·Il valzer dei direttori·

Scadono tutti tra il 21 e il 23 dicembre. Tutti col fiato sospeso. Tutti o quasi tutti bocciati, a dispetto dei bandi che la Regione Abruzzo ha pubblicato qualche giorno fa: i Direttori regionali non sono più nelle grazie del governatore Luciano D’Alfonso, e quindi tutti, o quasi tutti, verranno messi alla porta. E quale migliore occasione di una scadenza contrattuale per rinnovare il parco-poltrone e aprire le porte della Regione ad altra gente? In vista delle elezioni non c’è di meglio per raccogliere voti e consensi. E allora via ai bandi, anche se poi per le assunzioni non se ne parla per ora: senza l’approvazione dei rendiconti la magistratura contabile dice no, che è tutto bloccato e fino a questo momento è stato approvato solo quello del 2014. Ma la propaganda va avanti lo stesso, anche nel silenzio dei sindacati dei dirigenti, attenti però a rivendicare i premi di risultato che sono al palo dal 2015.

Luciano D’Alfonso

Eppure una soluzione indolore per le casse pubbliche ci sarebbe stata: la proroga per tutti, tra l’altro prevista dai contratti. In questo modo la Regione non si sarebbe trovata con i Dipartimenti scoperti, e non sarebbe incorsa nei veti della Corte dei Conti. E tutto sommato, avrebbe risparmiato, avrebbe cioè rinnovato a costo zero.

E invece no, la propaganda impone che si proceda con i nuovi bandi, a dispetto delle regole. Anche se il tam tam della Regione riferisce che alla fine della fiera resteranno in sella soltanto i fedelissimi e fidatissimi Rivera, Primavera e Bernardini, tutti gli altri a casa. C’è solo un margine, al quale si attaccano quelli in odore di cacciata: le elezioni, quando tutti diventano più buoni, e quindi la minaccia di licenziamento potrebbe trasformarsi in un riciclaggio o in un semplice spostamento di poltrone.
Insomma, alla vigilia delle elezioni neppure il presidentissimo si potrà permettere di fare figli e figliastri, o almeno così sperano i direttori in odore di cacciata: è certo che Dalfy, finito il programma Ipa Adriatic, dovrà trovare una nuova collocazione per la bionda Paola Di Salvatore, che aspira alle Politiche comunitarie (attualmente in mano a Rivera) o in subordine a Turismo e Cultura (in mano a Giancarlo Zappacosta). Lo stesso Zappacosta, dopo un periodo di litigi, si è riavvicinato al presidente e aspira a tornare in sella alla Cultura e di riottenere i Trasporti che gli erano stati scippati ai tempi della guerra con Dalfy e che sono ancora senza guida.

Paola Di Salvatore

Rivera dal canto suo spera di ottenere la direzione generale, che ora gestisce provvisoriamente. E che gli è stata affidata, con tanto di aumento di retribuzione,  quando era già scattato il veto della Corte dei Conti: quindi un contratto dal forte sapore di illegittimità.

Ieri sera sono scaduti i termini per la presentazione delle domande e stamattina si apriranno le buste. In ogni caso sarà un concorso virtuale.
ps: perché anche il rinnovo dei contratti dei vecchi direttori, se si tratterà di rinnovo, secondo la Corte dei Conti non si può fare. Ma la propaganda è propaganda e quindi avanti così.





Articoli correlati

  • La cacciata dei direttorinovembre 28, 2017 La cacciata dei direttori Più concorsi per tutti. Anche e soprattutto per i direttori regionali. Via tutti, restano soltanto quelli più fidati, quelli che creano meno problemi. La Regione Abruzzo bandisce i […]
  • Ma quanti direttori Regionedorèdicembre 30, 2017 Ma quanti direttori Regionedorè Quelli in carica sono scaduti, e allora si fa un concorso per assumere i nuovi, ma siccome i nuovi non si possono assumere perché le assunzioni sono bloccate, si nominano quelli […]
  • Gerardis, gli amici se ne vannomaggio 22, 2017 Gerardis, gli amici se ne vanno Guido Dezio, il primo della lista. Oppure Vincenzo Rivera, da poco diventato direttore della Presidenza e dei Rapporti con l’Europa. Oppure Fabrizio Bernardini. O ancora Paola Di […]
  • Zappagate, che melinaaprile 27, 2016 Zappagate, che melina Neanche ieri. Dal suo albergo di Tirana, Luciano D'Alfonso, il governatorissimo dell'Abruzzo, ha ordinato di cancellare la giunta prevista per ieri pomeriggio alle 18 con il reintegro di […]