·Per un Pelino col Pd·

Spaccati, divisi, in frantumi. L’idea di Nazario Pagano di apparentarsi con Bruno Di Masci a Sulmona, e proprio in queste ore la parlamentare ex regina dei confetti Paola Pelino dovrebbe mettere la firma sul patto più osceno della storia peligna, non va giù a mezzo partito. Forza Italia con il Pd, anche se di Pd c’è poco e niente e soprattutto non c’è il simbolo? Non se ne parla proprio.

Chiodi, Gatti e Pagano

Chiodi, Gatti e Pagano

Così una parte degli ex An come Lorenzo Sospiri e Mauro Febbo (Fabrizio Di Stefano no, dovrebbe stare al fianco della Pelino, così come Iampieri) insieme a un ex qualcosa come Paolo Gatti (sicuramente molto amico di Andrea Gerosolimo che appare il vincitore indiscusso di queste elezioni), hanno preso carta e penna per fare l’altolà al coordinatore regionale Nazario Pagano. Uno stop in piena regola, da fargli andare di traverso il pranzo domenicale e la consueta passeggiata con vassoio di pasterelle.

“Incredibili e fuori dalla realtà – scrivono – le ipotesi di un’alleanza con il centrosinistra della senatrice Pezzopane”. Si augurano, loro, che la dirigenza del partito “voglia smentire con fermezza una ipotesi del tutto incompatibile con i nostri valori, la nostra storia e che pertanto, risulterebbe incomprensibile al popolo di centrodestra”, continuano Gatti & c.

Paolo Gatti

Paolo Gatti

Insomma, bocciato Di Masci. Piuttosto, suggeriscono i tre, Forza Italia dovrebbe allearsi

“con le forze civiche e moderate che possano definire, sia a Sulmona che a Vasto, un nuovo quadro politico nella Regione Abruzzo”,

e qui è chiaro il riferimento a Gerosolimo che ha annunciato il varo di una nuova forza politica centrista nella Regione.
Insomma, questo con Di Masci sarebbe “un apparentamento contro natura”, oltre che contro le indicazioni del presidente Berlusconi (che però adesso ha altro a cui pensare), quindi i tre si dissociano e soprattutto tengono a dire che non si assumo alcuna responsabilità “per scelta non condivise, poco dignitose e politicamente suicide”. E “in netto contrasto con l’impegno e il lavoro portati avanti in Consiglio regionale”.

Gatti e Gerosolimo

Gatti e Gerosolimo

E insomma, oggi si vedrà se Pagano, con Berlusconi in ospedale e tante incertezze sul futuro di Forza Italia, avrà il coraggio di ballare da solo o al massimo con la Pelino e Di Stefano. Ora sa che ha contro mezzo partito e che non potrà andare molto lontano.

Pelino con la Bianchi

Pelino con la Bianchi

ps: a dire il vero neppure Gianni Chiodi ha firmato il comunicato dei tre dell’Avemaria. Segno che sta con Pagano? No, segno che sta nel mezzo, vuol vedere che tempo che fa. E poi decide. Uomini con gli attributi.





Articoli correlati

  • Gli ex An tutti da Giorgiadicembre 18, 2015 Gli ex An tutti da Giorgia Alla fine, resta in sella. Nazario Pagano è stato confermato coordinatore di Forza Italia in Abruzzo, nonostante la ridda di voci su un imminente commissariamento, nonostante […]
  • C’è Pagano, non vadodicembre 15, 2015 C’è Pagano, non vado Concludeva così la mail, il coordinatore di Forza Italia in Abruzzo Nazario Pagano: <Ti esorto a diffondere l'invito affinché possa partecipare ogni nostro sostenitore>. E non si […]
  • Ammucchiata partygiugno 13, 2016 Ammucchiata party Proviamo a fare un'equazione: Forza Italia si allea con Bruno Di Masci a Sulmona, che non è proprio Pd perché non ha corso col simbolo democrat ma ci somiglia molto. Andrea Gerosolimo, che […]
  • Gero pigliatuttogiugno 7, 2016 Gero pigliatutto E alla fine ha vinto lui, ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Ballando indisturbato su due tavoli, ma proprio indisturbato, senza che nessuno provasse a dirgli scegli, o di qua o […]