·La vita di un uomo vale 5 mila euro·

Vale cinquemila euro la vita di un uomo, di un familiare, di un figlio, di un papà o di una mamma, vale cinquemila euro la vita di uno studente che ha perso la vita all’Aquila, perché è lì che era andato a studiare. Cinquemila euro che salgono a 40 mila se si tratta di un minore, ma se sei a cavallo della linea, o solo un po’ oltre, vali meno di uno scooter. E’ uno schiaffo in faccia ai familiari delle vittime del terremoto, ma è questo che stabilisce il decreto sul sisma del 2009, l’ultimo atto del governo Gentiloni che contiene una serie di misure urgenti per le popolazioni del centro Italia e che è stato approvato il 28 giugno scorso a Palazzo Madama e dovrà passare alla Camera per il voto finale tra oggi e domani: 204 sì, tra cui quello dell’esponente 5 stelle Primo Di Nicola, l’astensione di Nazario Pagano di Forza Italia e l’assenza di Luciano D’Alfonso. E ieri, un nuovo rinvio: il governo non si è presentato in aula.

Le misure erano state sollecitate a più riprese dai presidenti delle 4 regioni interessate, dai sindaci dei Comuni inseriti nel cratere e dal Commissario alla ricostruzione Paola De Micheli, che ha ringraziato il governo per essersi fatto “carico delle nostre richieste”. A partire dalla proroga della struttura commissariale fino al 2021, dello stato di emergenza fino al 31 dicembre 2018 (con uno stanziamento di 300 milioni) e dell’inserimento nel cratere di cinque nuovi comuni, tutti in Abruzzo: Catignano, Civitella Casanova e Penne in provincia di Pescara, Penna Sant’Andrea e Basciano in provincia di Teramo. Ma il provvedimento contiene anche una serie di norme riguardanti tasse e contributi: la proroga della scadenza della cosiddetta ‘busta paga pesante’, la proroga e sospensione dei termini per gli adempimenti ed i versamenti tributari e contributivi e il posticipo del rimborso da parte di lavoratori dipendenti e pensionati al gennaio 2019. E a gennaio 2019 riprenderà anche il pagamento dei premi di assicurazione e dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro. Il canone Rai viene sospeso fino al 31 dicembre 2020 mentre è prorogato al 31 dicembre di quest’anno il termine per la presentazione delle domande per la ricostruzione privata. Il provvedimento contiene poi altre due norme che erano attese dai territori: la regolarizzazione delle strutture provvisorie realizzate sui terreni di proprietà – la cosiddetta norma di ‘nonna Peppina’ – e la procedura di sanatoria delle “lievi difformità edilizie”, in sostanza i piccoli abusi – in una percentuale consentita del 5% – realizzati prima del 24 agosto 2016: i proprietari degli immobili possono presentare, contestualmente alla domanda di contributo, una segnalazione certificata di inizio attività in sanatoria pagando una sanzione tra i 516 e i 5.164 euro.

Nazario Pagano

Il presidente Luciano D’Alfonso

Introdotte infine una serie di misure per la tutela dei familiari delle vittime dei terremoti del 2016, del 2012 e del 2009: è previsto un indennizzo di 5mila euro, che salgono a 40mila se la vittima era un minore. Dal decreto sono però rimaste fuori una serie di norme riguardanti altri terremoti – quello dell’Emilia Romagna del 2012, quello dell’Aquila del 2009 e quello di Ischia del 2017 – tanto che sia Fi sia il Pd, che ha votato a favore del decreto, hanno attaccato il governo.

“E’ stato fatto qualcosa tutti insieme – ha detto in Aula Fiammetta Modena (Fi) – ma quello che è rimasto fuori è importantissimo”. 

ps: un passaggio importante, quello di oggi. Importantissimo. E vedremo come voteranno gli abruzzesi.




Articoli correlati

  • Dalfy affonda il Pd6 Marzo 2018 Dalfy affonda il Pd Segni particolari: scompaiono dalla bacheca Facebook la foto del voto di domenica, lui in completo blu in posa con gli scrutatori, e prima volta nella storia social del governatore, […]
  • L’assentometro, ecco chi è in vetta12 Novembre 2019 L’assentometro, ecco chi è in vetta Il meno presente tra i deputati, per non dire il più assente, è Gianluca Vacca, del Movimento 5 stelle, presente ai lavori parlamentari solo in occasione di 774 sedute su 4.603, e assente […]
  • Rifiuti & inciuci, lo strappo1 Agosto 2018 Rifiuti & inciuci, lo strappo Un accordo improbabile, quello annunciato ai quattro venti sabato scorso dal centrodestra. Talmente improbabile che è bastato un attimo per far saltare all’aria tutto. Un attimo in cui si […]
  • Tasse & terremoto, corsa ai ripari13 Luglio 2018 Tasse & terremoto, corsa ai ripari Un colloquio con Giancarlo Giorgetti. Non c’era altra strada. E se lo aveva detto anche il vice presidente della Regione Giovanni Lolli  qualche ragione doveva pur esserci. Insomma, i due […]