·Gerardis, gli amici se ne vanno·

Guido Dezio, il primo della lista. Oppure Vincenzo Rivera, da poco diventato direttore della Presidenza e dei Rapporti con l’Europa. Oppure Fabrizio Bernardini. O ancora Paola Di Salvatore, l’Autorità di gestione del programma Ipa Adriatic per la cooperazione transfrontaliera. Eccoli qua i nomi dei candidati alla successione di Cristina Gerardis, la direttrice generale della Regione Abruzzo che si è dimessa lasciando di sasso il presidente Luciano D’Alfonso. E non certo per il dispiacere.

Cristina Gerardis

Dezio è un fedelissimo, da sempre il braccio destro del governatore. Il più quotato. Anche se sarà difficile giustificare questa scelta dopo che, nella selezione del direttore generale dell’Ersi, gli è stato preferito l’architetto Tommaso Di Biase. Ammesso che ci si ponga il problema. Rivera è l’astro nascente, e sta molto a cuore ad amici carissimi di D’Alfonso. Bernardini un altro fedelissimo, da tempo in attesa di una gratificazione e di una sistemazione più importante. Anche l’ipotesi Di Salvatore ha un suo perché: il presidente potrebbe così ricucire con la dirigente un rapporto che si è deteriorato ed è diventato freddissimo dopo la bocciatura alla selezione vinta da Rivera. Deciderà nei prossimi giorni, D’Alfonso.

Guido Dezio

Fabrizio Bernardini

Paola Di Salvatore

Vincenzo Rivera

Intanto sono pronte le richieste di mobilità dei dieci funzionari della direzione generale, che non ne vogliono sapere di restare a lavorare con un altro direttore. Pronta è anche la lettera di dimissioni da vicario Tommaso Di Rino, scelto come vice dalla Gerardis all’inizio del suo incarico. Decisioni che rischiano di creare un grandissimo problema all’interno della Regione dove i rapporti con la struttura politica non sono molto facili. La Gerardis già domani sarà al lavoro a Roma col ministro Martina.

Sorrisi di circostanza e belle parole. Ma in realtà i rapporti tra D’Alfonso e la direttrice non sono così come vogliono fare apparire. Ha aspettato otto giorni, Luciano D’Alfonso. E poi ha tentato di nascondere la notizia, in tutti i modi: la nota dell’addio del direttore generale l’ha pubblicata a metà giornata sul profilo Facebook e subito oscurata con altri tre post. Nessun comunicato dall’ufficio stampa, che  però negli stessi minuti continuava ad inviare notizie degli appuntamenti del giorno dopo.
Una ferita, uno strappo che pesa, soprattutto nel bel mezzo di una tempesta giudiziaria che non si sa che sviluppi potrà avere.
La direttrice diventa Capo dell’ufficio Legislativo del ministro Martina, certo un’occasione alla quale è difficile dire di no. Ma nella scelta ha pesato sicuramente il malessere e le umiliazioni subite negli ultimi tempi.

Gerardis con Savini e Di Rino

Sulla bacheca della Gerardis, tantissimi i messaggi di saluto dei politici, oltre che dei direttori e dipendenti regionali. Quello di Paolo Gatti:

“Mi dispiace sinceramente poiché ci lascia un volto umano, gentile e rispettoso degli altri. Un professionista preparato e orientato alla risoluzione dei problemi. Però confido che possa essere una parentesi e che presto si interrompa la fuga dall’Abruzzo e dalla Giunta in particolare, e inizi una fase nuova, di rinnovato appeal e di ritorno dei migliori. Per adesso in bocca al lupo e a presto, Cristina!”

E quello di Donato Di Matteo:

“Cara Cristina, io difficilmente faccio apprezzamenti pubblici,in questa occasione mi sento di scriverti delle cose che provengono dal mio cuore Ho appreso solo adesso della opportunità di crescita che hai giustamente colto e sono felice perché lo meriti. In questi tre anni difficili per me ogni volta che ti ho cercata sei stata sempre disponibile e risolutiva . grazie per questo. La tua assenza si farà sentire, l’Abruzzo perde un punto di riferimento di legalità e competenza spero che tu possa tornare a servire la nostra regione in un futuro non troppo lontano. Un caloroso abbraccio e in bocca al lupo conserva sempre il tuo bel sorriso”.

ps: l’ultima della lista. Prima di lei Giovanni Savini, che se ne era andato dopo liti furibonde col governatore. Ora la lista è chiusa. Non c’è rimasto più nessuno. E ci sarà un perchè.




Articoli correlati

  • Poltroniadi, Ciancaione fuori10 Febbraio 2017 Poltroniadi, Ciancaione fuori Fuori dalla Regione. Da ieri la dirigente del Bilancio Rosaria Ciancaione non lavora più negli uffici di viale Bovio: dopo la decisione del Consiglio di Stato, che aveva respinto il suo […]
  • Zappagate, che melina27 Aprile 2016 Zappagate, che melina Neanche ieri. Dal suo albergo di Tirana, Luciano D'Alfonso, il governatorissimo dell'Abruzzo, ha ordinato di cancellare la giunta prevista per ieri pomeriggio alle 18 con il reintegro di […]
  • Bernardini fa auto-scouting11 Gennaio 2017 Bernardini fa auto-scouting Ecco pronto il bando per trovare il sostituto di Giovanni Savini, il direttore degli affari della presidenza e ai Rapporti con l’Europa della Regione Abruzzo, il penultimo mega dirigente […]
  • La graduatoria scomparsa24 Giugno 2016 La graduatoria scomparsa Una lettera inviata al direttore generale della Regione Abruzzo Cristina Gerardis e al Capo dipartimento Giovanni Savini per segnalare “un gravissimo caso di assenza di trasparenza, nel […]