·L’autocritica di Lolli·

Addio con autocritica. E’ una lettera aperta e leale quella che scrive il vice presidente Giovanni Lolli ai dipendenti della Regione Abruzzo. Una lettera che mette in primo piano il problema della sicurezza del luogo di lavoro e delle condizioni difficili in cui molti sono costretti a operare. Il riferimento è alla sede di viale Bovio, dalla quale sono stati trasferiti quasi tutti i servizi regionali tranne i Trasporti: e inutilmente in questi mesi è stata avviata la ricerca di una sede alternativa, al momento la pratica è bloccata forse a causa di qualche resistenza interna.

“Sono consapevole delle condizioni difficili in cui siete costretti ad operare: distribuiti in due città e in decine di sedi, diverse delle quali inadeguate e alcune recentemente dichiarate addirittura inagibili. Da assessore alle attività produttive ho lavorato nella struttura di via Passolanciano a Pescara e conosco le condizioni assurde nelle quali vi si lavora”.

E qui Lolli fa ammenda:

“Una delle maggiori autocritiche che sento di dovermi fare è quella di non essere riuscito negli ultimi cinque anni ad affrontare questo problema e quanto sia stato sbagliato attardarsi nel perseguire indicazioni già impostate dalla precedente amministrazione”.

Sbagliato, dice Lolli senza mai nominarla, puntare tutto sulla City e così ritardare la soluzione doverosa alla frammentazione delle sedi. 

Sono stati anni difficili, aggiunge il vice presidente, “e questi ultimi quattro mesi particolarmente complessi”. Ringrazia i dipendenti per i risultati raggiunti e aggiunge di essere consapevole che

“molti altri risultati non sono stati raggiunti a causa di limiti incertezze tutti addebitabili alla gestione politica, cioè annoi in modo particolare a me per il ruolo che ho ricoperto”.

Gli uffici di viale Bovio

Una frase significativa, in conclusione:

Il mio valore imprescindibile è il rispetto per il lavoro e le persone. A questo principio ho cercato di restare coerente e fedele nel corso di questi cinque anni, occupandomi col massimo sforzo di coloro che il lavoro lo hanno perso o rischiano di perderlo, di quelli che lo cercano e anche di coloro, come voi, che il lavoro ce l’hanno ma chiedono, anzi giustamente pretendono,, che sia rispettato e apprezzato”.

Il rammarico, forse, per la vertenza Intecs dell’aquila: dopo 13 mesi ininterrotti di presidio nel camper parcheggiato di fronte a Palazzo Silone e impegni e trattative, per i ricercatori licenziati non c’è ancora nessuna certezza di ricollocazione. Una storia bruttissima.




Articoli correlati

  • Paolucci: quante vocine sulla CityMarzo 23, 2016 Paolucci: quante vocine sulla City Era molto arrabbiato, dice proprio così, arrabbiato, Silvio Paolucci sulla City. Lo confida al dirigente regionale Carmine Cipollone, che condivide con lui i dubbi e le perplessità […]
  • La City, un indagato in piùFebbraio 6, 2016 La City, un indagato in più Punto e a capo. E a capo c'è un altro troncone di inchiesta. La City non è finita con l'avviso di conclusione delle indagini firmato ieri dai pm Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio. Gli […]
  • “Paolucci non conta”Marzo 14, 2016 “Paolucci non conta” E' la funzionaria regionale più intercettata. Su di lei intercettazioni telefoniche e ambientali, pagine e pagine di registrazioni, con colleghi, amici, col marito. E una lunga […]
  • City, il boomerangAprile 16, 2016 City, il boomerang Un boomerang per Luciano D'Alfonso. Il poliziotto scomodo, alla fine di tutto, riesce a testa alto e blindatissimo. Con tanto di certificato di fiducia da parte della procura di Pescara. […]