·Ecco chi scarrozza D’Alfonso·

Non è un’idea nuova, prima di lui Prodi Veltroni Renzi e addirittura Rutelli. “Il mezzo è il messaggio” diceva McLuhan e così anche Dalfy si è adeguato. Insieme all’auto blu e alla Cinquecento tappezzata coi colori della bandiera italiana, ora ha messo in campo anche un pullman che parcheggia un po’ qui e un po’ lì dove capita. Ma il problema non è tanto il mezzo, quanto chi lo guida. Perché, è risaputo, per guidare un pullman ci vuole tanto di patente D. Che gli staffisti non hanno e neppure gli autisti della Regione.

L’idea non è nuova, tutt’altro. Nel ’96 fu Prodi che per lanciare l’Ulivo girò l’Italia con un pullman, un vecchio diesel Iveco. Qualche anno dopo l’asticella si alzò decisamente e il professore usò per la sua campagna elettorale un tir giallo col simbolo dell’Unione. A Prodi questo sfoggio portò bene, un po’ meno a Rutelli che nel 2001 girò l’Italia in treno. Stessa cosa ha fatto Renzi, e i risultati li vedremo il 5 marzo. Anche a Veltroni piacque molto il pullman, sia per le Europee che nel 2008 per la nascita del Pd a vocazione maggioritaria, ma purtroppo per lui vinse Berlusconi. Che manco a dirlo, nel 200 girò l’Italia in nave, ma quella è davvero un’altra storia.

Dalfy non deve essere molto scaramantico, se anche lui ha scelto un pullman. Ma chi glielo guida? è la domanda ricorrente. Amici fidati, pronti a mettersi in ferie dal lavoro, pur di accompagnare il presidente nel suo tour elettorale. Certo, occorre una patente D, e in questi giorni, proprio nella settimana fino al 18 febbraio, il pullman è guidato da un autista della Tua in ferie. Che naturalmente, durante il suo tempo libero può fare ciò che vuole.


Altro discorso sarebbe se lo facesse mentre è regolarmente al lavoro, visto che secondo il regio decreto che regola i rapporti del personale delle ferrovie, tranvie e linee di navigazione,

“gli agenti non possono esercitare altri uffici, impieghi, commerci, professioni o mestieri, senza averne avuto esplicita autorizzazione scritta dal direttore dell’azienda”.

E d’altronde, la Tua è molto riconoscente col presidente Luciano D’Alfonso: giovedì scorso insieme ad altri membri dello staff e a Guido Dezio, ha mangiato alla mensa aziendale della Tua: zuppa di legumi e petto di pollo grigliato.
ps: Pranzo leggero, e poi tutti sul pullman.




Articoli correlati

  • Prendo il bus o prendo l’aereo?Ottobre 20, 2015 Prendo il bus o prendo l’aereo? O sceglie l'autobus o sceglie l'aereo. Anche perchè la coperta è corta e non basta per tutti. Ci sono in ballo cinque milioni di euro della Regione, e se li contendono la Saga guidata da […]
  • L’autista logora chi non ce l’haFebbraio 23, 2016 L’autista logora chi non ce l’ha Sembra una sfumatura, ma non lo è. C'è differenza eccome, tra Giunta ed esecutivo. La Giunta è quella, sei assessori punto e basta. L'esecutivo, invece. L'esecutivo è, vocabolario alla […]
  • Da Prodi all’Inps, quante gaffeSettembre 8, 2017 Da Prodi all’Inps, quante gaffe Incidente diplomatico. Di quelli in cui inciampa spessissimo il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, con tanto di foto, comunicati roboanti, tentativi di rattoppo, e qualche […]
  • L’Europa e’ servita: a tavolaSettembre 15, 2015 L’Europa e’ servita: a tavola E dopo, tutti a tavola. Con tanti saluti alle sfide dell'Europa. Il convegno con Romano Prodi approda alla fine al Caffè Les Paillottes di Pescara, dove lo chef Matteo Iannaccone ha […]