·Maltauro, Rivera in campo·

Chiudere, e pure in fretta. Un altro spariglio da Luciano D’Alfonso: niente commissione mista Regione-Asl, adesso sarà il neo-incoronato direttore generale vicario Vincenzo Rivera a spingere sull’acceleratore per il project financing Maltauro, sarà lui a nominare il nuovo Rup (dopo la revoca di Filippo Manci) e a sceglierlo tra i dirigenti regionali, e mi raccomando,  il più presto possibile.

Riunione per Maltauro

E’ una Regione che fa e disfa, revoca e avoca, nomina e rinomina, e che non sa come fare per portare al traguardo il progetto per la ristrutturazione dell’ospedale di Chieti. Un ospedale che ha bisogno di opere strutturali perchè a rischio sismico, ma che non risolverà certo le sue problematiche con un project che bene che va, completerà i lavori tra sei anni.
Così il 25 maggio, poco prima di partire per gli Usa, il presidente D’Alfonso approva una delibera per cambiare passo: una delibera per

“ristabilire, in ragione delle rilevanti esigenze di interesse pubblico evidenziate dalle deliberazioni regionali, le condizioni amministrative e tecniche necessarie alla valutazione della eventuale fattibilità della proposta e pervenire alla conclusione del procedimento”.

“Eventuale” fattibilità: il termine “eventuale” mitiga il carattere pressante della delibera e delle iniziative regionali. La giunta decide quindi di dare mandato a Rivera di individuare “tra le figure apicali della struttura organizzativa regionale la figura del responsabile del procedimento”. Che potrà a sua volta nominare altri tecnici di supporto per la valutazione del progetto, “avuto riguardo ai profili connessi all’economicità e durata della concessione”. Il nuovo Rup, che è stato individuato in Emidio Primavera (anche se fonti regionali riferiscono che il dirigente era molto restio ad assumere l’incarico), il cui nome però non è stato indicato nella delibera, dovrà trasmettere il suo parere al direttore generale entro il 30 giugno.

Primavera con Mario Mazzocca

Una procedura anomala, che più anomala non si può,  come denuncia anche il presidente della Commissione di vigilanza Mauro Febbo. Soprattutto perchè esiste già una istruttoria effettuata dal Rup della Asl di Chieti Filippo Manci, consegnata alla commissione tecnica insediata per valutare il project Maltauro. Mancano solo le conclusioni, che la Asl non ha fatto in tempo a scrivere perchè proprio in quei giorni D’Alfonso le ha sfilato il dossier da sotto il naso. Quindi la nomina di un altro Rup non si capisce a cosa dovrebbe servire.

“D’Alfonso cambia di nuovo le carte in tavola – spiega Febbo – Praticamente, solo dopo pochi giorni butta nel fiume la commissione mista tra Asl e Regione e procede a proprio piacimento calpestando norme, regole e qualificati pareri. Il codice degli appalti prevede il termine di tre mesi entro il quale il Rup deve trasmettere tutte le valutazioni al fine di dichiarare la pubblica utilità dell’opera, termine scaduto il 15 maggio scorso. Adesso nella delibera viene indicato un nuovo termine del 30 giugno 2017, entro il quale il Rup deve trasmettere la predetta dichiarazione al Direttore generale della Regione, questo nuovo termine è assolutamente  in contrasto con la normativa vigente e non trova alcuna giustificazione tecnica e/o giuridica. Poi chi è o chi sarà il Rup? È l’ingegnere Primavera come riportato nelle ultime dichiarazioni del Presidente D’Alfonso o altro dirigente della Regione? Con quale atto è stato nominato e perché nonostante il nome circoli da giorni non viene riportato o indicato nella delibera?”.

Mauro Febbo

Misteri della fede.
ps: sì, nella fede al progetto Maltauro.





Articoli correlati

  • Via a Maltauro, tra asini e impaurimentiluglio 10, 2018 Via a Maltauro, tra asini e impaurimenti E’ tutto pronto per Maltauro, la gara per il project financing partirà entro 60 giorni: il presidente della Regione Luciano D’Alfonso lo annuncia in una conferenza stampa circondato dai […]
  • Maltauro, l’ultimo nosettembre 12, 2017 Maltauro, l’ultimo no Non è bastato lo scippo alla Asl di Chieti, l’avocazione del progetto, le strigliate, gli insulti all’ormai ex direttore amministrativo Sabrina Di Pietro, il cambio del Rup, né i giri di […]
  • Maltauro, si cambia squadramaggio 23, 2017 Maltauro, si cambia squadra E adesso tirano fuori dal cilindro la commissione mista Regione-Asl: per approvare il project financing Maltauro per la ristrutturazione e l'ampliamento dell'ospedale di Chieti, il […]
  • L’inutile forcing di Dalfyfebbraio 3, 2017 L’inutile forcing di Dalfy C’era tanta fretta il 29 dicembre dello scorso anno intorno al tavolo della Regione per chiudere presto, il più presto possibile, sul progetto Maltauro. Poco più di un mese fa, e […]