·La legnata della Corte·

La Regione Abruzzo non mette giudizio. Non è bastata la legnata di luglio scorso, dalla Corte dei Conti ne arriva un’altra. E’ del 3 dicembre la deliberazione della sezione di controllo che sanziona l’Abruzzo perché non ha ancora presentato il bilancio di previsione del 2015 a cura del presidente della Regione. Ma le reticenze sono tante altre. Sono anche quelle del presidente dei revisori e del direttore del dipartimento Risorse, organizzazione e rivoluzione della pubblica amministrazione della Regione, che sono stati invitati a fornire chiarimenti a giugno scorso e che sei mesi dopo non avevano presentato ancora niente.

Il presidente della Corte dei Conti con D'Alfonso

Il presidente della Corte dei Conti con D’Alfonso

La relazione dell’organo di controllo, in assenza del bilancio della Regione, fa riferimento quindi al rapporto del presidente del collegio dei revisori che puntuale, l’8 giugno, presenta la sua relazione sul bilanci pluriennale 2015-2017. E’ un bilancio malato, quello della Regione Abruzzo, secondo la Corte dei Conti (a cui compete, è bene ricordarlo, l’esame dei documenti contabili delle Regioni per la verifica degli obiettivi del patto di stabilità e dei conti sanitari). E’ un bilancio che <non offre copertura finanziaria a nuove o maggiori spese>, e infatti non ci sono stanziamenti per gli esercizi futuri. Le casse, quindi, sono desolatamente a secco. Le uniche attività di investimento sono quelle finanziate con fondi nazionali o comunitari, per il resto bambole non c’è una lira. Ma la censura più pesante operata dai revisori e approvata dall’organo di controllo, riguarda gli avanzi presunti sui quali si basa il bilancio 2015 <che non tiene conto del disavanzo che scaturisce dagli esercizi precedenti>.

Luciano D'Alfonso

Luciano D’Alfonso

Quindi il pareggio dichiarato dall’Abruzzo è un pareggio soltanto virtuale. E la relazione, su questo punto, è chiarissima.

<Anche il bilancio di previsione del 2015 contiene indicazioni che non trovano corrispondenza nella effettiva situazione finanziaria dell’ente>. Una gestione del bilancio <inattendibile>. E si va avanti così per 68 pagine.

Fino alla decisione finale: la relazione dei revisori viene inviata al presidente del Consiglio dei ministri <per le determinazioni di competenza>.

Squitieri col presidente della Provincia di Pescara

Squitieri col presidente della Provincia di Pescara

E’ la seconda legnata da parte della Corte dei Conti. Che si lega a stretto filo con la sentenza del 17 luglio scorso, ricordata a pagina 5 della deliberazione di dicembre: <A causa dei gravi inadempimenti contabili e dei gravi ritardi accumulati> dalla Regione Abruzzo, le violazioni di legge vengono segnalate al presidente del Consiglio dei ministri <anche ai fini delle valutazioni di competenza ai sensi degli artt. 120 e 126 della Costituzione>. Articolo 126 che, è bene ricordarlo, prevede lo scioglimento del Consiglio regionale in caso di gravi violazioni di legge. La Regione non mette giudizio, proprio no.

Ps: Strano, secondo il presidente Luciano D’Alfonso, la Corte dei Conti aveva smentito che ci fosse un riferimento di questa portata (articolo 126 e scioglimento del Consiglio). Strano che poi, quando scrive su carta bollata, la Corte dei Conti dica tutt’altro. Ma i conti tornano sempre, solo quelli della Regione non tornano mai.




Articoli correlati

  • Atto di accusa sul bilancio9 Novembre 2015 Atto di accusa sul bilancio Un atto di accusa. Ritardi, omissioni, inadempimenti. Altro che la Corte dei Conti, questa volta la pugnalata arriva dal cuore stesso della Regione. Il dirigente ad interim del Servizio […]
  • Ecco i conti della Corte23 Luglio 2015 Ecco i conti della Corte Una bastonata. Che venga sciolto o no, che venga commissariata o no, una cosa è certa: la sentenza della Corte dei Conti è una vera e propria legnata sulla testa della Regione Abruzzo. Non […]
  • Conti in rosso per due Asl19 Novembre 2015 Conti in rosso per due Asl Hanno sforato, e hanno sforato così tanto che la Regione ne pagherà le spese, a fine anno. Le Asl di Chieti e di Pescara presentano i conti in rosso: alla fine del terzo trimestre il […]
  • La Corte dei Conti fa le pulci al bilancio della Regione19 Marzo 2019 La Corte dei Conti fa le pulci al bilancio della Regione Si dovranno presentare giovedì davanti alla Corte dei Conti. E portare una lunga lista di chiarimenti. L'ordinanza dei magistrati contabili, la numero 9 del 27 febbraio scorso, che […]