·La figuraccia di Liris·

Il fascino delle doppie poltrone colpisce ancora. Solo che è andata male, malissimo a Guido Quintino Liris medico e assessore regionale al Bilancio della Regione Abruzzo (Regione che anche in piena emergenza Coronavirus continua a incartarsi con incarichi, consulenze e nomine), che alla fine di un incredibile teatrino, ha rimediato una porta in faccia.

Guido Quitino Liris

E così qualche giorno fa Liris, di Fratelli d’Italia, a quanto pare dopo uno scontro col presidente Marco Marsilio, ha inviato una nota al direttore generale della Asl dell’Aquila Roberto Testa per chiedere “l’interruzione dell’aspettativa a suo tempo concessa” e il reintegro nella struttura “da te diretta”. Insomma, l’assessore ex An e poi Forza Italia voleva tornare a fare il medico. In Abruzzo i fedelissimi applaudono a scena aperta: ma che bravo Liris che in emergenza Coronavirus torna in trincea. Ma quale trincea. E quale camice.

Il manager Roberto Testa

Nello stesso giorno il direttore generale della Asl prontissimamente risponde, e lo riaccoglie a braccia aperte. Ma non in trincea, bensì nello staff della direzione generale, con contratto part time, dietro una scrivania.

“E’ con vivo piacere ed entusiasmo che sono a rilasciarle il mio nulla osta a una sollecita riassunzione in un momento così particolare di emergenza sanitaria, nel quale la sua esperienza di medico igienista e il suo impegno sociale costituiscono quel connubio di cui l’azienda ha bisogno – scrive Testa – Nell’accoglierla a bordo di questa azienda, vorrà concordare le modalità di rientro e di svolgimento della sua attività condivisa con lo scrivente pari al 30 per cento del suo debito orario settimanale che vorrà svolgere in staff a questa direzione”.

Pagato quindi due volte: una come consigliere regionale e un’altra come dipendente Asl. Per il Pd e per la parlamentare Stefania Pezzopane che presenta un’interrogazione parlamentare, è uno scandalo morale e politico: il controllore (cioè un assessore) che nomina i direttori generali, ottiene un incarico dal controllato (cioè il direttore della Asl, che riceve dalla giunta regionale i voti ogni tot mesi del suo mandato). 

Ecco cosa scrive la Pezzopane al ministro Speranza:

“Sconcertanti le affermazioni di Marsilio e di Biondi (che avevano sostenuto la richiesta di Liris) evidentemente complici di questa allucinante operazione fatta in disprezzo delle leggi e delle competenze interne alla Asl che certo vengono per l’ennesima volta umiliate. Marsilio, Biondi, Testa ed i suoi dirigenti sono tenuti a conoscere le leggi. E non possono ignorare la legge 165/2001 ed altre norme in materia di anticorruzione. Con tutta questa faccenda, come è chiaro, il camice bianco ed il ritorno all’impegno in corsia non c’entra proprio nulla. Chiedo al Ministro di fare luce su questa vicenda allucinante e che vengano acquisiti gli atti anche attraverso una ispezione ministeriale”.

E in effetti tutto avviene mentre l’Abruzzo è in piena emergenza Covid con medici e infermieri che lavorano senza tutele e senza tamponi.

“Le risorse per la direzione strategica all’assessore Liris le trovano, mentre per il personale no. Davvero una vergogna”,

conclude Pezzopane.

E in effetti la Asl è un ente pubblico e “gli incarichi dirigenziali, interni e esterni, nelle pubbliche amministrazioni, negli enti pubblici o negli enti di diritto privato in controllo pubblico sono incompatibili con la carica di componente della giunta e del consiglio”, così stabilisce la legge.

Il centrodestra minimizza, la Asl va avanti per la sua strada e riammette in servizio l’assessore che torna al lavoro il 2 aprile, senza informare la Regione. Liris, dopo lo scandalo e le interrogazioni, si affretta a riscrivere al direttore generale rinunciando allo stipendio ma a quel punto, nello stesso giorno, il dg fa dietrofront e con Marsilio sempre silente, revoca la nomina.

L’entusiasmo e il piacere di riaccogliere l’assessore da parte del dg Roberto Testa quindi scompaiono di fronte all’offerta di un lavoro volontario. E tutto finisce a tarallucci e vino: Liris non torna a fare il medico, sia pure dietro una scrivania, ma il fatto, il carteggio, i silenzi, rimangono. E la figuraccia pure.




Articoli correlati

  • Privati, i manager contro la Verì: due lettere di fuoco6 Dicembre 2019 Privati, i manager contro la Verì: due lettere di fuoco Quattro lettere durissime. Scritte in tandem dal manager di Chieti Thomas Schael e da quello dell’Aquila Roberto Testa. Le prime due a fine novembre e le altre il 4 dicembre scorso, con […]
  • Sanità, sui privati altolà della Corte dei Conti26 Novembre 2019 Sanità, sui privati altolà della Corte dei Conti C’è un altro buco nero nella sanità e riguarda i contratti con le cliniche private, che non sono stati ancora firmati. Un ritardo determinato da un violentissimo braccio di ferro […]
  • Stabilizzato il fratello di Liris6 Giugno 2019 Stabilizzato il fratello di Liris Ha tutte le carte in regola, si legge nella delibera del direttore generale facente funzioni. Lui sì, le altre due candidate, guarda caso, proprio no.  Così, Bonifacio Liris, […]
  • 7 Marzo 2019 Zelli: Marsilio mi ha tradito Rovescia il tavolo. E spara a zero contro Marco Marsilio.  “Lui è davvero l’ultima persona che può cambiare questa regione. Non solo abbiamo dovuto accettare supinamente un candidato […]