·Inchiesta continua·

Ogni giorno nuovi filoni investigativi e nuovi avvisi di garanzia:
si allarga sempre più l’inchiesta della procura della Repubblica dell’Aquila su una serie di appalti gestiti dalla Regione Abruzzo che vede finora 27 indagati, tra cui funzionari regionali, professionisti esterni, imprenditori, il presidente della Giunta, Luciano D’Alfonso e il suo braccio destro Claudio Ruffini.

D’Alfonso e il fedele Ruffini

E c’è un nome nuovo finito nel registro degli indagati nell’appalto da 13 milioni di euro per la ricostruzione di palazzo Centi, sede della giunta regionale all’Aquila seriamente danneggiato dal sisma del 6 aprile 2009, nel quale secondo la procura, pubblici ufficiali avrebbero favorito alcune imprese: si tratta del dirigente regionale del genio civile Carlo Giovani, dell’Aquila, (assolto per il crollo della casa dello studente nel terremoto del 6 aprile 2009), accusato di turbativa d’asta nel suo ruolo di componente della commissione amministrativa. I fatti contestati risalgono al 27 maggio 2015, giorno di pubblicazione della gara di appalto su palazzo Centi, procedimento segnato da ritardi e caratterizzato da cambi di commissari di gara.

Secondo l’Ansa, ieri i carabinieri del Noe hanno notificato una proroga delle indagini a lui e ai due componenti della commissione di gara, i funzionari Roberto Guetti e Silverio Salvi, nomi usciti pubblicamente nei giorni scorsi perché hanno subito perquisizioni.

Palazzo Centi

Il primo dei due nuovi filoni si riferisce ad una vicenda legata ad un contributo pubblico chiesto e ottenuto a Giulianova per una iniziativa immobiliare. Per questo, secondo l’accusa, ci sarebbero state sollecitazioni nei confronti di alti rappresentanti della Regione Abruzzo, per spingere sulla Sovrintendenza: sono indagati per corruzione aggravata in concorso con altri per un atto contrario ai doveri d’ufficio Giovanni Mosca, ingegnere, e Roberta Caralla, imprenditrice, proprietaria di un ristorante a Giulianova. Non sono stati ancora notificati avvisi di garanzia a pubblici ufficiali. I fatti risalgono al luglio del 2015 a Giulianova. Nel secondo è indagato il noto imprenditore teramano Sabatino Cantagalli, per una vicenda risalente al 2006 a Teramo: in quel periodo Cantagalli era impegnato nella realizzazione del nuovo stadio di Teramo e del vicino centro commerciale Gran Sasso.

Fabrizio Bernardini

E soltanto ieri un altro terremoto si era abbattuto sulla giunta regionale per l’appalto del parco Villa delle Rose di Lanciano: in questo filone sono dieci gli indagati fino a questo momento, e dentro ci sono finiti gli assessori regionali Dino Pepe, Marinella Sclocco e Silvio Paolucci, insieme al segretario di giunta Fabrizio Bernardini, accusati di falso ideologico perchè secondo la procura dell’Aquila, nel giorno in cui fu approvata la delibera del bando, avrebbero attestato la presenza in giunta del presidente della Regione Luciano D’Alfonso e dell’assessore Donato Di Matteo, che invece non c’erano. Un aspetto poco chiaro, questo: nella delibera ci sono le firme di tutti e gli unici assenti risultano Lolli e Gerosolimo. Per verificare come siano andate davvero le cose, bisognerebbe controllare i brogliacci di quella seduta del 3 giugno scorso, forse finita nel materiale sotto sequestro insieme all’originale dell’atto.

Paolucci, Pepe e Sclocco

Un altro particolare che la procura dovrà verificare è come mai quella delibera venne pubblicata addirittura un mese dopo la sua approvazione e come mai non prevedesse alcun impegno di spesa o accertamento di entrata, quando la Regione si era impegnata a stanziare un milione e 200 mila euro.

In questo filone d’inchiesta,  mancano all’appello ancora i nomi degli altri sei indagati. All’interno del Palazzo della Regione, fino a questo momento, gli indagati sono sei: il presidente della Regione Luciano D’Alfonso, i suoi fedelissimi Claudio Ruffini (che ha subito la perquisizione della sua casa di Giulianova) e Fabrizio Bernardini, oltre agli assessori Dino Pepe, Silvio Paolucci e Marinella Sclocco.
ps: ma i rumors dicono che c’è dell’altro, in arrivo nei prossimi giorni. L’appalto di Palazzo Centi, da qui è partito tutto.




Articoli correlati

  • L’inchiesta va al galoppo22 Febbraio 2017 L’inchiesta va al galoppo Erano gli ultimissimi giorni di campagna elettorale, quando il presidente della Regione Luciano D’Alfonso si presentò a Lanciano a sostenere la candidatura del sindaco Mario […]
  • Nuovi sequestri alla Regione21 Febbraio 2017 Nuovi sequestri alla Regione Nuovi sequestri ieri mattina negli uffici della Regione all’Aquila. L’inchiesta su Palazzo Centi va avanti, e nei prossimi giorni sono previsti altri importanti sviluppi. Sotto la lente di […]
  • Sistemiamoli tutti21 Marzo 2018 Sistemiamoli tutti La Corte dei conti ha detto no, niente assunzioni se non si approvano i consuntivi. Ma lui ci prova lo stesso: leggi e regole sono fatte per essere aggirate, mica rispettate. E così la […]
  • Prima che il Gal canti3 Ottobre 2016 Prima che il Gal canti Questa è una storia di cui sentiremo ancora parlare. Per questo motivo la ripropongo. E’ di Luciano D’Alfonso la richiesta di riapertura del bando per la selezione dei Gal, è lui, il […]