·Daniela, l’imprecazione e la denuncia·

E’ andata a presentare denuncia. Perchè vuole sapere da dove e perché spunta fuori proprio adesso un video datato cinque anni fa. Daniela Senepa ha un dubbio, e vuole toglierselo, soprattutto adesso che la Rai potrebbe prendersela con lei. 

Daniela Senepa

L’inviata della Tgr è appena uscita dalla Polpost, nella denuncia scrive che quel video, rimbalzato su tutti i social e finito persino su Corriere-it e su Striscia, con mila e mila condivisioni, è conservato negli archivi Rai. Un spunto, per gli investigatori; una tutela, per lei.

Sono i giorni della tragedia di Città S.Angelo, un’esplosione fa saltare in aria la fabbrica di fuochi d’artificio, ci sono morti e feriti tra i quali anche un vigile del fuoco, e le fiamme distruggono mezza collina. Daniela è in diretta su Rainews, è sul ciglio della strada: un’ambulanza passandole accanto la colpisce ad una mano con lo specchietto retrovisore. E lei, tosta e verace come sempre,  se ne esce con una colorita imprecazione in dialetto abruzzese, e alzi la mano chi non se l’è fatta scappare mai, una reazione spontanea che in queste ore fa  il giro del mondo.

Poi si copre la bocca, ma continua imperterrita la diretta, ogni tanto si guarda la mano, che più tardi si farà medicare e fasciare.

“Ricordo sommessamente che i video Rai sono proprietà Rai e vige inoltre una proprietà del diritto di immagine. Ben venga la satira che è sempre sinonimo di intelligenza e libertà mentre insulti e derisioni sono degni dei loro autori”,

è il suo unico commento apparso su Facebook. E’ il segno che qualcosa di grave sta accadendo.

Tanta solidarietà, tanto affetto, tanti evviva e anche molte critiche. Ma il punto è un altro: una giornalista pluripremiata come lei, che si è distinta per l’impegno durante il terremoto dell’Aquila, che fa questo lavoro da 30 anni, che è sempre in giro per l’Abruzzo a raccontare i fatti di cronaca più efferati e gli scandali più grandi con professionalità e competenza macinando centinaia di chilometri al giorno, che è diventata l’eroina dei cittadini aquilani che la considerano una di loro, va a finire che adesso conquisti la ribalta per un’imprecazione colorita? O, peggio, rischi un richiamo dalla sua azienda?

Daniela pluripremiata: qui riceve il Fagiolo d’oro

No, Daniela non ci sta. Intanto vuole vederci chiaro. Se qualcuno l’ha tradita, o le ha tirato un’imboscata, vuole smascherarlo. E vuole che vengano puniti quelli, pochi per la verità, che l’hanno insultata.

E ci sta tutto: perché alla fine nessuno, in questa clamorosa vicenda, ha sottolineato che lei ha continuato a fare la cronaca di quella tragedia come se nulla fosse, quel giorno e ancora per giorni e giorni, col braccio fasciato e il dolore alle stelle, e che non si è messa in malattia, che non ha mollato neppure per un attimo, che è rimasta a lavorare fino all’ultimo secondo utile, raccontando il dolore, le ferite, le lacrime di tutta quella gente. 

ps: E adesso, ci mancherebbe pure che una giornalista che ha una storia così finisca censurata per un’imprecazione. No, non è proprio possibile.




Articoli correlati

  • Uno spot da 250 mila euroOttobre 10, 2018 Uno spot da 250 mila euro Paga, la Regione Abruzzo, per farsi pubblicità. E pare pure bene. Solo per l’estate 2018, il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso ha distribuito soldi a mani basse a tre […]
  • Per chi suona il MasterplanDicembre 22, 2015 Per chi suona il Masterplan Lo ha scritto ieri nel suo editoriale sul Corriere Ernesto Galli della Loggia: <Nella narrazione di Renzi il Sud non c'è>. Si chiede, della Loggia, se a Renzi sia capitato mai di […]
  • Dalfy chiedi scusa: pioggia di mailLuglio 6, 2017 Dalfy chiedi scusa: pioggia di mail Caro Presidente: è una delle tante, tantissime lettere arrivate sul computer del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso dopo l’episodio delle Ombrelline. A firmarla Loredana […]
  • Rai, arriva TelemarsilioFebbraio 24, 2019 Rai, arriva Telemarsilio Criticò hai visto? Primo giro di poltrone alla Regione andato a vuoto 9:30 Commarella mia è come al primo giro di passatella.Piano piano una bevuta per […]