·La cacciata dei direttori·

Più concorsi per tutti. Anche e soprattutto per i direttori regionali. Via tutti, restano soltanto quelli più fidati, quelli che creano meno problemi. La Regione Abruzzo bandisce i concorsi e non lo potrebbe fare: no, perché non ha ancora approvato i consuntivi e la Corte dei Conti ha espresso divieto tassativo di assumere nuovo personale. Però il presidente della Regione Luciano D’Alfonso passa oltre e se ne infischia, che cosa importano i rilievi e le prescrizioni della magistratura contabile, conta solo il fatto che i direttori sono in scadenza e vanno rinnovati. Soprattutto perché in campagna elettorale fanno comodo.
D’altronde lo aveva annunciato a destra e a manca, informando anche il sindacato interno dei dirigenti: è in arrivo un aumento delle buste paga dei direttori, che al momento sono tra le più risicate d’Italia, secondo lui. Un modo per attrarre figure professionali di spessore.

Fabrizio Bernardini

E così ecco pronti i concorsi. Saranno rinnovati i direttori del dipartimento Infrastrutture, mobilità, reti e logistica (attualmente vacante); della Salute e il Welfare; del Turismo, cultura e paesaggio; dello Sviluppo economico, Politiche del lavoro, istruzione, ricerca e università; delle politiche dello sviluppo rurale e della pesca. E viene messo a bando anche l’incarico di direttore generale, ricoperto provvisoriamente da Vincenzo Rivera, che ha preso il posto di Cristina Gerardis.
Destinati a lasciare la poltrona quindi Giancarlo Zappacosta, Tommaso Di Rino, Angelo Muraglia, Antonio Di Paolo.

Vincenzo Rivera

Restano in sella Fabrizio Bernardini, che conserva Risorse e Organizzazione, Emidio Primavera (opere pubbliche) che attualmente gestisce la delicatissima relazione sul project financing Maltauro, e lo stesso Rivera del dipartimento alla presidenza e ai rapporti con l’Europa. Rivera dovrà invece fare il concorso se ha intenzione di restare anche direttore generale.
Ma il punto è: come si fa a bandire concorsi e a fare nuovi contratti se c’è il divieto della Corte dei Conti e se non sono stati ancora approvati i documenti di bilancio arretrati? Non si fa, anzi non si dovrebbe.
ps: Ma intanto, per Dalfy, l’importante è bandire, fare le selezioni, annunciare, invitare. Poi per i contratti si vedrà. E’ la campagna elettorale, bellezza.




Articoli correlati

  • Il valzer dei direttori15 Dicembre 2017 Il valzer dei direttori Scadono tutti tra il 21 e il 23 dicembre. Tutti col fiato sospeso. Tutti o quasi tutti bocciati, a dispetto dei bandi che la Regione Abruzzo ha pubblicato qualche giorno fa: i Direttori […]
  • Ma quanti direttori Regionedorè30 Dicembre 2017 Ma quanti direttori Regionedorè Quelli in carica sono scaduti, e allora si fa un concorso per assumere i nuovi, ma siccome i nuovi non si possono assumere perché le assunzioni sono bloccate, si nominano quelli […]
  • Il duchino prorogato19 Dicembre 2017 Il duchino prorogato Mai e poi mai proroghe per i direttori: e tanto tuonò che prorogarono. Non tutti i Direttori della Regione Abruzzo ma solo uno: Vincenzo Rivera, cioè l’uomo che ha preso il posto di […]
  • Un commissario per i ribelli14 Luglio 2017 Un commissario per i ribelli Le stesse lentezze. E forse le stesse prudenze. Il nuovo rup (responsabile unico del procedimento) del project financing Maltauro, Emidio Primavera,  ha chiesto un altro mese di tempo per […]