosso, in riserva che più riserva non si può. Tutta colpa delle spese pazze: l’Abruzzo di Luciano D’Alfonso ha attivato “molte più tessere carburante rispetto agli anni passati, per compiti istituzionali”, scrive la responsabile della Spesa Paola Pistone in una mail indirizzata a tutti i dirigenti. Insomma, c’è molta più gente che viaggia con le auto di servizio e la benzina gratis rispetto alle precedenti gestioni. Alla faccia del risparmio e della spending review.

Quali buoni propositi: la Regione Abruzzo spende e spande e soprattutto distribuisce molte più tessere di carburante rispetto al passato, nonostante i conti in rosso e nonostante i disagi.

“Il consumo di benzina del mese di aprile 2017 è raddoppiato rispetto a quello dei mesi di gennaio-febbraio e marzo e presumibilmente nei prossimi mesi potrebbe anche aumentare con l’intensificarsi (anche in relazione alla buona stagione ) di accertamenti, sopralluoghi etc”, scrive la funzionaria.

E mentre in passato la Regione ci ha messo una pezza, prendendo i soldi dalle spese di manutenzione e spostandoli sulle spese di carburante, adesso non è più possibile

“poichè abbiamo speso moltissimo anche per la manutenzione, per rimettere in funzione le autovetture”.

D’Alfonso con la sua auto blu

Ma la Regione non mette giudizio. E anzi, nonostante gli avvertimenti, continua a spendere in benzina come se non ci fossero limiti. Scrive infatti la responsabile:

“Pertanto, perdurando l’andamento dei consumi che si sta delineando a maggio sarà già esaurito lo stanziamento del secondo trimestre 2017 e non saremo in grado di far fronte al pagamento della fattura di giugno 2017. Come ben sapete il solo ritardo nel pagamento delle fatture Q8 porta all’immediato blocco di tutte le  fuel card, da parte della società Q8, non solo quelle del Dipartimento inadempiente ma di tutte le fuel card in convenzione”.

Quindi, se un dipartimento non paga, la sanzione scatta per tutti, e tutta la Regione rimarrà a secco. In ogni caso la Pistone, col dirigente dei Beni Mobili, è andata a battere cassa: evidentemente confidando nella scarsa propensione a risparmiare dei dipendenti regionali, ha chiesto una ulteriore assegnazione di fondi per coprire le spese di benzina.
Ma l’aspetto più curioso è la giustificazione addotta per questo incredibile aumento dei consumi:

“E’ stato messo in risalto, nella richiesta, che il maggior consumo di carburante è imputabile ad un surplus straordinario di accertamenti e verifiche indotte dalla eccezionale notoria combinazione “sisma-neve”, del tutto imprevedibile al momento della richiesta di stanziamento annuale”.

Quindi la Regione Abruzzo, che aveva lasciato scoperto per un anno l’ufficio valanghe e aveva trasferito il dirigente al Servizio Energia, tanto che nei giorni della neve e della tragedia di Rigopiano non c’era nessun addetto che potesse leggere il bollettino Meteomont, quello che indicava con punteggio 4 su 5 il rischio valanghe nella zona di Rigopiano (Sabatino Belmaggio viene rimesso al suo posto dieci giorni dopo), ha però girato le montagne in lungo e in largo per fare sopralluoghi “causa neve”. Gli addetti a questo tipo di lavoro saranno stati due al massimo tre, e il numero non giustifica certo l’esaurimento dei fondi disponibili per le spese di carburante.
Adesso però l’ufficio farà una verifica su tutte le auto, per scoprire chi consuma di più. E invita tutti “alla massima collaborazione volta ad una gestione parsimoniosa della spesa del carburante”.
ps: e figuriamoci se l’invito sarà raccolto. Più tessere per tutti, paga Pantalone.




Articoli correlati

  • Bambole, non c’è benzinaDicembre 23, 2015 Bambole, non c’è benzina Profondo rosso. Così profondo che la Regione Abruzzo blocca le tessere del carburante. E' il primo effetto del buco di bilancio: con una mail di ieri 22 dicembre inviata a tutti i […]
  • La Regione resta a seccoOttobre 12, 2016 La Regione resta a secco La Regione Abruzzo resta a secco, e non è neppure la prima volta. Insomma, non paga le fatture e naturalmente la Consip chiude i rubinetti. E’ successo ieri, con le carte carburante di […]
  • D’Alfonso senza benzinaOttobre 21, 2015 D’Alfonso senza benzina La Regione Abruzzo è rimasta a secco. Niente benzina, niente telepass, anche se per ora a piedi ci andranno solo funzionari e dirigenti. Le auto blu continueranno a viaggiare, ma con una […]
  • La congiuntivite di GuerinoGennaio 11, 2017 La congiuntivite di Guerino E che diamine, per un congiuntivo. Effetto boomerang per Guerino Testa, autore due giorni fa di un innocentissimo post, che tra l’altro conteneva un pensiero condiviso dalla maggior parte […]