·Grand Hotel Provincia·

Tutta una lunga premessa: che la legge Delrio, che l’importanza dei Comuni, che le funzioni dei sindaci, che la Casa dei Comuni. Insomma, tutto un arzigogolo per arrivare, alla fine di due pagine, all’obiettivo: Antonio Di Marco metterà a disposizione una stanza per i sindaci in trasferta, trasformando l’ente pubblico in Grand Hotel Provincia. D’altronde il presidente dimissionario della Provincia di Pescara, che un giorno sì e l’altro pure inaugura e taglia nastri in vista delle prossime elezioni regionali dove sarà il candidato di punta del collegio adriatico sotto l’ala protettrice di Luciano D’Alfonso, ha una forte esperienza nel ramo turistico: ad Abbateggio è titolare di un b&b, anzi è proprio quello il suo lavoro. E d’altronde, mesi fa, aveva avuto la stessa idea per l’amico Dalfy: aveva messo a disposizione della Regione un paio di stanze, che il governatore usava a suo piacimento e dove aveva trasferito un dipendente scomodo.

Antonio Di Marco

Così il 21 settembre, quando Di Marco si era già bello che dimesso, ha scritto a tutti i sindaci: visto che la legge Delrio ha aumentato le funzioni dei sindaci a scapito delle Province, e che la Provincia è la Casa dei Comuni, ecco pronta la “Sala dei sindaci”, un

“luogo istituzionale sempre disponibile per iniziative e proposte dei sindaci, un porta aperta a soluzioni concrete alle problematiche che, come ben sapete, ogni sindaco a volte deve affrontare”.

Una stanza pronta e disponibile senza passare per Booking, come quella che hanno i rappresentanti negli alberghi di città, sempre a disposizione, anche se questa non avrà né doccia né un letto per riposare.

Adesso passi che i sindaci devono affrontare spesso e non soltanto “a volte” come scrive Di Marco molte e non “alcune” problematiche, passi che ogni occasione è buona per inaugurare e la sala dei sindaci non sfuggirà a questo rito con tanto di targa, foto e forbici in primo piano, passi pure che “un elezione” si scrive con l’apostrofo, ma di questa benedetta sala cosa devono mai farci i sindaci in trasferta? Compiti istituzionali, scrive Di Marco nel suo decreto, come se mancassero le stanze in Provincia (e senza contare che Marco Alessandrini sta lì a due passi).

Dalfy e Di Marco

E qui casca l’asino, e piovono le congetture: forse devono farci campagna elettorale visto che Di Marco scadrà definitivamente dal suo incarico il 5 ottobre, e a quel punto non potrà esibire neppure la fascia blu con la quale va in giro ad inaugurare strade e marciapiedi nonostante sia presidente dimissionario, e Abbateggio non è proprio il posto più indicato per farla. Così gli sarà venuta l’ideona, dicono i maligni: sicuramente una cattiveria, ma gli indizi ci sono tutti, a partire dalle competenze turistiche del presidente, che dal b&b va al Grand Hotel. 

ps: Certo, manca il ristorante. Ma con un bel catering si può sempre ovviare. Insomma un bel passo avanti.





Articoli correlati

  • Di Marco, addio con strafalcioneOttobre 4, 2018 Di Marco, addio con strafalcione “Pregiatissimi”, è arrivato il momento tanto atteso. E così, proprio al rush finale, due giorni prima della scadenza, l’ormai ex Presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, che […]
  • Di Marco, fischi e lazziSettembre 25, 2018 Di Marco, fischi e lazzi Già non lo possono sopportare perché continua a inaugurare a tutto spiano nonostante si sia dimesso da Presidente della Provincia. E per di più indossando la fascia blu: se si è dimesso, […]
  • I doni non finiscono maiGennaio 21, 2016 I doni non finiscono mai Firmato e sottoscritto. Persino dal subcommissario Giuseppe Zuccatelli. Ma il decreto dell'11 gennaio scorso firmato da Luciano D'Alfonso, presidente della Regione Abruzzo e commissario […]
  • Asl, che regaloneOttobre 18, 2016 Asl, che regalone Dodici milioni di euro per l’adeguamento dei sistemi informativi delle Asl, la raccolta dei dati gestionali e la realizzazione di una base dati unica. Un progetto annunciato da Maperò un […]