·La Regione a spese nostre·

E’ da un po’ che Maperò non esce. Ma al suo ritorno trova due notizie ghiotte, di quelle che devono essere ricordate, sottolineate, scritte anche se tardivamente. Perché gli sprechi non hanno colore politico e soprattutto non hanno scadenza.

La prima: riguarda la delibera di inizio anno della giunta Marsilio, con cui il centrodestra ha utilizzato i soldi degli abruzzesi per pagare le spese legali del referendum abrogativo proporzionale voluto dalla  Lega. La denuncia è stata del capogruppo Pd Silvio Paolucci e la delibera è la numero 1 del 9 gennaio scorso, con cui la Regione Abruzzo ha dato mandato al Servizio Bilancio e alla Ragioneria generale “di adottare i provvedimenti di trasferimento di risorse dalla Giunta al Consiglio regionale” per sostenere le spese di difesa del Consiglio nel giudizio di ammissibilità del referendum abrogativo relativo all’abolizione del metodo proporzionale nell’attribuzione dei seggi nel sistema elettorale. Insomma, la Corte Costituzionale boccia il referendum della Lega e la Regione Abruzzo ricorre in giudizio con i soldi dei cittadini.

Marsilio con Meloni, Salvini e Berlusconi

“Succube dei diktat romani il presidente Marsilio ha trascinato l’Abruzzo fra le otto Regioni sostenitrici del referendum elettorale per l’abolizione della quota proporzionale che piace solo alla Lega e su cui nei prossimi giorni si esprimerà la Consulta, costringendo così gli abruzzesi, loro malgrado, a saldare di tasca propria il conto delle spese legali”.

E gli abruzzesi è bene che lo sappiano.

La seconda riguarda il famoso, anzi famosissimo evento su D’Annunzio per il quale la Regione Abruzzo, anzi il Consiglio regionale col Comune di Pescara spese la bellezza di 400 mila euro di cui 115 mila solo per la mostra “Disobbedisco”. Bene, da poco si è saputo che la mostra-flop ha registrato solo 112 spettatori paganti per un incasso di 336 euro totali.

“È un incasso davvero imbarazzante, sia per il periodo di punta in cui si è deciso di inaugurarla, malgrado fosse sulla scia delle altre manifestazioni dannunziane pensate dalla maggioranza di centrodestra regionale e comunale per l’autunno scorso”,

ha denunciato il consigliere comunale di Pescara Giovanni Di Iacovo che ha chiesto la convocazione della commissione di vigilanza. 

Sospiri con Carlo Masci

“Confermando questo trend, a fine mostra si arriverà a un incasso di meno di 3mila euro, decisamente un disastro e un immeritato trattamento per il nostro Vate.  Ritengo che la sciatteria e l’improvvisazione portino inevitabilmente a questi flop. Il guaio é che se si trattasse di un privato gallerista sprovveduto sarebbe perdonabile, trattandosi invece di soldi pubblici, peraltro spesi a palate, la questione è molto meno perdonabile“.

Meno perdonabile, per dirla molto elegantemente.




Articoli correlati

  • Che domenica bestiale23 Ottobre 2019 Che domenica bestiale E domenica si sono ritrovati tutti a Crognaleto, festa di paese a base di castagne. C’era la ministra Paola De Micheli, la parlamentare Stefania Pezzopane e il governatore Marco Marsilio, […]
  • Regione ostaggio della Lega25 Settembre 2019 Regione ostaggio della Lega La maggioranza con le spalle al muro. Dopo sei mesi la giunta di centrodestra è già in bilico e la Lega minaccia di mandare tutto all’aria, di far dimettere i suoi assessori e di […]
  • Marsilio e sofà20 Settembre 2019 Marsilio e sofà Questione di stile. Scelgono la strada del licenziamento senza preavviso, neppure la cortesia di avvisare un giorno prima, un minuto prima. Scelgono la strada del benservito per Armando […]
  • Due artisti due misure, per Sgarbi 15 mila euro13 Settembre 2019 Due artisti due misure, per Sgarbi 15 mila euro Ma che pienone, ma quanta gente, ma che entusiasmo, caspita più di 1.500 persone, cose mai viste all’Aurum mercoledì sera per l’esibizione di Vittorio Sgarbi alle celebrazioni […]