·Il Vate cacciato da Trieste·

Niente, non ce lo vogliono: Gabriele D’Annunzio via da Trieste. Hanno raccolto 1.550 firme in pochi giorni i triestini, perché la statua del Vate lì insieme a quelle di Joice, Saba e Italo Svevo non la possono proprio sopportare. Il monumento, firmato dallo scultore Alessandro Verdi ritrae D’Annunzio seduto mentre legge in posa riflessiva e dovrebbe essere sistemata in piazza della Borsa. Per il momento la petizione contro il monumento a D’Annunzio ha raccolto 1500 firme in 3 giorni.

“D’Annunzio non c’entra niente con Trieste, veniva sbeffeggiato anche dalla popolazione quando perse l’occhio – spiega a Triesteprima il promotore della petizione Alessandro De’ Vecchi – a suo dire in un’azione eroica volando sulla città ma in realtà perso per un’infezione mal curata. L’ubicazione di fronte al palazzo della Camera di Commercio è offensiva, è probabilmente un omaggio della giunta di destra e dalle sue liste composte anche da ex camerati, ad un onorevole dichiaratamente fascista residente nella stessa piazza”.

Insomma, una bega di quartiere. Che ha finito per coinvolgere anche molti intellettuali cittadini. 

“Le statue di Joyce, Saba e di Italo Svevo – continua il testo della petizione – sono state dichiaratamente contrapposte dal sindaco alla cultura italiana invece di quella mitteleuropea e due di questi personaggi della cultura triestina, erano anche israeliti di religione… nella città delle Leggi Razziali. La biografia letteraria e politica di D’Annunzio rasenta il ridicolo ed espone il buon nome dell’Italia al ludibrio mondiale ma non è questo il motivo principale della nostra contestazione: D’Annunzio era alloglotto e totalmente estraneo alla città”.

Piazza della Borsa a Trieste

Il sindaco Dipiazza invece difende la scelta ed esorta a

“farla finita con queste divisioni del 900. Sarà una grande opportunità dal punto di vista turistico. Ciò che conta è che Trieste assieme a Venezia il centro della preparazione dell’impresa di fiume. Hemingway, Joyce, Proust riconobbero la grandezza di D’Annunzio: questa è la realtà, stiamo parlando di un grande italiano. Queste polemiche mi hanno stancato”.

E poi:

Da Trieste-aggiunge-veniva una delle reliquie più preziose: una bandiera italiana che gli fu regalata dalla sua amante triestina. Lui non attaccò mai i croati, lui non ha mai detto nulla contro i croati. Questa è la storia. Io ho letto anche l’ultimo libro di Giordano Bruno Guerri”.

ps: Adesso toccherà al nuovo sindaco di Pescara difendere il buon nome del Vate. Non sarà il Pescara calcio, ma vale la pena lo stesso.





Articoli correlati

  • Finchè la Barcolana vaOttobre 15, 2015 Finchè la Barcolana va Eccole qua le foto di Barcolana, la regata velica più importante d'Europa. Eccole, che vi credevate voi, ci sono eccome. Le ha mandate l'assessore Donato Di Matteo, che ha organizzato a […]
  • Porchetta a vele spiegateOttobre 13, 2015 Porchetta a vele spiegate Ma quanti ambasciatori e quanti promotori e quanti sponsorizzatori e quanti grandieventisti. L'Abruzzo non sa più a che santi votarsi, gettonatissimo esportatissimo visitatissimo. Almeno a […]
  • Zappagate tra il Direr e il fareFebbraio 10, 2016 Zappagate tra il Direr e il fare Nel congelatore. E intanto si vede l'effetto che fa. Il caso Zappacosta però non finisce nel dimenticatoio, niente affatto. Ieri la Direr, il sindacato dei dirigenti, ha scritto alla […]
  • Fira, pronte le dimissioniGiugno 6, 2017 Fira, pronte le dimissioni Pronte le dimissioni in blocco: il presidente della Fira le ha già preparate una settimana fa, e con lui tutto il cda. E non fa niente che Alessandro Felizzi sia il commercialista di […]