·La vita di un uomo vale 5 mila euro·

Vale cinquemila euro la vita di un uomo, di un familiare, di un figlio, di un papà o di una mamma, vale cinquemila euro la vita di uno studente che ha perso la vita all’Aquila, perché è lì che era andato a studiare. Cinquemila euro che salgono a 40 mila se si tratta di un minore, ma se sei a cavallo della linea, o solo un po’ oltre, vali meno di uno scooter. E’ uno schiaffo in faccia ai familiari delle vittime del terremoto, ma è questo che stabilisce il decreto sul sisma del 2009, l’ultimo atto del governo Gentiloni che contiene una serie di misure urgenti per le popolazioni del centro Italia e che è stato approvato il 28 giugno scorso a Palazzo Madama e dovrà passare alla Camera per il voto finale tra oggi e domani: 204 sì, tra cui quello dell’esponente 5 stelle Primo Di Nicola, l’astensione di Nazario Pagano di Forza Italia e l’assenza di Luciano D’Alfonso. E ieri, un nuovo rinvio: il governo non si è presentato in aula.

Le misure erano state sollecitate a più riprese dai presidenti delle 4 regioni interessate, dai sindaci dei Comuni inseriti nel cratere e dal Commissario alla ricostruzione Paola De Micheli, che ha ringraziato il governo per essersi fatto “carico delle nostre richieste”. A partire dalla proroga della struttura commissariale fino al 2021, dello stato di emergenza fino al 31 dicembre 2018 (con uno stanziamento di 300 milioni) e dell’inserimento nel cratere di cinque nuovi comuni, tutti in Abruzzo: Catignano, Civitella Casanova e Penne in provincia di Pescara, Penna Sant’Andrea e Basciano in provincia di Teramo. Ma il provvedimento contiene anche una serie di norme riguardanti tasse e contributi: la proroga della scadenza della cosiddetta ‘busta paga pesante’, la proroga e sospensione dei termini per gli adempimenti ed i versamenti tributari e contributivi e il posticipo del rimborso da parte di lavoratori dipendenti e pensionati al gennaio 2019. E a gennaio 2019 riprenderà anche il pagamento dei premi di assicurazione e dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro. Il canone Rai viene sospeso fino al 31 dicembre 2020 mentre è prorogato al 31 dicembre di quest’anno il termine per la presentazione delle domande per la ricostruzione privata. Il provvedimento contiene poi altre due norme che erano attese dai territori: la regolarizzazione delle strutture provvisorie realizzate sui terreni di proprietà – la cosiddetta norma di ‘nonna Peppina’ – e la procedura di sanatoria delle “lievi difformità edilizie”, in sostanza i piccoli abusi – in una percentuale consentita del 5% – realizzati prima del 24 agosto 2016: i proprietari degli immobili possono presentare, contestualmente alla domanda di contributo, una segnalazione certificata di inizio attività in sanatoria pagando una sanzione tra i 516 e i 5.164 euro.

Nazario Pagano

Il presidente Luciano D’Alfonso

Introdotte infine una serie di misure per la tutela dei familiari delle vittime dei terremoti del 2016, del 2012 e del 2009: è previsto un indennizzo di 5mila euro, che salgono a 40mila se la vittima era un minore. Dal decreto sono però rimaste fuori una serie di norme riguardanti altri terremoti – quello dell’Emilia Romagna del 2012, quello dell’Aquila del 2009 e quello di Ischia del 2017 – tanto che sia Fi sia il Pd, che ha votato a favore del decreto, hanno attaccato il governo.

“E’ stato fatto qualcosa tutti insieme – ha detto in Aula Fiammetta Modena (Fi) – ma quello che è rimasto fuori è importantissimo”. 

ps: un passaggio importante, quello di oggi. Importantissimo. E vedremo come voteranno gli abruzzesi.




Articoli correlati

  • Dalfy affonda il Pd6 Marzo 2018 Dalfy affonda il Pd Segni particolari: scompaiono dalla bacheca Facebook la foto del voto di domenica, lui in completo blu in posa con gli scrutatori, e prima volta nella storia social del governatore, […]
  • Sono Razzi per tutti2 Dicembre 2015 Sono Razzi per tutti Farebbe piazza pulita, lui. Se gli facessero fare il commissario di Forza Italia in Abruzzo, naturalmente. Ma Antonio Razzi, nonostante sia pappa e ciccia con Silvio Berlusconi, non lo […]
  • Cristo si è fermato a Teramo8 Febbraio 2017 Cristo si è fermato a Teramo Gli inondano le bacheche di hashtag ≠vogliamoisoladelgransassoecolledara nel cratere, gli intasano i commenti, lo marcano a uomo, gli tolgono la vita. C’è un pezzo di Abruzzo che è fuori […]
  • L’assentometro, ecco chi è in vetta12 Novembre 2019 L’assentometro, ecco chi è in vetta Il meno presente tra i deputati, per non dire il più assente, è Gianluca Vacca, del Movimento 5 stelle, presente ai lavori parlamentari solo in occasione di 774 sedute su 4.603, e assente […]