·D’Alfonso senza benzina·

La Regione Abruzzo è rimasta a secco. Niente benzina, niente telepass, anche se per ora a piedi ci andranno solo funzionari e dirigenti. Le auto blu continueranno a viaggiare, ma con una serie di limitazioni. Le casse abruzzesi sono praticamente prosciugate, i soldi non ci sono: dal primo novembre scade la convenzione per i telepass e amministratori e dipendenti della Regione Abruzzo l’autostrada dovranno pagarsela di tasca propria, e poi semmai presentare lo scontrino per il rimborso. Le carte carburante sono esaurite, e così anche per i rifornimenti bisognera’ stringere la cinghia.

auto blu

 E’ l’effetto della spending review, che ha imposto tagli graduali alle spese degli anni precedenti. Solo che adesso l’emergenza scatta molto prima della fine dell’anno. E allora, per risparmiare, l’80 per cento delle auto in dotazione a funzionari e dirigenti resta al palo, chiusa in garage. Nessuno chiede di usarle perché la Regione autorizza l’uso delle auto grigie ai propri dipendenti con una clausola: voi le usate ma io vi rimborso solo il costo di un bus o di un treno, il resto ce lo mettete voi.

Ma i tagli ora riguarderanno anche gli assessori: dal primo novembre il telepass lo dovranno pagare di tasca loro. E’ che non sono abituati a risparmiare, così  si trovano a fronteggiare una serie di problemi, per non correre il rischio di restare a piedi.

autobluI

Quelli posti dagli autisti dei fuori-sede, per esempio. Prendiamo uno a caso: che magari vive ad Avezzano e deve andare a prendere l’assessore a Sulmona. Nel tratto da casa sua a casa dell’assessore, la benzina chi la paga? E l’autostrada? Al ritorno, naturalmente, stesso problema. Insomma, la Regione è in cattivissime acque, ma tutto sommato lo scorso anno andò pure peggio: il tetto alle spese delle auto blu era stato ampiamente superato già nei primi mesi del 2014 per l’uso disinvolto da parte degli assessori della giunta Chiodi in campagna elettorale. Adesso si tratta di far fronte solo a un paio di mesi di austerity. E’ la storia della coperta corta, così corta che non basta neppure per le spese degli assessori: stai a vedere che questa volta la soluzione si trova.




Articoli correlati

  • Bambole, non c’è benzina23 Dicembre 2015 Bambole, non c’è benzina Profondo rosso. Così profondo che la Regione Abruzzo blocca le tessere del carburante. E' il primo effetto del buco di bilancio: con una mail di ieri 22 dicembre inviata a tutti i […]
  • Salvate Abruzzo Engineering16 Luglio 2015 Salvate Abruzzo Engineering Manco Tsipras per farsi approvare il primo stock di riforme. La maratona più lunga d'Abruzzo e più fotografata d'Italia per salvare sul filo dei secondi Abruzzo Engineering. Ventisei ore, […]
  • La Regione resta a secco12 Ottobre 2016 La Regione resta a secco La Regione Abruzzo resta a secco, e non è neppure la prima volta. Insomma, non paga le fatture e naturalmente la Consip chiude i rubinetti. E’ successo ieri, con le carte carburante di […]
  • Più benzina per tutti12 Maggio 2017 Più benzina per tutti Manca la benzina e non ci sono più soldi per comprarla. La Regione è a secco, i serbatoi segnano rosso, in riserva che più riserva non si può. Tutta colpa delle spese pazze: l’Abruzzo di […]