·Letto, tutto si fa per te·

Tutti invitati. Sindaco, vice sindaco, assessori, direttori e direttorissimi. La riunione è di quelle che promettono: molti soldi, soprattutto. Soldi a pioggia per il piccolo e fortunatissimo comune di Lettomanoppello, la cui unica virtù è di avere dato i natali al governatore della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso.

Lo stadio da 440 mila euro di fondi regionali? Non è niente, in confronto. Una briciola.
La lettera di invito spedita ai tanti “pregiatissimi” ha come oggetto le “realizzazioni infrastrutturali nel comune di Lettomanoppello: verifica delle fasi prodromiche alle cantierizzazioni, ovvero l’esecuzione dei lavori. E’ la seconda e cade in autunno, una prima riunione c’era già stata il 5 maggio. Rispetto all’elenco, alcune opere sono addirittura già finite, come lo stadio inaugurato dal ministro Luca Lotti, altre sono in fase di ultimazione, mentre per altre sono necessarie verifiche tecnico-contabili per le quali, scrive il presidente

“dobbiamo imprimere un’accelerazione nel rispetto delle procedure, in grado di garantire tempi certi per l’inizio e la fine dei lavori anche per scongiurare la perdita dei finanziamenti, in paricolare del Masterplan, legati a un cronoprogramma già vigente”.

E che fa se questo famoso cronoprogramma non vale nulla per la bonifica della discarica di Bussi, visto che i soldi sono stati addirittura cancellati dal Masterplan. Per Lettomanoppello tutto deve essere fatto in fretta, anzi in frettissima.

Una pioggia di denaro: 46 milioni e mezzo di euro. Per la precisione 46.571.000. Così divisi: 1.750.000 euro per il dissesto idrogeologico, lavori di consolidamento del centro urbano, altri 400 mila per i lavori di consolidamento e messa in sicurezza della parte alta del paese. Per la riqualificazione della strada provinciale Scafa-Lettomanoppello-Passolanciano 9 milioni, per il parco didattico del Lavino (oggetto di un’inchiesta della magistratura) altri 3 milioni e mezzo di euro; 300.000 per il parco dei Tholos in località Cerratina; per lo stadio, lo abbiamo già visto, alti 440 mila; per il comprensorio sciistico Passolanciano-Maielletta 20.200.000,00 del Masterplan; per l’efficientamento energetico 50 mila euro; per il collettamento fognario 2.450.000, per la biblioteca del minatore 80 mila euro; per la viabilità altri 420 mila euro, per la banda ultra larga 276 mila euro, per il passaggio dei Giro d’Italia e la relativa manutenzione delle strade 1.280.000,00; per lo sviluppo della rete irrigua 6.305.000; per la riqualificazione della Scuola della pietra alla memoria di Marcinelle, altri 120 mila euro. Tra fondi Par, Fsc, Masterplan, una pioggia di bigliettoni d’oro per Lettomanoppello.
ps: chissà quali altri comuni o paesi hanno avuto lo stesso trattamento: soldi e riunioni ad hoc. Letto, cosa non si fa per te. Manco Gissi ai tempi d’oro (cioè di Gaspari).




Articoli correlati

  • Lettomanoppello caput mundi19 Luglio 2017 Lettomanoppello caput mundi C’era una volta Gissi. E poi c’erano San Pio, Navelli, Collelongo e Teramo. E adesso c’è Lettomanoppello, paese che ha dato i natali al presidente della Regione Luciano D'Alfonso. I santi […]
  • La Regione casa e chiesa6 Febbraio 2017 La Regione casa e chiesa Eccolo puntuale il solito obolo di inizio anno alle chiese d’Abruzzo. Sacerdoti accontentati e voti assicurati. E’ del 7 gennaio la delibera con cui la giunta regionale distribuisce la […]
  • 50 mila euro (falsi) per Dalfy26 Ottobre 2017 50 mila euro (falsi) per Dalfy E alla fine il capogruppo di Forza Italia Marcello Antonelli gli ha rovinato la festa. Si è presentato in Comune con un pacco da 50 mila di euro e glieli ha depositati davanti alla […]
  • Da Tirana a Roccaraso, che gaffes8 Dicembre 2017 Da Tirana a Roccaraso, che gaffes E’ la settimana delle gaffe. Ne incasella una dopo l’altra il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso che ha incassato un bruttissimo colpo dal giovane sindaco di Tirana dopo […]