·La Regione va a sciare·

Il dirigente del Servizio Emergenze ha messo il timbro: si parte. Sul cocuzzolo della montagna si ritroveranno 35 atleti e 15 partecipanti, in tutto cinquanta persone che costituiscono il team della squadra abruzzese che parteciperà al XVI Campionato italiano di sci della Protezione civile Plan De Corones in Alto Adige dal 28 gennaio al 2 febbraio prossimi.  Una spesa di 39 mila euro che andrà a gravare su un capitolo di bilancio corrente, per finanziare la partecipazione di personale regionale, di volontari delle organizzazioni di volontariato. Ma al viaggio potranno aggregarsi anche “eventuali ospiti paganti”.

Mica è il primo anno, proprio no. Anche l’anno scorso, tutti sul cocuzzolo. Un’iniziativa, spiega la delibera approvata dalla giunta regionale, presenti Giovanni Lolli, Lorenzo Berardinetti, Giorgio D’Ignazio e Marinella Sclocco, che si svolge ogni anno “con grande adesione di operatori di protezione civile, alternativamente sulle Alpi o sull’Appennino”. E la commissione speciale di Protezione civile ha “formalmente” invitato la Regione Abruzzo a partecipare. Ci saranno, a quanto pare, molte squadre regionali e il campionato sarà un’occasione per fare un bilancio sulla sperimentazione nelle scuole della campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile chiamata “Io non rischio”. Dopo il convegno si terrà una riunione tra i dirigenti regionali e il capo dipartimento Borrelli. Così, almeno, non si scierà soltanto.

Pazienza che l’Abruzzo abbia ancora i segni della tragedia di Rigopiano, e che da poco sia stata riaperta un’inchiesta a causa delle falle di quella precedente: la Regione spiega nella delibera che “la partecipazione alla manifestazione, attraverso la conoscenza e il confronto con le altre strutture regionali di Protezione civile, costituisce una indubbia crescita professionale sia per il personale regionale che per componente del volontariato”.

ps: Una crescita sportiva, certo.





Articoli correlati

  • La burocrazia delle pecGennaio 31, 2017 La burocrazia delle pec E questo qui è il racconto di Nicola Casagli, docente dell’Università di Firenze, che parla della sua esperienza a Rigopiano e dell’altra faccia della burocrazia. Che è interessante […]
  • Anatomia di un addioAprile 20, 2017 Anatomia di un addio E alla fine ha sbattuto la porta e se n’è andato, costretto ad abbandonare la sua esperienza di volontario della Protezione civile: che significa ore sottratte al lavoro e alla famiglia, […]
  • Lo stato di emergenza, un bluffOttobre 27, 2017 Lo stato di emergenza, un bluff Dopo due mesi, otto settimane e almeno otto consigli dei ministri, è ufficiale: lo stato di emergenza richiesto dalla Regione Abruzzo per l’incendio del Morrone non è stato mai preso in […]
  • Lettomanoppello caput mundiLuglio 19, 2017 Lettomanoppello caput mundi C’era una volta Gissi. E poi c’erano San Pio, Navelli, Collelongo e Teramo. E adesso c’è Lettomanoppello, paese che ha dato i natali al presidente della Regione Luciano D'Alfonso. I santi […]