·La Regione balneare·

Alla fine ha deciso di fare ricorso, nonostante il parere negativo dell’Ufficio legislativo del Consiglio regionale. La Regione Abruzzo ha deliberato all’unanimità di costituirsi in giudizio davanti alla Corte costituzionale contro il governo che il 28 giugno scorso ha impugnato la legge regionale del 27 aprile sulla “Tutela del legittimo affidamento dei concessionari balneari”. Un ricorso che secondo lo stesso Ufficio legislativo regionale non ha le gambe per camminare.

“Appaiono difficilmente superabili – scrive il dirigente Francesca Di Muro – i rilievi sollevati dal governo nella parte in cui la Regione prefigura una tutela dell’affidamento secondo forme specifiche e proprie della Regione, in base a scelte rimesse ai Comuni, così trascurando che tali situazioni devono essere regolate in maniera uniforme sul piano nazionale, per le esigenze di disciplina della concorrenza e di parità di trattamento, al cui presidio sono posti gli invocati titoli di competenza esclusiva dello Stato”.

Giuseppe Di Pangrazio

Insomma, la norma regionale, quella che stabiliva che il rilascio di nuove concessioni dovesse avvenire senza pregiudizio di quelle rilasciate prima del 2009, secondo il governo “è invasiva delle competenze di tutela della concorrenza e dell’ordinamento civile”. E quindi, l’Ufficio legislativo, nel parere inoltrato alla Regione, conclude lapidario che “non sembrerebbero ravvisarsi nella fattispecie in esame idonei elementi difensivi utili per l’eventuale costituzione in giudizio”.
E invece, avanti tutta: l’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale ha deciso di andare avanti comunque. E si è rivolto anche alla Direzione Affari della presidenza, che tra l’altro cura il supporto tecnico alla quarta commissione consiliare presieduta da Luciano Monticelli, fedelissimo del presidente Luciano D’Alfonso, e lì ha trovato conforto: una piccola, piccolissima scucitura fornita dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia europea che riconosce, in alcune condizioni, la tutela del legittimo affidamento, ha consentito al presidente Di Pangrazio di costituirsi in giudizio.
E così, con questo minimo spazio, la Regione va alla guerra.
ps: Per difendere la sua legge e per tutelare i balneatori che avevano ottenuto importanti tutele in contrasto alla direttiva Bolkestein.





Articoli correlati

  • Un Micucci per tutte le stagionisettembre 8, 2015 Un Micucci per tutte le stagioni Il cda Fira scade, il presidente Rocco Micucci nominato in era Chiodi e quindi centrodestra deve liberare la poltrona. Non sia mai detto: Micucci e' uomo di destra, e che destra (in quota […]
  • Un Fiore per la Lorenzingiugno 15, 2016 Un Fiore per la Lorenzin Ricominciano i guai per l’istituto zooprofilattico. Proprio quando tutto sembrava finito sotto il tappeto, dalla nomina di Mauro Mattioli agli esposti in procura del ministro Lorenzin, […]
  • Ue, che letteracciamaggio 13, 2016 Ue, che letteraccia Magari soltanto uno schiaffo. E' molto ma molto di più: la lettera di Bruxelles arriva mentre il presidente Luciano D'Alfonso e la dirigente dell'autorità di gestione del progetto Ipa […]
  • Reparti, il vero pianofebbraio 22, 2016 Reparti, il vero piano Non è la Borsa e neppure la lotteria. E manco una roulette. Ma i numeri che girano sono tanti, milioni di milioni, che è meglio fare chiarezza. Eccola la proposta di riordino della rete […]