·Gatti da pelare·

Forse è molto conteso, o forse no. Forse giocano su più tavoli, il conteso e il contendente, o forse è una partita più complessa. Tipo: vediamo chi la spunta, io o Tommaso Ginoble. Paolo Gatti, il vice presidente del consiglio regionale di centrodestra, sarebbe l’artefice di un ribaltone all’Adsu di Teramo grazie all’appoggio di Luciano D’Alfonso.

Federica Chiavaroli, Paolo Gatti, Luciano D'Alfonso e Giuseppe Di Pangrazio

Federica Chiavaroli, Paolo Gatti, Luciano D’Alfonso e Giuseppe Di Pangrazio

Nell’azienda per il diritto agli studi universitari starebbe per approdare la dirigente regionale Giuseppina Colaiuda detta Giusy, che ora lavora al servizio emergenza sanitaria e sanità digitale. Dirigente molto amica di Paolo Gatti che, ai tempi della giunta Chiodi e lui assessore, tentò di piazzarla al servizio stampa al posto di Vanna Andreola quando si scatenò la polemica sulle competenze: lei, al contrario della Andreola, pare sia giornalista pubblicista.

Dovrebbe prendere il posto dell’attuale direttore Silvano Binchi. Il presidente dell’Adsu è Paolo Berardinelli, braccio destro del rettore Luciano D’Amico all’università. Gatti, ai tempi in cui era in auge, aveva già tentato di farlo fuori, senza riuscirci. Adesso il colpo dovrebbe andargli a segno, grazie naturalmente a D’Alfonso.

Ginoble, Gerosolimo e Monticelli

Ginoble, Gerosolimo e Monticelli

E allora: su quanti tavoli gioca Paolo Gatti? Maperò ha raccontato due giorni fa il patto di Roseto: un accordo tra Gatti, appunto, il parlamentare Pd Tommaso Ginoble da sempre nemico giurato del governatore abruzzese Luciano D’Alfonso, il consigliere regionale Pd Luciano Monticelli e Andrea Gerosolimo, il neo assessore di Abruzzo civico. Obiettivo: il controllo un po’ a me un po’ a te della piazza teramana. Un patto che è stato già collaudato ai tempi del rimpasto di giunta, con l’aggiunta di Gatti che da sempre e per sua stessa ammissione è amico e confidente di Gerosolimo.

Gerosolimo e Gatti

Gerosolimo e Gatti

Lì con Ginoble, qui all’Adsu con D’Alfonso. Possibile? Può essere fantapolitica. Ma può essere semplicemente che la partita sia più grossa, e che Gatti venga considerato un buon portafoglio di voti nel Teramano, e che quindi D’Alfonso voglia provare a sfilarlo a Ginoble e a Gerosolimo. Haivistomai. E che vinca il peggiore.




Articoli correlati

  • Patto di Roseto, Gatti ci covaNovembre 16, 2015 Patto di Roseto, Gatti ci cova Lì, dalla fortezza del centrodestra che fu (Chiodi, Venturoni, Gatti eccetera eccetera), dalla spiaggia da cui è partita la fronda sfociata nel rimpasto, lì intorno a un tavolo si sono […]
  • Gatti ci covano davveroDicembre 8, 2015 Gatti ci covano davvero Gatti ci covano. E ci covavano davvero, nonostante le smentite fioccate, anche questa volta, su tutto il web. Il patto di Roseto, sottoscritto tra politici pizza e birra, è molto ma molto […]
  • Adsu, un Sorgi di regaloFebbraio 10, 2016 Adsu, un Sorgi di regalo E due. Dopo Pierluigi Caputi anche un altro direttore regionale odiatissimo da Luciano D'Alfonso conquista uno scranno: Antonio Sorgi è il nuovo direttore dell'Adsu di Teramo, l'azienda […]
  • Gatti chiari alla RegioneSettembre 12, 2015 Gatti chiari alla Regione Con lui assessore ne fa contenti tre. La manfrina delle dimissioni degli assessori regionali serve proprio a questo: a impalmare Andrea Gerosolimo, new entry in quota Abruzzo civico, […]