·La Raggi scrive a D’Alfonso·

Virginia Raggi risponde a Luciano D’Alfonso. E’ di oggi la lettera che il sindaco cinquestelle di Roma ha inviato al governatore dell’Abruzzo (la vedete qui sotto): “Gentile presidente”, comincia così la missiva che fa il quadro della situazione di Roma.

“La città di Roma ha un piano per la riduzione dei rifiuti concreto e innovativo che punta a un rapido incremento della raccolta differenziata e di conseguenza a una drastica riduzione dell’indifferenziato”.

Poi la Raggi si sofferma sugli interventi assunti, sulla programmazione e sul modello di riduzione, raccolta e smaltimento dei materiali post consumo, aspetti sui quali D’Alfonso, intervistato stamattina da Radio Inblu, aveva sollecitato spiegazioni prima di fornire la disponibilità ad accogliere i rifiuti in Abruzzo:

“Sulla domanda di conferimento di rifiuti indifferenziati noi siamo orientati a dare tre mesi di accoglimento -ha detto Dalfy ai microfoni del network delle radio cattoliche della Cei – Dallo stato attuale dei documenti mi risulta che c’è una richiesta da parte dell’Ama, l’azienda municipale di Roma, e a fronte di questa ho fatto partire l’ 8 di gennaio una richiesta di dati riguardante quattro elementi: quali sono le quantità, qual è il lasso di tempo per il quale serve questa prova di naturale collaborazione istituzionale, qual è il ritmo dei trasporti quotidiani ad opera dei camion perché mi va impattare sulla viabilità minore e infine qual è la spinta riorganizzativa del ciclo dei rifiuti a Roma per cercare di capire quanto può durare la loro questione e la nostra solidarietà. Noi abbiamo premura nell’aiutare la Capitale perché non è soltanto una grande città con straordinari cittadini ma è la parte più importante della locazione turistica e culturale dell’Italia. Noi domani abbiamo la Giunta regionale e per domani mi aspetto che arrivino questi elementi semplici”.

Risposta che non si è fatta attendere. La Raggi dopo poche ore ha inviato la sua lettera a D’Alfonso.

“C’è un piano che abbiamo presentato la scorsa primavera e che stiamo realizzando. Abbiamo riorganizzato il modello di raccolta differenziata modificando i calendari e inserendo, prima tra le capitali europee, una etichetta Rfid sui contenitori che ci permette di registrare i conferimenti di ogni singola utenza. La prima applicazione di questo nuovo modello nel quartiere ebraico ha prodotto, già nel primo mese, risultati importanti, strade più pulite, buone qualità dei materiali raccolti e l’85% di raccolta differenziata”.

Lo stesso metodo, aggiunge la Raggi, viene applicato negli altri quartieri con un serrato cronoprogramma. A fine 2018 saranno quindi 1 milione e 200 mila i cittadini serviti dal “porta a porta”.

 

 

 

 

 

 

 

“Lei ha esperienza personale come sindaco – scrive ancora la Raggi a D’Alfonso – e sa bene quanto sia stato complesso e importante sviluppare la raccolta differenziata nella città di Pescara che lei ha amministrato. Sono perciò convinta che, a maggior ragione, apprezzerà la velocità con la quale Roma sta rispondendo a criticità che vanno avanti da troppi anni”. Poi, rispetto ai quesiti sui quantitativi, tempi e costi del trattamento a freddo in Abruzzo, la Raggi rinvia alle decisione di Ama spa, che è l’azienda che gestisce i rifiuti a Roma. Sarà quindi l’Ama a girare queste informazioni alla Regione. E finisce qui.

ps: nella lettera, cortese e disponibile, c’è un passaggio denso di ironia: quando la Raggi si rivolge al D’Alfonso sindaco di Pescara:

“Sa bene quanto sia stato complesso e importante sviluppare la raccolta differenziata nella città di Pescara”.

Dalfy lo sa talmente bene che non l’ha fatta: la raccolta differenziata a Pescara funziona solo in alcuni quartieri e molto a singhiozzo. E sono passati 14 anni.





Articoli correlati

  • Rifiuto Capitale, c’era l’accordogennaio 9, 2018 Rifiuto Capitale, c’era l’accordo I rifiuti di Roma ce li beccheremo tutti, con la benedizione di Matteo Renzi. E ce li beccheremo tutti anche perché la Regione Abruzzo ha rinnovato il 7 dicembre scorso l’accordo con il […]
  • Interporto, stop alla corsa stellareaprile 5, 2018 Interporto, stop alla corsa stellare Parole roboanti, esibizioni di bicipiti, “ci siamo”, i competitor manco li vediamo, ecco è quasi fatta ma che dico quasi, è fatta. Era  il 18 marzo e la corsa per trasformare l’interporto […]
  • Il condizionale è d’obbligogennaio 12, 2018 Il condizionale è d’obbligo Di Maio litiga col congiuntivo e conquista la prima pagina del Corriere. E si becca una sequela di insulti mai visti. "Io da sempre ho detto che il movimento ha sempre detto che noi […]
  • Dalfy meglio di Renzi (il 27)novembre 7, 2015 Dalfy meglio di Renzi (il 27) Ci mancava pure questa. Già Matteo Renzi non è che lo amasse proprio, anzi a malapena lo sopportava. Ma adesso, dopo aver visto la classifica pubblicata dal Corriere della Sera e scoprire […]