·Attenti all’Aquila·

Sembra una battaglia tutta aquilana uno scontro per le candidature una resa dei conti una guerra dei nervi. E in parte lo è. Ma è da qui, L’Aquila Abruzzo Italia, che parte la crociata contro Luciano D’Alfonso e contro quello che sarà o dovrebbe essere il dopo referendum: voti, elezioni, candidature, poltrone, interrogativi, staffette. Staffetta, al singolare, la parola magica.

Cialente e D'Alfonso

Cialente e D’Alfonso

Oggi all’Aquila si vota il bilancio e il centrosinistra al governo della città si spaccherà. In Consiglio, perchè fuori si è già spaccato da un pezzo. Lo scontro è andato in onda più sulle tv e su Facebook che altrove, tanto da oscurare persino le sortite del vice sindaco Nicola Trifuoggi, diventato improvvisamente un pasdaran anti-Cialente per ritagliarsi un futuro da candidato-sindaco e ora forse più che mai, con un pugno di mosche in mano, costretto alle dimissioni. No, Trifuoggi non se lo fila più nessuno.

A dare fuoco ci ha pensato il presidente del Consiglio comunale Carlo Benedetti, che ha fatto suoi i malumori di Rifondazione e Si che non voteranno il bilancio, un bilancio a zero con tasse a mille e tagli al sociale che resta appeso a una semplice promessa: i 16 milioni di euro che Renzi ha garantito al sindaco: <L’Aquila è diventata una città dalfonsocentrica>, ha detto Benedetti, e le chiavi della città gliele ha consegnate Cialente.

Benedetti e Cialente

Benedetti e Cialente

Benedetti pensa alle primarie per il sindaco: il vice presidente della Regione è il candidato predestinato, e lui di fronte a Giovanni Lolli non farà uno ma due passi indietro. Poi c’è l’autocandidatura di Americo Di Benedetto, ex sindaco di Acciano e presidente di Gran Sasso acqua, un po’ straniero per molti aquilani e soprattutto molto ma molto democristiano, sia pure ex. Quindi graditissimo a D’Alfonso. Primarie fasulle, per Benedetti, che servirebbero solo a reggere il velo della sposa, cioè Lolli, e alle quali lui certo non si presterebbe. Ma che servirebbero, nel caso di rinuncia dell’ex presidente della Regione, a spianare la strada allo “straniero”.

Amerigo Di Benedetto

Amerigo Di Benedetto

E a questo punto si apre lo scenario regionale: se Lolli va a fare il sindaco dell’Aquila, alla Regione si libera un posto da vice presidente. Eccola, la staffetta. un vice presidente che potrebbe diventare reggente e poi prossimo candidato governatore se si votasse nel 2017, cioè dopo il referendum e Luciano D’Alfonso andasse in Parlamento. Due anni prima della scadenza del mandato. Una poltrona che piacerebbe molto a Camillo D’Alessandro, il delfino dalfonsiano che avendo rinunciato al ruolo di sottosegretario per accontentare Sel e Mario Mazzocca, si ritrova in credito e potrebbe essere intronizzato con tutti gli onori.

Giovanni Lolli

Giovanni Lolli

Però alla fine Lolli potrebbe decidere pure che no, fare il sindaco non vale la pena. E che è meglio restare alla Regione. A quel punto Di Benedetto diventerebbe l’asso nella manica di D’Alfonso per controllare la città. Ed è quello che Benedetti a questo punto vuole impedire a tutti i costi.

Il Pd dal canto suo non si capisce bene che ruolo stia svolgendo. Finora silente e appiattito sulle posizioni dalfonsiane, potrebbe non accettare che D’Alfonso molli la Regione in così netto anticipo: una cosa è se si votasse alle Politiche nel 2018, un’altra è il 2017, con la prospettiva quindi di sei mesi di reggenza (affidati a D’Alessandro o chi per lui), e di un anno di commissariamento. E’ chiaro però che finora il partito non sembra in grado di ostacolare un progetto a cui il governatore non rinuncerà mai, secondo i fedelissimi: gli è già capitato una volta di restare (in quel caso sindaco di Pescara), abbandonando l’idea di candidarsi alla Regione, con tutto quello che ne conseguì. E ora, anche per scaramanzia, non si ripeterà più. Insomma, D’Alfonso andrà a Roma a fare il parlamentare, questa è l’ipotesi più probabile. Lasciando in sella il suo delfino. Almeno se il partito glielo consentirà.

Nel frattempo, all’Aquila hanno fiutato l’aria e ieri sulla bacheca di Carlo Benedetti è andato in scena uno scontro durissimo col sindaco Massimo Cialente. Col presidente del Consiglio che chiede di rinnovare subito un patto ulivista <per bloccare sul nascere le prospettive neocentriste in itinere> e di non sottovalutare il malessere di Rifondazione e Si, e Cialente che cade dal pero e tenta di salvare il salvabile. Cioè il bilancio. Che poi la città finisca nelle mani di D’Alfonso, a lui poco importa: anzi, finito il mandato, dovrà trovare una nuova collocazione che solo il governatore futuro parlamentare gli potrà garantire.

due

Ps: ma è chiaro che a partire da oggi, ne vedremo delle belle. Anche perché pure Stefania Pezzopane, al momento, sta alla finestra.




Articoli correlati

  • Regione-L’Aquila, gran ballo del Pd7 Marzo 2016 Regione-L’Aquila, gran ballo del Pd Ci pensa per tempo, lui. Lo ha sempre fatto: da capogruppo pd di opposizione sperava di fare il parlamentare ma poi Luciano D'Alfonso gli ha detto che aveva bisogno di lui alla Regione, e […]
  • Peoni in gabbia29 Maggio 2018 Peoni in gabbia Ha deciso di osservare un minuto di religioso silenzio. Anche più di un minuto, visto che erano passate solo 24 ore da quando aveva dichiarato ai giornali locali che stava preparando gli […]
  • Pd, Partito D’Alfonso27 Gennaio 2018 Pd, Partito D’Alfonso Poi, nella notte un po’ di cose sono cambiate. Anzi, all’alba di questa mattina come in ogni conclave che si rispetti, qualcuno entrato papa è uscito cardinale. E non c’entrano gli […]
  • La sconfitta della Bimurti12 Aprile 2017 La sconfitta della Bimurti Parlano più le foto, dicono di più gli scatti che le parole in questa battaglia delle primarie dell’Aquila. Parole di circostanza, che fanno anche sorridere, quelle del sindaco Massimo […]