·L’autista logora chi non ce l’ha·

Sembra una sfumatura, ma non lo è. C’è differenza eccome, tra Giunta ed esecutivo. La Giunta è quella, sei assessori punto e basta. L’esecutivo, invece. L’esecutivo è, vocabolario alla mano, l’organo che ha la facoltà di eseguire.

La giunta regionale

La giunta regionale

Ed eccola pronta la modifica: esecutivo anziché giunta, una correzione architettata per benino e infilata all’ultimo momento nell’emendamento che andrà oggi nel Consiglio regionale d’Abruzzo e che servirà ad assegnare quattro autisti a due fedelissimi del presidente.

Si gioca tutto intorno a una sfumatura, a una parola anziché un’altra. L’emendamento prima versione è asettico, dice in pratica che

<al presidente della Giunta, al Presidente del Consiglio e ai componenti la Giunta regionale sono assegnati due dipendenti ciascuno con qualifica di autista, adibiti alla guida dell’automezzo assegnato in uso esclusivo>.

Due, per rispettare i turni di lavoro e di riposo. Poi, improvvisamente, la modifica al pdl 204 che modifica a sua volta la legge regionale 17 del 2011, subisce una correzione.

Il sottosegretario Mario Mazzocca

Il sottosegretario Mario Mazzocca

Dopo le parole <sono assegnati due dipendenti ciascuno con qualifica di autista>, una serie di consiglieri molto bipartisan propongono che i due dipendenti vengano assegnati al presidente della Giunta e va bene, al presidente del Consiglio e va bene, e <ai componenti l’esecutivo>. E qui casca l’asino, almeno secondo il consigliere cinquestelle Domenico Pettinari che ha scoperto l’inghippo.

L’esecutivo: qui dentro Luciano D’Alfonso ci infila naturalmente il sottosegretario ed ex assessore Mario Mazzocca di Sel, che qualche mese fa ha dovuto lasciare la poltrona ad Andrea Gerosolimo, ripiegando nell’incarico che era stato inizialmente affidato a Camillo D’Alessandro (un sacrificio che, lui spera, sarà ben ripagato magari alle prossime elezioni).

Camillo D'Alessandro

Camillo D’Alessandro

Ma nell’esecutivo ci sta anche il consigliere delegato, anzi il delegatissimo Camillo che si occupa di grandi eventi, di trasporti, di aeroporti e di porti e anche di sanità, quando c’è da inaugurare un reparto modello come l’Oncologia donna di Ortona. Insomma, un fac-totum con diritto all’autista, uno di quegli orpelli insieme all’auto blu, che per molti vale più dell’incarico in sé e che soprattutto azzera le distanze dagli assessori: se hanno l’auto blu e pure l’autista, che differenza ci sarà mai.

Ps: l’autista, come il potere, logora chi non ce l’ha.




Articoli correlati

  • Ci rimette Marinella15 Settembre 2015 Ci rimette Marinella Le deleghe le hanno annunciate mezz'ora prima che arrivasse Romano Prodi a Pescara, che sennò sarebbe stata una figura di cavolo. Tutto secondo copione: ad Andrea Gerosolimo, la new entry, […]
  • Mazzocca non molla10 Settembre 2015 Mazzocca non molla Tutto a monte. Mario Mazzocca, che ieri ha incassato la solidarietà di un bel po' di sindaci,non rinuncia all'assessorato: questa è la decisione che Sel ieri sera ha comunicato al […]
  • Il sacrificio dell’auto blu7 Settembre 2015 Il sacrificio dell’auto blu Pronto a lasciare, dice il sottosegretario dopo venti giorni di tira e molla con Luciano D'Alfonso.  Ho comunicato al presidente Luciano D'Alfonso la mia disponibilità a lasciare il […]
  • Rimpastino zero virgola10 Aprile 2018 Rimpastino zero virgola Dalfy resta presidente, però il compito di presentare alla stampa il rimpastino di fine legislatura tocca a Giovanni Lolli, vice presidente con delega alle rogne (e alle pessime figure).  […]