·Marsilio e sofà·

Questione di stile. Scelgono la strada del licenziamento senza preavviso, neppure la cortesia di avvisare un giorno prima, un minuto prima. Scelgono la strada del benservito per Armando Mancini, il manager della Asl di Pescara nominato dal centrosinistra, dopo avergli contestato il mancato raggiungimento degli obiettivi utilizzando numeri un po’ a casaccio.

Armando Mancini

Così ieri pomeriggio, dopo la messa cantata della conferenza stampa per illustrare i primi sei mesi di governo, sei mesi in cui la giunta si è prodigata soprattutto nella distribuzione di nomine e incarichi copia-incolla dei dirigenti scelti da Luciano D’Alfonso, Marsilio & Verì hanno licenziato il manager di Pescara. 

Il primo dirigente nominato da D’Alfonso fatto fuori da Marsilio.

Per la Asl, è bene ricordarlo, non vale lo spoil system e la giunta di centrodestra ha contestato a Mancini il mancato raggiungimento degli obiettivi. Un provvedimento che sarà sicuramente impugnato in tribunale dal manager che ha già provveduto a contestare i punteggi che gli sono stati attribuiti. 

Marco Marsilio

Questione di stile, e non proprio un bello stile se qualche minuto dopo il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri corre a fare su Facebook una specie di question-time: “Domando – scrive Sospiri jr – siete in generale soddisfatti con le debite eccezioni in un senso o l’altro del funzionamento degli ospedali di Pescara, Penne e Popoli?”.

Lo scrive sapendo di incitare i cittadini a elencare i disservizi e il mal funzionamento della sanità pubblica sperando di dirottare la responsabilità e le invettive sul manager licenziato. Una manovra un po’ vile, visto che la stessa domanda, se veniva fatta ai tempi di D’Amario, o all’Aquila o a Chieti o a Teramo, avrebbe ricevuto le stesse risposte. A Pescara poi. Eppure nonostante tutto la risposta non è proprio quella che lui si aspetta. La gente risponde elencando disservizi ma anche punti di merito, qualcuno scrive addirittura che Popoli è un’eccellenza, che i problemi semmai sono concentrati al pronto soccorso, insomma un boomerang.

Lorenzo Sospiri

E questo accade, in genere, quando si governa senza serenità, senza avere a cuore la soluzione dei problemi ma solo le poltrone: da vuotare, da riempire, da sostituire. 

ps: e questa è stata ed è la principale occupazione di Marsilio & c. nei primi sei mesi di governo.




Articoli correlati

  • Ecco la squadra di Marsilio7 Marzo 2019 Ecco la squadra di Marsilio Ecco la nuova giunta regionale abruzzese targata Marco Marsilio: i nomi e le deleghe sono stati ufficializzati ieri in conferenza stampa a Pescara e tra i dirigenti regionali, l’unico […]
  • Sanità, disavanzo di 57 milioni nel 201925 Gennaio 2020 Sanità, disavanzo di 57 milioni nel 2019 Va male, malissimo la sanità al tempo di Marsilio & Verì: per il 2019 si prospetta un disavanzo compreso tra -34 e -57.000.000 di euro, somme che peraltro inglobano un'entrata non […]
  • La Regione a spese nostre20 Gennaio 2020 La Regione a spese nostre E’ da un po’ che Maperò non esce. Ma al suo ritorno trova due notizie ghiotte, di quelle che devono essere ricordate, sottolineate, scritte anche se tardivamente. Perché gli sprechi non […]
  • Sanità, la Regione cerca all’esterno19 Novembre 2019 Sanità, la Regione cerca all’esterno Eccoli qua i bandi per i due manager della Sanità che mancano all’appello, quelli di Teramo e Pescara. Sono stati approvati ieri dalla Giunta regionale d'Abruzzo e viaggiano di pari passo […]