·Inconvenienti delle omonimie·

Gli chiedono se si candida, gli chiedono incontri, appuntamenti, lo incoraggiano a sciogliere la riserva al più presto. Però non è lui il Giovanni Legnini ex vice presidente del Csm e (forse) candidato alle prossime elezioni regionali nel quale il centrosinistra ha riposto tutte le sue ultime speranze. No, solo un parente lontano.

ps1: Gli inconvenienti delle omonimie

ps2: se Legnini (quello vero), dovesse rinunciare, il Pd potrebbe ripiegare sull’altro (magari qualcuno ci casca)




Articoli correlati

  • Di Stefano corre da soloNovembre 12, 2018 Di Stefano corre da solo Fabrizio Di Stefano esce allo scoperto: sarà candidato presidente di un pool di liste civiche. Si è stancato di aspettare, il centrodestra non si decide, il nome non viene fuori e lui […]
  • Stasera a casa di FedericaLuglio 18, 2018 Stasera a casa di Federica Benvenuta estate, benvenuta mezzestate. E cosa c'è di meglio di una cena per festeggiarla, magari a casa, magari con ospiti illustri, magari una domenica sera (perché si sa, il sabato è […]
  • Leggere Dante oltre le sbarreMaggio 18, 2019 Leggere Dante oltre le sbarre Non è una parola qualsiasi, è un superlativo, un dono fatto senza corrispettivo: ha gli occhi umidi e la voce che si spezza Giuseppe Fanfani mentre racconta ai detenuti del supercarcere […]
  • La messa sta finendoFebbraio 22, 2018 La messa sta finendo "Chiamatemi" ma il numero non c'è “Ogni volta che avete necessità o il desiderio di parlare con me potete contattarmi”, scrive la candidata Federica Chiavaroli sotto un manifesto con foto […]