·La poltrona sissississi’·

Loro erano quelli che l’assessorato nonnonnonno. Quelli a cui stavano a cuore i problemi del territorio, e i punti nascita, e la sanità. Insomma, battaglie sacrosante e di principio, altro che poltrone. Sempre sul ciglio del burrone, ma sempre salvi. Sempre fuori dall’aula, fuori dalle riunioni, ma mai all’opposizione. Lui, in particolare, era quello che: “Se mi offrono l’assessorato lo rifiuto”. Giusto un mese e mezzo fa (Mapero’ l’aveva raccontato).

D'Alfonso e Gerosolimo

D’Alfonso e Gerosolimo

Abruzzo civico avrà l’assessore, che aspettava dal giorno dell’insediamento di Luciano D’Alfonso (delega alle Aree interne e al Turismo). Il governatore ha incoronato pubblicamente Andrea Gerosolimo, quello del patto della pizza, consumata a Pescara aumma aumma con D’Alfonso, mediatore Giuseppe Di Pangrazio, mentre sui giornali facevano il diavolo a quattro. Gli lascerà la poltrona Mario Mazzocca, di Sel. Che per la verità D’Alfonso si voleva togliere di mezzo già da un po’. Primo perché è rimasto coinvolto nell’inchiesta Soget (e un assessore all’acqua accusato di non pagare l’acqua e’ davvero il colmo) e secondo perché lui porta un voto solo: il suo, contro i due più uno (il dem Luciano Monticelli) di Gerosolimo.

Mario Mazzocca

Mario Mazzocca

Ma siccome ora anche Mazzocca minaccia di andare in minoranza, c’è qualcuno che ipotizza che D’Alfonso possa insignirlo del titolo di sottosegretario, tanto per tenerlo buono.

Così si libera anche di D’Alessandro (con cui il feeling non è più quello di un tempo), che andrebbe a fare il capogruppo al posto di Sandro Mariani. Certo, fantapolitica. Ma chissà.

Intanto questa storia dimostra: che Abruzzo civico la poltrona la voleva eccome (e adesso vedremo come affronterà la chiusura del punto nascita di Sulmona, che la Lorenzin non intende mollare). E che quelli che dicevano di non voler fare mercato di poltrone, lo fanno eccome: la giunta D’Alfonso per un voto in più fa patti anche col diavolo.




Articoli correlati

  • Gatti da pelare18 Novembre 2015 Gatti da pelare Forse è molto conteso, o forse no. Forse giocano su più tavoli, il conteso e il contendente, o forse è una partita più complessa. Tipo: vediamo chi la spunta, io o Tommaso Ginoble. Paolo […]
  • Mazzocca non molla10 Settembre 2015 Mazzocca non molla Tutto a monte. Mario Mazzocca, che ieri ha incassato la solidarietà di un bel po' di sindaci,non rinuncia all'assessorato: questa è la decisione che Sel ieri sera ha comunicato al […]
  • Più poltrone per tutti8 Settembre 2015 Più poltrone per tutti La duplicazione dei pani (e anche dei pesci: cioè noi) Camillo D'Alessandro non andrà a fare il capogruppo al posto di Sandro Mariani, perché sennò anche Teramo avrebbe perso una casella. […]
  • D’Alfonso con l’incubo dei numeri17 Giugno 2015 D’Alfonso con l’incubo dei numeri Altro che impegni. Il consiglio regionale di ieri e' stato rinviato perché Luciano D'Alfonso non ha più i numeri. E tra i consiglieri di opposizione, per il momento, non ribatte un chiodo. […]