·La Regione dona gli organi·

Sarà felice, felicissima la comunità abruzzese di conoscere la nuova importante opera finanziata dalla Regione Abruzzo, annunciata dal presidente della Commissione consiliare Politiche europee Luciano Monticelli  con roboante comunicato, squilli di tromba accompagnati, è il caso di dirlo, da suoni di organo (a canne). Un desiderio di molti che diventa realtà, scrive il piddino Monticelli, un grandissimo impegno della Regione, un contributo importante “alla vita culturale abruzzese”. 

Luciano Monticelli

Leggi, e scopri: a Pineto partono i lavori per il nuovo organo a canne della Chiesa di Sant’Agnese. Un intervento reso possibile, spiega Monticelli, delegato alle Politiche europee (pinetesi), dal contributo della Regione che ha integrato i fondi parrocchiali.

Ed è davvero consolante che alla fine la Regione Abruzzo, che magari non sa e non riesce a spendere i fondi comunitari, riesca però nell’intento di dotare la chiesa di Pineto di un organo a canne. L’intervento è stato aggiudicato pochi giorni fa, spiega il solerte consigliere, e a rendere possibile la ristrutturazione è stata “una somma di 125 mila euro stanziata dalla Regione che ha in questo modo  integrato quanto già raccolto dalla cittadinanza”.

Evviva, quindi. Evviva doppio visto che l’idea di dotare la chiesa di un organo a canne, spiega sempre lui, risale addirittura al 2000, diciotto anni fa, ma ha ripreso slancio “negli ultimi anni, quando alcuni musicisti, il comitato parrocchiale, il coro della parrocchia e lo stesso parroco avevano dato il via a una raccolta fondi e a una serie di concerti pensati per sensibilizzare la cittadinanza su quest’obiettivo”. 

Che cuore buono, e chissà quante altre chiese e quanti altri organi rigorosamente a canna, adesso chiederanno di essere finanziati dall’ente pubblico: basterà fare una colletta tra i parrocchiani e al resto ci pensa la Regione (con tutto il rispetto per gli organi a canna, visto che a Bisanzio era oggetto di meraviglia, suonato a Palazzo solo dalla corte imperiale, ed ha un ruolo importantissimo nella musica sacra e nella liturgia).

“Oggi – sottolinea Monticelli – siamo contenti di poter dire che quello che è stato un desiderio di molti diventerà realtà, grazie anche all’impegno dell’Ente Regione che con questa vicenda dimostra di voler dare un contributo alla vita culturale abruzzese. Quando ci si assume infatti l’onere e l’onore della costruzione di un nuovo organo – conclude il consigliere regionale – ci si impegna affinchè l’eredità che le generazioni passate ci hanno trasmesso non sia appannaggio di pochi, ma contribuisca alla crescita culturale di tutti”.

Senza contare che con cotanta opera ne guadagnerà “la vita culturale abruzzese.

La Chiesa di Sant’Agnese

La Chiesa di Sant’Agnese Insomma, l’organo a canne sarà tramandato alle generazioni future, e resterà impresso nella mente degli abruzzesi come una delle ultime più importanti opere finanziate dalla Regione Abruzzo. 

Gli abruzzesi, e le generazioni passate e future ringraziano. 

ps1: ma davvero davvero? Ci fanno pure il comunicato eh.

ps2: diciotto anni per  un organo e festeggiano pure. Sperando che le procedure siano corrette e che non debbano intervenire gli organi (di controllo).




Articoli correlati

  • Gatti da pelare18 Novembre 2015 Gatti da pelare Forse è molto conteso, o forse no. Forse giocano su più tavoli, il conteso e il contendente, o forse è una partita più complessa. Tipo: vediamo chi la spunta, io o Tommaso Ginoble. Paolo […]
  • Tanti manager per una Asl17 Dicembre 2015 Tanti manager per una Asl E alla fine l'hanno nominato: Pasquale Flacco dal 10 dicembre è il nuovo manager della Asl di Chieti, dopo un tira e molla durato alcuni mesi. Resterà in carica tre anni, come da […]
  • Lettomanoppello, regali a gogo26 Luglio 2017 Lettomanoppello, regali a gogo Un pensierino al giorno. E’ del 18 luglio un nuovo finanziamento della Regione al Comune di Lettomanoppello, paese natale del governatore abruzzese Luciano D’Alfonso, per il completamento […]
  • La vergogna sull’altare24 Maggio 2015 La vergogna sull’altare Il vescovo di Rovigo caccia dalla Chiesa un ragazzo disabile: applaudiva il fratellino che stava facendo la Cresima. Ecco, io vorrei che quel vescovo venisse cacciato lui: ma non solo […]