·Perdo il bus e pure i soldi·

Un altro schiaffo. Non è l’Europa ma il governo Renzi a piazzarlo in faccia alla Regione. La denuncia è del sindacato Filt-Cgil: l’Abruzzo, che un giorno sì e l’altro pure sta a Roma a colloquio col tal ministro e col tal sottosegretario, e soprattutto col ministro ai Trasporti Graziano Delrio, è considerata la pecora nera tra le regioni italiane in materia (anche) di trasporti. E ha subito tagli pesantissimi. Al contrario di altre Regioni alle quali poi quei soldi sono rientrati dalla finestra.

D'Alfonso, D'Alessandro e Delrio

D’Alfonso, D’Alessandro e Delrio

Insomma, una norma del 2012 ha introdotto nuovi meccanismi di premialità e di penalizzazione nei criteri di distribuzione di circa 4,9 miliardi di risorse che il Fondo nazionale trasporti riserva ogni anno alle regioni. La norma, che ha prodotto i primi effetti da quest’anno, ha penalizzato l’Abruzzo, la Campania, la Basilicata, Puglia, Molise e Marche, tagliando importanti risorse che sono state poi ridistribuite alle regioni virtuose. All’Abruzzo, per esempio, sono stati tagliati quasi 10 milioni di euro, dei quali circa 8 per la penalizzazione e altri 2 per la riduzione dello stanziamento complessivo del Fondo. Tanto che la Regione ha tagliato servizi e introdotto aumenti tariffari.

Un gruppo di parlamentari abruzzesi

Un gruppo di parlamentari abruzzesi

Mal comune mezzo gaudio? Proprio per niente:

“Per alcune regioni interessate come l’Abruzzo da queste penalizzazioni – spiega il sindacato – i famosi tagli previsti dal Decreto sono usciti dalla porta principale e sono poi rientrati come d’incanto dalla finestra (peraltro con gli interessi) attraverso risorse straordinarie definite nel recente Decreto Legge Fiscale emesso dal Governo”.

Così il governo Renzi ha assegnato alla Regione Campania 600 milioni come contributo straordinario 2016 per ripianare il debito con la società di trasporto ferroviario Eav e 90 milioni alla Regione Molise a copertura dei debiti nei confronti di Trenitalia. Per l’Abruzzo una vera e propria beffa.
ps1: tutta colpa dei parlamentari abruzzesi, dice la Filt, che non sono stati bravi come i colleghi delle altre regioni.
ps2: solo i parlamentari? (Tranquilli, tanto il 10 novembre arriva Renzi)




Articoli correlati

  • Condotta antisindacale: multata la Tua24 Ottobre 2018 Condotta antisindacale: multata la Tua Quattromila euro di multa all’azienda di trasporto regionale abruzzese Tua per comportamento antisindacale: la decisione è arrivata al termine di un lungo conflitto con la Cgil e la […]
  • Tua, avanti c’è posto25 Luglio 2018 Tua, avanti c’è posto Mica si poteva chiudere a tre: tre consiglieri di amministrazione, tre poltrone, tre gettoni e molto risparmio. No, la Regione Abruzzo rilancia e ieri ha nominato altri due consiglieri per […]
  • Contrordine, stop ai tagli14 Giugno 2018 Contrordine, stop ai tagli E adesso i tagli agli ospedali non li vogliono fare più. Adesso che hanno cambiato casacca, che da maggioranza sono diventati opposizione, anche loro diventano garibaldini: ma quali tagli […]
  • Il Tar annulla i bandi dei dirigenti8 Giugno 2018 Il Tar annulla i bandi dei dirigenti Non poteva fare bandi nuovi di zecca ma doveva attingere alle graduatorie esistenti: un altro scivolone per il presidente-senatore Luciano D’Alfonso, che a pochi giorni dalla sua uscita di […]