·Lavoro che sale e lavoro che scende·

Da che parte sta l’Abruzzo? Di qua, quasi sulla vetta della parabola della ripresa, o di la’ in discesa verso il precipizio? Di qua, dalla parte dei dati ottimisti e non di sinistra della classe di governo regionale o di la’, da quella di chi i dati li pesa e li analizza e poi non vince niente?

L’occupazione cresce, dicono i dati Istat sbandierati dal governo regionale, il numero degli occupati in Abruzzo nel primo trimestre del 2018 resta sopra la soglia del mezzo milione di unità, per la precisione 501mila, annuncia l’assessore Silvio Paolucci.

“Un dato ragguardevole se si pensa che nello stesso periodo del 2017 eravamo a quota 464mila e al momento dell’insediamento della Giunta D’Alfonso, nel giugno 2014, gli occupati erano 459mila. Dunque, dal nostro arrivo alla guida della Regione sono stati recuperati oltre 42mila posti di lavoro. Anche sul fronte della disoccupazione i dati sono confortanti – continua l’assessore – le 74mila persone in cerca di lavoro nel primo trimestre 2017 sono passate alle 60mila dello stesso periodo del 2018, con una riduzione di 14mila unità. L’Abruzzo ha superato definitivamente le difficoltà legate alla grande crisi – conclude Paolucci – e agli effetti nefasti del maltempo e del terremoto che hanno caratterizzato la fine del 2016 e l’inizio del 2017. Abbiamo agganciato saldamente la ripresa e siamo in linea con il dato nazionale”.

D’Alfonso e Paolucci

Ecco c’è la ripresa, anche se i giovani sono a casa senza lavoro, se le aziende chiudono, se i ricercatori della Intecs sono accampati in presidio permanente davanti agli uffici della Regione all’Aquila.

Che aumento è quello che certifica la Regione, di nuovo in campagna elettorale come  ormai da due anni a questa parte, o forse più.

È un aumento tarocco, e occorrerebbe che una Regione che avesse a cuore le sorti della propria terra ci facesse caso.

I lavoratori della Intecs

Il Cresa, per esempio, certifica che il 21,7% della popolazione abruzzese è a rischio povertà, l’11,1% è in una situazione di deprivazione materiale e il 21,3% ritiene di avere difficoltà economiche. L’Abruzzo, inoltre, sempre secondo l’Istat, è agli ultimi posti per la dinamica di spesa familiare.

Basterebbe questo. Ma occorre analizzare i dati sul lavoro.

“L’Abruzzo vive una condizione di incertezza ed insicurezza, frutto di un’occupazione di bassa qualità – spiega Sandro Del Fattore, segretario generale della Cgil – Se i segnali portano a pensare che vi sia una ripresa del mercato del lavoro, analizzandoli attentamente si capisce che aumentano i contratti a termine, mentre calano quelli a tempo indeterminato”. Insomma, “bisogna leggere con attenzione i dati sul lavoro, evitando di mettere in evidenza solo ciò che fa più comodo”,

bisognerebbe essere onesti e leali quando si parla di lavoro e di speranze e del futuro dei nostri figli, soprattutto se a fornire interpretazioni ottimistiche e fuorvianti è chi dovrebbe mettere in atto le misure per favorire crescita e occupazione, e invece così che bisogno c’è, va già tutto bene no?

Sandro Del Fattore

“Analizzando i dati – afferma il segretario – rileviamo qualche aspetto che dovrebbe far preoccupare l’assessore Silvio Paolucci e la Giunta regionale nel complesso. Basta leggere tutto il comunicato dell’Istat per capire che l’occupazione che si crea nel primo trimestre 2018 è prevalentemente occupazione a termine. Aumentano sensibilmente i contratti a termine e calano quelli a tempo indeterminato”.

Del Fattore cita poi una serie di dati che delineano il delicato quadro abruzzese.

“Secondo quelli dell’Osservatorio sul precariato dell’Inps – dice – i contratti a tempo indeterminato calano del 13,7%.

Crescono i lavori a tempo determinato quindi, quelli per due o tre mesi, il lavoro stagionale.

ps: Altro che crescita, altro che ripresa.




Articoli correlati

  • Mauro lo scudo umano14 Settembre 2017 Mauro lo scudo umano Lo hanno preso e catapultato davanti ai giornalisti. Un’operazione che ha il sapore della prepotenza, quella messa in atto tra martedì sera e mercoledì mattina dalla Regione Abruzzo ai […]
  • Lavoro, Abruzzo mai così giù9 Agosto 2017 Lavoro, Abruzzo mai così giù E’ il dato peggiore degli ultimi dieci anni: nel primo trimestre del 2017 l’occupazione ha registrato una flessione del 3,7 per cento, pari a 18 mila posti di lavoro in meno, con un […]
  • I soldi per il lavoro finiranno alla Saga11 Luglio 2017 I soldi per il lavoro finiranno alla Saga Revocata. Dopo neppure quattro mesi di vita, la delibera per il sostegno alle imprese e le misure per il reimpiego dei lavoratori espulsi dal sistema produttivo finisce in una bolla di […]
  • Abruzzo profondo sud7 Novembre 2019 Abruzzo profondo sud Lontanissimo dal Nord, e lontano persino dal Centro Italia. E’ una fotografia impietosa quella scattata dallo Svimez all’Abruzzo che nel 2019 accusa pesantissimi segnali di […]