·Consiglieri senza portafoglio·

Si sono impanicati tutti. Telefonate, proteste, qualche vaffa. La senatrice Federica Chiavaroli di Ncd non fa che rispondere al telefono, e non sono belle telefonate. Gli insulti si sprecano. Arrivano dall’Abruzzo, consiglio regionale per la precisione. Che ci volete fare con la riforma del Senato, non gliene importa nulla ai consiglieri: magari adesso comincia la guerra per la scalata a quei due posti, e buttali via visto che con i due seggi dell’Abruzzo becchi pure l’immunità parlamentare.

Federica Chiavaroli

Federica Chiavaroli

No, non gliene importa niente, ma della riforma costituzionale del governo Renzi, articoli 35 e 40 gliene importa eccome. Ci va di mezzo il portafoglio, quello loro naturalmente. E’ passato inosservato, l’articolo 40, ed è vero che trascorreranno ancora alcuni mesi e bisognerà aspettare il referendum per l’approvazione definitiva: ma la pacchia, se tutto fila liscio, finirà a ottobre 2016.

A partire da quella data non saranno più “corrisposti rimborsi o analoghi trasferimenti monetari recanti oneri a carico della finanza pubblica in favore dei gruppi politici presenti nei Consigli regionali”.

Quindi, i gruppi consiliari che oggi beccano fior di quattrini con cui finanziano collaboratori, sostenitori, contratti e attività di vario genere (una specie di assegno in bianco che non è soggetto ad alcun controllo né scontrino ma solo alla rendicontazione di fine anno), dal prossimo anno sparirà.

D'Alfonso e Di Pangrazio

D’Alfonso e Di Pangrazio

Ma finisse qua. Se il 40 è una mannaia, l’articolo 35 molto di più. La modifica è di quelle che ti fanno mordere le mani, ma chi gliel’ha fatta fare. E insomma gli emolumenti dei consiglieri regionali non potranno superare quelli “attribuiti ai sindaci dei Comuni capoluogo di Regione”. E quindi precipiteranno di parecchio sotto la soglia dei quindicimila euro al mese. E poi i consiglieri regionali dovranno fare non proprio a metà ma quasi con le donne: la riforma stabilisce i principi fondamentali “per promuovere l’equilibrio tra i due sessi nella rappresentanza”. Quindi meno poltrone per tutti.

La giunta abruzzese senza Gerosolimo

La giunta abruzzese senza Gerosolimo

Se i consiglieri piangono, gli assessori non sono da meno: anche loro dovranno stringere la cinghia: stesso tetto per i compensi. Ecco qualche esempio: il sindaco di Pescara pure pure, ma il sindaco del capoluogo di Regione, cioè Massimo Cialente, guadagna 4.130 euro al mese contro i 5.010 di Marco Alessandrini. E passare da 13-15 mila, stipendio medio di un consigliere regionale capogruppo o presidente di commissione, a quattromila è da infarto.

D'Alfonso e D'Alessandro

D’Alfonso e D’Alessandro

Un po’ di conti in tasca ai gruppi consiliari: negli ultimi sei mesi del 2014, il Partito democratico che ha il gruppo più grande alla Regione, quindi da giugno a dicembre, ha incassato più di 233 mila euro e ne ha spesi 97 mila, di cui più di 60 mila solo di personale e 13 mila di consulenze, che in un anno raddoppiano. Forza Italia, cinque consiglieri, ha intascato 113 mila euro e rotti e ne ha spesi 77 mila, 45 mila solo per il personale. Il Movimento cinque stelle: 152 mila euro di entrate, 52 mila di uscite, con 27 mila e rotti per il personale.

Sospiri e Febbo di Forza Italia

Sospiri e Febbo di Forza Italia

Ecco, tutto questo ben di dio, che serve a sostenere le spesucce che i comuni mortali si finanziano di tasca propria e loro invece no, ci vogliono fondi a parte sennò intaccano lo stipendio e non arrivano a fine mese, non ci sarà più. Via, grazie alla riforma. E così ieri hanno tempestato di telefonate i senatori abruzzesi: traditori, vi siete impazziti, fermate quella legge sennò guai.

Ps. E’ partita la caccia ai nomi dei telefonisti.





Articoli correlati

  • La menzogna dello spalma-debitoNovembre 16, 2017 La menzogna dello spalma-debito Ma quale salva-Abruzzo. Se ce ne fosse ancora bisogno, adesso è chiaro che più chiaro non si può. La famosa norma salva-Abruzzo sbandierata dal presidente della Regione Luciano D’Alfonso a […]
  • Roba da MatteoNovembre 11, 2016 Roba da Matteo E’ ben triste la vita (politica) di un premier che per passare un pomeriggio in una città di provincia deve far blindare le strade e le piazze. E’ come chiudersi in casa, mettersi davanti […]
  • Perdo il bus e pure i soldiOttobre 26, 2016 Perdo il bus e pure i soldi Un altro schiaffo. Non è l’Europa ma il governo Renzi a piazzarlo in faccia alla Regione. La denuncia è del sindacato Filt-Cgil: l’Abruzzo, che un giorno sì e l’altro pure sta a Roma a […]
  • Bugie, minacce e MasterplanDicembre 7, 2015 Bugie, minacce e Masterplan Contro-informazione, notizia falsa, frutto di pura invenzione, scritta senza alcun elemento di riscontro. Notizia che ha causato un danno all'immagine e alla reputazione della Regione e al […]