·L’Abruzzo perde colpi e imprese·

L’Abruzzo perde colpi. E perde imprese. Dal 2014 al 2018 sono state  2.366 le imprese che hanno chiuso i battenti, passando dalle 129.488 del 31.12.2013 alle 127.122 del 31.12.2018.

Nello stesso periodo, in termini percentuali, l’Abruzzo flette dell’1,83%, valori pari al triplo della decrescita media a livello nazionale (-0,68%). Lo studio è dell’economista Aldo Ronci.

A livello provinciale le variazioni sono state molto diverse tra loro.  L’unica a segnare un incremento è Pescara (+636), subisce la flessione più pesante Chieti (-1.416), registrano decrementi più lievi L’Aquila (-744) e Teramo (-842). Le variazioni percentuali rispecchiano i valori assoluti.

Pescara (+2,06%) registra un incremento, Chieti (-3,45%)  annota il decremento più importante, L’Aquila (-2,88%) e Teramo (-2,65%) segnano decrementi più lievi.

Dal 2014 al 2018 l’Abruzzo subisce forti decrementi nelle costruzioni (-2.091) e nell’agricoltura (-1.622); seguono il commercio (-727) e l’industria (-587), ottengono incrementi le attività ricettive (+472), i servizi alle imprese (+743) e gli altri servizi (+1.446).

A livello provinciale le attività economiche si distribuiscono in maniera disomogenea.

L’agricoltura flette vertiginosamente a Chieti (-919) e le costruzioni decrescono più intensamente a Teramo (-600) e all’Aquila (-580). Le attività ricettive (+196) e i servizi alle imprese (+240) crescono più fortemente a Pescara e, sempre a Pescara, gli altri servizi (+613) salgono vertiginosamente. Il commercio cresce in provincia di Pescara (+111) mentre flette nelle altre tre province.

L’unica attività economica che in Abruzzo ha una percentuale di imprese di gran lunga superiore a quella media nazionale è l’agricoltura che segna il 21%, a fronte del 14% italiano e registra uno spread di ben 7 punti percentuali. 

Le attività agricole sono concentrate soprattutto nella provincia di Chieti. Che si caratterizza per un’alta percentuale di imprese dedite all’agricoltura 32%, più che doppia rispetto a quella media nazionale (15%).

La provincia di Pescara si contraddistingue per un’alta percentuale di imprese che esercitano attività commerciali 31% contro il 27% della media nazionale.

La provincia di Teramo, invece, presenta una quota di imprese più alta nei settori dell’industria 13% contro il 10% e dell’agricoltura 19% a fronte del 14%.

La provincia dell’Aquila, infine, si caratterizza per avere percentuali superiori a quelle medie nazionali nei settori delle costruzioni 18% contro il 14% e delle attività ricettive 10% a fronte del8%.

Come mai questo nettissimo flop? Ronci lo spiega così:

“La perdita di 2366 imprese in Abruzzo dal 2014 al 2018 che in valori percentuali è stata il triplo di quella italiana è da ascrivere in larga misura all’artigianato e determinata dall’andamento di tre attività economiche: le costruzioni che, in valori percentuali, flettono in misura doppia rispetto al valore medio nazionale; le attività ricettive che, in valori percentuali, crescono la metà di quello italiano; l’agricoltura che nella sola provincia di Chieti decresce di ben 919 unità, decrescita molto alta dovuta sia al numero elevato di imprese agricole (32% del totale) che alla flessione percentuale che supera del 50% quella nazionale”

Il nuovo assessore alle attività produttive Mauro Febbo

La flessione sarebbe stata comunque molto più pesante se la provincia di Pescara non avesse registrato un incremento di 636 unità influenzata: dalle costruzioni che, in valori percentuali, decrescono di 1/20 rispetto a quello nazionale; dal commercio che, in controtendenza sia al dato nazionale che a quello delle altre tre province, riesce a crescere; dagli altri servizi che, in valori percentuali, crescono il doppio rispetto al valore nazionale.

ps: toccherà ora alla nuova giunta cercare di metterci rimedio.




Articoli correlati

  • Abruzzo profondo sud7 Novembre 2019 Abruzzo profondo sud Lontanissimo dal Nord, e lontano persino dal Centro Italia. E’ una fotografia impietosa quella scattata dallo Svimez all’Abruzzo che nel 2019 accusa pesantissimi segnali di […]
  • Un Micucci per tutte le stagioni8 Settembre 2015 Un Micucci per tutte le stagioni Il cda Fira scade, il presidente Rocco Micucci nominato in era Chiodi e quindi centrodestra deve liberare la poltrona. Non sia mai detto: Micucci e' uomo di destra, e che destra (in quota […]
  • La lunga notte di Roccamorice13 Agosto 2017 La lunga notte di Roccamorice “Se devo morire, preferisco morire in battaglia”: dice così Giuliano Diodati, mezz'ora prima del vertice della corrente convocato ieri sera a Roccamorice, con l’assessore regionale Donato […]
  • Benedetto Masterplan31 Maggio 2016 Benedetto Masterplan E le preghiere per una volta non sono a spese nostre. Non tutte, perlomeno. Il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso prega a più non posso, prega dalla mattina alla sera e […]