·Gruppi d’acquisto·

Spendono tanto, tantissimo. E i documenti contabili non convincono, proprio per niente. Sono soltanto quattro i rendiconti dei gruppi consiliari della Regione Abruzzo approvati dalla Corte dei Conti: Partito democratico, Centro democratico, Abruzzo civico e Regione facile. Per tutti gli altri, compresi Forza Italia e i Cinquestelle, la Corte ha chiesto un supplemento di spiegazioni e di ricevute per interpretare le spese sostenute durante il 2015. E per la pubblicazione, ci vorrà altro tempo.

D'Alfonso e Di Pangrazio

D’Alfonso e Di Pangrazio

Il Pd lo scorso anno ha speso la bellezza di 410.612,19 euro, rispetto a un fondo di 461.351 euro, quindi è riuscito persino a risparmiare. La maggior parte dei soldi se ne vanno per il personale: i democrat hanno speso 254.922 euro più 101.840 per le ritenute fiscali e previdenziali, che sono una somma considerevole. Ma a questa cifra ci sono da aggiungere le spese per “consulenze, studi e incarichi” che ammontano 39.377 euro. E ci sono anche spese per l’aggiornamento (e rappresentanza, convegni e attività promozionali che non si capisce a che servano) pari a 4.639 euro, insomma pochi spiccioli, o per la stampa, la spedizione di pubblicazione o periodici non meglio identificati, 5.978 euro; e le spese logistiche, di 1.174 euro.

Sandro Mariani

Sandro Mariani

Più piccolo e più parsimonioso il Centro democratico, che rispetto a 50.457 euro di fondi assegnati, ne spende solo 32.853: 19.390 per il personale, 9.365 per le ritenute, e 3.688 per le consulenze che ci stanno sempre bene.

Abruzzo civico nel 2015 spende 84.718,34 euro, di cui 54.232 per il personale e 8.562 in consulenze. In compenso, per tutto il resto Andrea Gerosolimo stringe la cinghia: non legge e non spende un euro in libri, non fa convegni, non pubblica periodici né affitta sale riunioni né compra materiale informatico, né spende in francobolli (sì, esiste ancora la voce “spese postali e telegrafiche”, sì molti gruppi registrano spese sotto questa voce).

Andrea Gerosolimo

Andrea Gerosolimo

Regione facile, come Abruzzo civico, spende solo in personale (ma questo forse dipende dal fatto che i nuovi gruppi non sanno ancora come si fa…) e nel 2015 registra uscite pari a 91.445,96 rispetto ai 100.914 euro di fondi disponibili. Per il personale ha impegnato 58.813 e 23.180 di ritenute. Due consulenze non si negano a nessuno: 9.237 euro.

Ps: Sembra uno scherzo, sembra poca roba. Ma solo per dare un’idea: nel 2015 questi quattro gruppi sono costati alle casse pubbliche 619.628 euro. E sono solo quattro. Cioè ne mancano ancora sette: fatevi un po’ i conti.




Articoli correlati

  • I conti tornano ma non troppoMaggio 18, 2016 I conti tornano ma non troppo E alla fine sono stati approvati. Però sette sono stati rispediti al mittente con richiesta di rettifica. E uno in modo particolare è passato sotto la lente di ingrandimento della Corte […]
  • Illegittime tutte le assunzioniGiugno 20, 2017 Illegittime tutte le assunzioni Nulle. Tutte le assunzioni fatte dalla Regione a partire da dicembre 2016, nulli i 36 contatti stipulati con il bando multiplo che si sono affrettati a firmare entro il 30 aprile. O […]
  • Contratti bloccati, a casa gli staffistiLuglio 1, 2017 Contratti bloccati, a casa gli staffisti Senza contratto: un centinaio di dipendenti del Consiglio regionale da lunedì resteranno a casa. Colpa dei rendiconti non approvati: i loro incarichi a tempo determinato sono scaduti […]
  • Regione, i conti non tornanoGiugno 7, 2019 Regione, i conti non tornano No, i conti non tornano. La Corte dei Conti ha dichiarato “parzialmente irregolare” il rendiconto per il 2018 del gruppo consiliare di Forza Italia che ha dovuto tirar fuori i soldi che […]