·Inconsistente sarà lei·

Non convince nessuno la sentenza del tribunale dell’Aquila sull’incompatibilità di Luciano D’Alfonso. Non convince costituzionalisti e avvocati e soprattutto i Cinquestelle che avevano presentato il ricorso e se lo sono visti bocciare. E così finisce in rissa tra l’avvocato Isidoro Malandra e Silvio Paolucci, assessore regionale alla sanità che in questi giorni va in giro per l’Abruzzo insieme a Massimo Cialente a raccontare ciò che di buono è stato fatto per la sanità (rischiando davvero di brutto) e che martedì ha firmato un comunicato carico di irrisioni ai danni dei pentastellati.

Silvio Paolucci

Ma purtroppo per lui quel ricorso non l’avevano scritto di proprio pugno i consiglieri regionali, ma un avvocato, com’è naturale. L’avvocato Malandra, per la precisione, che ieri gli ha risposto per le rime. Paolucci aveva detto che la sentenza del tribunale faceva emergere “l’inconsistenza nell’approfondire il merito delle questioni amministrative”? Ed ecco pronta la risposta:

“Quindi sarei io, secondo Paolucci – scrive Malandra  l’inconsistente nell’approfondire il merito delle questioni amministrative. Quanto ci sia di diffamatorio in tali affermazioni sarà oggetto di esame da parte mia. Per il momento mi limito a dire al bocconiano locale che le questioni che abbiamo affrontato con il ricorso per la decadenza di D’Alfonso attengono alla materia elettorale e non alla materia amministrativa (altrimenti si sarebbe pronunciato il Tar e non il Tribunale ordinario)”. 

L’avvocato Malandra con la Marcozzi

Una differenza che evidentemente Paolucci, o chi gli ha scritto il comunicato, non è stato in grado di cogliere. Poi, aggiunge Malandra:

“Nello stesso tempo, mi viene da pensare che potrei sottopormi al giudizio del bocconiano locale ma a condizione di reciprocità: il Dott. Paolucci dovrebbe consentirmi di giudicare le sue capacità professionali. Purtroppo leggo che fa il “politico” fin dalla più tenera età e l’unico lavoro svolto è quello di consulente per la Provincia di Pescara, amministrata dai Ds quando lui rivestiva cariche politiche proprio nei Ds. Il curriculum pubblicato sul sito di Regione Abruzzo potrebbe però essere incompleto e allora è giusto attendere di sapere dal Dott. Paolucci se per caso ha mai speso le sue capacità professionali giocando senza rete, se è mai stato nel mercato delle professioni, dove gli inconsistenti soccombono.
Nell’attesa mi applicherò per studiare i mirabolanti risultati raggiunti dall’ex bambino prodigio nella gestione della sanità abruzzese”.

ps: Insomma, Paolucci per ora ci ha rimesso le penne. E fino a tarda sera si è ben guardato dal replicare: sull’argomento, nomine e carriere politiche, in questo periodo il Pd ha un po’ di imbarazzo.





Articoli correlati

  • Dalfy, il ricorso e gli effetti collateraliLug 25, 2018 Dalfy, il ricorso e gli effetti collaterali Rigettato il ricorso dei Cinquestelle: l’incompatibilità del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, eletto senatore il 4 marzo scorso, dovrà essere stabilita dalla Giunta per […]
  • Presidente-senatore, decide la RegioneMar 30, 2018 Presidente-senatore, decide la Regione Entro 30 giorni a partire dal 16 aprile, che è la data dell’insediamento delle Camere. A meno che non ci siano ricorsi. E il ricorso c’è, alla Regione è arrivato l’altro ieri pomeriggio a […]
  • Grasso deciderà il destino di DalfyLug 27, 2018 Grasso deciderà il destino di Dalfy Sarà Pietro Grasso a occuparsi dell’incompatibilità del presidente-senatore Luciano D’Alfonso. Lo ha detto il presidente della Giunta per le incompatibilità Maurizio Gasparri che però non […]
  • Abruzzo, poltrona di riservaMag 15, 2018 Abruzzo, poltrona di riserva Ieri era il giorno del Senato, ma attenzione che oggi potrà cambiare idea visto che Lega e Cinquestelle hanno chiesto altro tempo a Mattarella per l’ipotesi di governo. Funziona così in […]