·Gero pigliatutto·

Che alla fine lui voltasse la faccia al Pd, che gli piazzasse una coltellata nella schiena a Sulmona riuscendo nel frattempo a mantenere la poltrona all’Aquila in giunta regionale, stava scritto nelle cose. Perché Andrea Gerosolimo è Andrea Gerosolimo e il Pd è il Pd. Cioè uno abile e politicamente spregiudicato, l’altro inerte e passivo, schiacciato com’è dal peso di Luciano D’Alfonso.

D'Alfonso e Gerosolimo

D’Alfonso e Gerosolimo

Ieri però Gerosolimo ha fatto di più: ha ufficializzato l’accordo col sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli e con Ncd nella visita pubblica al carcere di Sulmona, e con un sol colpo ha fatto sapere chi è il più forte, almeno in queste elezioni peligne. E chi, invece, finirà in mille pezzi: prima di tutto Forza Italia, che con Ncd aveva già perso un pezzo consistente e ora, con l’assenza di una guida in Abruzzo, non conta e non accusa più molto; e poi il Pd e il centrosinistra al quale lui fa fare ciò che vuole, dai rimpasti di giunta in poi.

9

Sulmona quindi diventa una specie di laboratorio politico, che risulterà molto indigesto a Luciano D’Alfonso: un po’ perché lui sotto sotto ma neanche tanto, è molto più di centro (destra) che di centro (sinistra) e figuriamoci piddi’, e poi perché queste sacre alleanze le vorrebbe tanto fare lui, soprattutto ora che non è molto chiaro se riuscirà a ricucire con Bruno Di Masci. E c’è da aggiungere che la Chiavaroli per lui rappresenta la carta romana da contrapporre all’odiato Giovanni Legnini.

8

E ieri, la Chiavaroli era accompagnata da Alessandra Sciullo, ex membro del coordinamento provinciale dell’Aquila di Forza Italia, da un po’ di tempo in freddo con gli azzurri. Il sottosegretario è stata ricevuta dal direttore del carcere Sergio Romice e dal suo vice Celeste D’Orazio. E’ stata a lungo a colloquio con alcuni ergastolani, ha assistito a una lezione di letteratura in cui si è parlato dell’opportunità di reinserimento nella vita fuori dal carcere. Con gli impiegati ha affrontato il problema del sovraffollamento e dell’organico: a breve arriveranno a Sulmona altri 200 detenuti.

7

Gerosolimo l’ha accompagnata mantenendosi un passo indietro, come un vero principe consorte. Ma chi lo conosce sostiene che nelle visite ufficiali va così, e che però in politica comanda lui. Con buona pace della sottosegretaria (e di D’Alfonso).




Articoli correlati

  • La riffa delle candidature9 Gennaio 2018 La riffa delle candidature Eccoli di nuovo i 6 per 3. Il grande baraccone della pubblicità in formato elezioni è partito, il Pd in prima linea: ieri hanno fatto la loro comparsa in vari angoli di Pescara, e anche a […]
  • Vengo dopo il Pd4 Gennaio 2018 Vengo dopo il Pd Che sia un momentaccio per il Pd l’hanno capito pure le pietre. Ma il disastroso crollo nei sondaggi ora in Abruzzo rischia di diventare un tracollo bello e buono. Tutto fermo, tutto […]
  • Gero & Di Matteo, lo strappo28 Giugno 2017 Gero & Di Matteo, lo strappo Attenti a quei due. Donato Di Matteo e Andrea Gerosolimo ci riprovano. E questa volta al loro arco hanno 4 frecce: le sconfitte dei ballottaggi. Una riunione semi carbonara nei giorni […]
  • Quanti Casini a Sulmona22 Giugno 2016 Quanti Casini a Sulmona E niente. Ieri, due giorni dopo il ballottaggio, gli elettori di centrosinistra hanno scoperto che a Sulmona il Pd correva con la Casini. Lo scoprono non solo grazie alle dichiarazioni a […]